asm
asm
Ospedale e sanità

Botta e risposta tra ordine infermieri e Asm

Sul servizio infermieristico tecnico riabilitativo (Sitra)

Sul Sitra (Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitativo Aziendale) si registra un botta-e-risposta tra l'ordine professioni infermieristiche (Opi) e l'Asm.

OPI INFERMIERI - Un atto che rappresenta un punto di rottura tra l'Asm ed i suoi infermieri, rimasti delusi dal "regalo di Natale" dell'azienda, che ha fatto scomparire dal nuovo atto aziendale la UOC SIC SITRA: l'unità operativa complessa interaziendale del Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitativo Aziendale. Una importante struttura organizzativa, necessaria per il coordinamento del personale infermieristico, ostetrico, tecnico-sanitario, riabilitativo e della prevenzione, oltre che gli operatori di supporto, che avrebbe dovuto essere attiva già da qualche anno e che invece, adesso, è completamente sparita dall'agenda programmatica dell'azienda.

"Si tratta dell'ennesimo atto d'imperio di una direzione che mostra puntualmente scarsa considerazione per le professioni sanitarie e per il contributo che le stesse assicurano per il funzionamento e l'efficientamento dell'Asm"- affermano dall'Opi, l'ordine professioni infermieristiche di Matera, sottolineando come questo atteggiamento viene confermato anche dal piano triennale del fabbisogno di personale che, nonostante il pensionamento di un dirigente infermiere, non prevede l'assunzione di nessun sostituto.

"Uno schiaffo in faccia al lavoro, qualificato e prezioso, di categorie sanitarie, come gli infermieri, che vivono a stretto contatto col paziente addirittura più dei medici, come quest'anno di pandemia ha dimostrato"- evidenziano dall'associazione degli infermieri, che ritengono la decisione presa dall'Azienda Sanitaria di Matera, penalizzante per la categoria.

"Ci auguriamo, pertanto, che la direzione possa riflettere e tornare sui propri passi e che, nel frattempo, la politica materana - a tutti i livelli – prenda posizione sulle politiche sanitarie della Regione, autoreferenziali, poco partecipate e, soprattutto, poco efficaci"- concludono dall'Opi.

RISPOSTA DELLA ASM - "Con l'aggiornamento dell'Atto Aziendale dell'ASM, adottato con deliberazione n. 1186 del 24/12/2020 non vi è stata cancellazione di nessuna delle unità operative previste nell'ultimo Atto Aziendale dell'ASM preesistente, adottato con deliberazione n. 1099 del 21/11/1997 ed approvato dalla Giunta regionale con DGR n. 132 del 14/02/2018". Questa la risposta della Asm.

"Come emerge dall'evidenza documentale - aggiunge l'azienda - tale Struttura Complessa Interaziendale non figura nell'organigramma allegato all'Atto Aziendale preesistente all'aggiornamento adottato da questa Direzione con la su richiamata deliberazione aziendale n. 1186/2020. Di fatto l'Accordo relativo al 2017 tra la Regione Basilicata e le Aziende Sanitarie Lucane, citato nell'articolo considerato, che inizialmente prevedeva la Struttura Complessa Interaziendale del Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitativo Aziendale tra l'ASM e l'ASP, attestandola a quest'ultima, è stato superato dai successivi aggiornamenti da parte dei Direttori delle Aziende Sanitarie Regionali, sulla scorta dei quali è stato adottato il già menzionato Atto Aziendale dell'ASM, adottato con delibera n. 1099/2018 così come aggiornato da questa Direzione con delibera n. 1186/2020. A conferma di quanto sostenuto si cita la deliberazione aziendale n. 18 del 11/01/2018 con la quale l'ASM ha approvato l'Accordo Programmatico Interaziendale per la rimodulazione delle Strutture Complesse Interaziendali, sottoscritto dai Direttori Generali dell'ASM, ASP, AOR San Carlo e IRCCS CROB di Rionero, in cui è riportato l'aggiornamento dell'elenco delle Strutture Complesse Interaziendali tra cui non figura più la SIC "S.I.T.R.A.".

Pertanto, nessun "atto d'imperio" da parte dell'attuale direzione dell'ASM, che, è bene ricordare, nelle more della nomina del Direttore Generale pro-tempore, esercita un ruolo di "facente funzioni", che, proprio in virtù della provvisorietà del proprio mandato, ha ritenuto opportuno non operare alcuna modifica dell'Atto Aziendale preesistente, che di fatto, con l'unica eccezione della rifunzionalizzazione dell'UOC Medicina di Policoro, è rimasto totalmente inalterato. Ad ogni buon conto, è di tutta evidenza, che qualora l'ASP, quale Azienda attestataria della SIC "S.I.T.R.A.", su mandato regionale, ritenesse di attivare la suddetta SIC, questa Direzione ne prenderà atto e provvederà di conseguenza. Altrettanto priva di fondamento è l'altra accusa contenuta nell'articolo de quo in merito alla presunta scarsa considerazione riservata da questa Direzione alle Professioni Sanitarie, in virtù delle previsioni effettuate nel Piano Triennale del Fabbisogno di Personale approvato dall'ASM. Anche in questo caso è doveroso fornire alcune precisazioni: questa Direzione, infatti, giusta deliberazione n. 259 del 11/03/2020 ha provveduto all'assunzione di un dirigente delle Professioni Sanitarie Infermieristiche e Ostetriche, in aggiunta al Dirigente Responsabile del Servizio delle Professioni Sanitarie, provvedendo al contempo al significativo potenziamento del Servizio con il conferimento di vari incarichi di funzione e l'assegnazione di altro personale di supporto. In merito poi al Piano Triennale del Fabbisogno di personale 2021 - 2023, a fronte della cessazione dell'attuale Dirigente delle Professioni Sanitarie nel corso del 2021 è stata prevista nel 2022 l'assunzione di un'unità dello stesso profilo, che si aggiunge a quella del Dirigente delle Professioni Sanitarie – Area Prevenzione.

Si citano, inoltre, i Piani Operativi adottati dall'Azienda per il potenziamento della rete assistenziale ospedaliera e territoriale, in attuazione degli indirizzi programmatici nazionali e regionali, che prevedono cospicui investimenti nel personale infermieristico. A margine delle doverose precisazioni dinnanzi rappresentate, non si può fare a meno di esprimere profondo disappunto per le dichiarazioni contenute nell'articolo in questione, rilasciate dagli autori dello stesso in un momento estremamente delicato e complesso della gestione aziendale, in cui questa Direzione sta profondendo il massimo sforzo tra mille difficoltà e sacrifici da parte di tutto il personale dell'Azienda, un momento in cui, al contrario, andrebbero, dati segnali di compattezza, di coesione e di unitarietà, mettendo da parte comportamenti pretestuosi e destabilizzanti".
  • Asm Basilicata
Altri contenuti a tema
Asm: riapre il Cup in via Matteotti Asm: riapre il Cup in via Matteotti Dopo quasi due mesi. Era stato chiuso per atti vandalici
Cup in via Matteotti ancora chiuso Cup in via Matteotti ancora chiuso Protesta del consigliere regionale di Basilicata Positiva Piergiorgio Quarto
Tamponi al personale dell’ospedale Madonna delle Grazie Tamponi al personale dell’ospedale Madonna delle Grazie Priorità ai reparti più a rischio
Sanità, non si trovano infermieri Sanità, non si trovano infermieri Ne servono 20 ma rispondono solo in 4
Covid19: Asm Matera incrementa numero posti letto Covid19: Asm Matera incrementa numero posti letto Per pazienti di Covid-19 o per il post-ricovero
Tentativo di incendio agli uffici del Cup Tentativo di incendio agli uffici del Cup Denuncia della Asm. E' il secondo danneggiamento
Asm, nuovi ecografi per ostetricia e ginecologia Asm, nuovi ecografi per ostetricia e ginecologia Per gli ospedali di Matera e Policoro
Danneggiato ingresso del Cup in via Matteotti, disagi per utenti Danneggiato ingresso del Cup in via Matteotti, disagi per utenti La Asm denuncia: "un atto di sciacallaggio"
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.