Edilizia
Edilizia
Territorio

Confapi: decreto rilancio toglie risorse per sicurezza lavoro

Preoccupazione da parte dell’associazione delle piccole e medie industrie

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Il direttore di Confapi Matera, Vito Gaudiano, ha chiesto l'intervento del presidente nazionale di Confapi, Maurizio Casasco, per rimediare a quanto disposto dal Decreto Rilancio in ordine agli incentivi per la sicurezza sul lavoro. Lo comunica la stessa Confapi in un comunicato in cui afferma: "Il decreto legge n. 34/2020 ha revocato il bando di finanziamento ISI-INAIL 2019, già pubblicato lo scorso dicembre, e ne ha destinato le risorse economiche al finanziamento di misure finalizzate al contenimento e al contrasto della diffusione del coronavirus negli ambienti di lavoro. Analoga sorte hanno subito le risorse stanziate per il 2020, per un totale di 403 milioni.

La Basilicata perde circa 4 milioni di euro. Tali somme sono state dirottate sul bando Invitalia "Impresa Sicura" che è riuscito a coprire solo una minima parte delle istanze presentate. Invero, ferma restando la necessità di sostenere le imprese che hanno effettuato interventi per la riduzione del rischio di contagio, il direttore di Confapi Matera evidenzia che il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro resta un'esigenza fondamentale per le Pmi, per cui si ritiene che le misure anti-Covid andrebbero finanziate con risorse aggiuntive a quelle dei bandi ISI.

Privare questo importante strumento della copertura finanziaria per i prossimi 2 anni significa – dichiara Gaudiano - sottrarre alle imprese gli incentivi cui fino a questo momento hanno fatto abbondantemente ricorso per la realizzazione d'interventi in materia di sicurezza sul lavoro. Senza contare il fatto che tali risorse sono state finora sempre insufficienti rispetto alla domanda.

Il bando ISI Inail, fino ad oggi, si è rivelato uno strumento essenziale di supporto alle imprese che investono nella sicurezza i soldi dei bandi ISI sono soldi dei lavoratori e delle aziende che, finanziando queste migliorie, diventavano anche minori costi per l'Inail.

L'auspicio è che si faccia ogni sforzo possibile per reperire le risorse finanziarie per i bandi ISI, perché tali incentivi sono fondamentali per aiutare le piccole e medie imprese nel miglioramento della sicurezza dei luoghi di lavoro", conclude il comunicato.
  • Confapi Matera
Altri contenuti a tema
Decreto semplificazione: manca la statale 7 Decreto semplificazione: manca la statale 7 Confapi la vuole tra le opere strategiche da realizzare
Estrazione inerti fluviali, alla Regione qualcosa di muove Estrazione inerti fluviali, alla Regione qualcosa di muove Confapi: “Abbiamo formulato alcune proposte che ora attendono risposta”
Sale ricevimento, occorrono interventi urgenti Sale ricevimento, occorrono interventi urgenti Confapi Matera scrive alla Regione in rappresentanza di dieci ditte
Confapi, nessuna risposta da assessore regionale all'ambiente Confapi, nessuna risposta da assessore regionale all'ambiente “Da oltre 6 mesi chiesto un incontro a Rosa"
La Confapi ricorda il direttore Franco Stella La Confapi ricorda il direttore Franco Stella Nel primo anniversario della scomparsa, intitola la sala conferenze
Associazioni di categoria contro l'amministrazione comunale Associazioni di categoria contro l'amministrazione comunale Duro atto di accusa: l'operato è stato giudicato "fallimentare"
Liquidità a ostacoli per le imprese Liquidità a ostacoli per le imprese Confapi: "Comportamenti scorretti di alcune banche”
Un webinar per le imprese edili di Confapi Matera Un webinar per le imprese edili di Confapi Matera Riapertura dei cantieri nella piena osservanza delle misure di contenimento del contagio
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.