Enzo Acito
Enzo Acito
Territorio

Confapi Matera, no al tfr in busta paga

Acito: "Sarebbe penalizzante per le aziende"

Una decisione che potrebbe essere contenuta nel prossimo decreto legislativo in materia di lavoro è l'inserimento del tfr nella busta paga dei lavoratori. Significa che ogni lavoratore potrà scegliere se detrarre in anticipo una percentuale, ancora da definire, sul suo tfr per poterne usufruire immediatamente.

Confapi Matera è contraria a questo provvedimento. Infatti il presidente di Confapi Matera, Enzo Acito, ha affermato che potrebbe essere una decisione penalizzante per le aziende in quanto sottrarrebbe loro liquidità, fondamentale in questo periodo di crisi.

"In questo periodo di scarsa liquidità – prosegue Acito - sono pochissime le imprese che accantonano il tfr, per cui l'inserimento in busta paga si tradurrebbe in un esborso notevole per aziende che versano in grosse difficoltà. Per altri, invece, l'accantonamento serve per garantire i prestiti destinati agli investimenti".

Per molte imprese la crisi di liquidità deriva dai ritardi dei pagamenti della pubblica amministrazione, a causa dei vincoli del Patto di Stabilità Interno. E la norma "si applicherebbe solo ai dipendenti delle imprese private e non ai dipendenti pubblici perché questo aumenterebbe il deficit statale, con un'evidente disparità".

E prosegue con le complicazioni legislative che potrebbe comportare questa disposizione: "Per non parlare della complicata tecnica legislativa che occorrerebbe per trasformare un reddito differito come il tfr in soldi da pagare subito. Come tassare un reddito differito che si paga subito? Si noti anche che con questo provvedimento si aumenta il reddito per aumentare il prelievo fiscale, ma così molti perderanno il diritto agli 80 euro in busta paga".

Infine il presidente di Confapi sottolinea come questo provvedimento "contraddice tutte quelle misure che faticosamente e con scarsi risultati si stanno mettendo in campo per aumentare la disponibilità di cassa delle imprese, come per esempio l'accordo sulla moratoria dei debiti bancari delle pmi o la garanzia pubblica sulle cessioni dei crediti delle imprese verso la pubblica amministrazione".
  • Confapi Matera
  • TFR
Altri contenuti a tema
Confapi: grido d’allarme delle aziende del mobile imbottito Confapi: grido d’allarme delle aziende del mobile imbottito Le imprese lamentano impossibilità ad evadere gli ordini per mancanza di materie prime
Riforma consorzi industriali, confronto fra Confapi e consiglieri regionali Riforma consorzi industriali, confronto fra Confapi e consiglieri regionali Posizioni distanti sul ddl Api-Bas spa
Motorizzazione Matera, tempi lunghi per collaudi e revisioni Motorizzazione Matera, tempi lunghi per collaudi e revisioni Confapi esprime preoccupazione per le carenze di personale
Coronavirus, donazioni alle mense dei poveri Coronavirus, donazioni alle mense dei poveri Confapi: Grassani, Salerno e Santantonio consegnano mascherine e tute
Contributi alle imprese per far fronte all’IMU Contributi alle imprese per far fronte all’IMU La richiesta di Confapi Matera all’Assessore regionale Franco Cupparo
G20, nuova occasione per Matera protagonista G20, nuova occasione per Matera protagonista Soddisfazione di Confapi per la scelta del summit degli Esteri
Matera, dopo il 2019 un nuovo inizio Matera, dopo il 2019 un nuovo inizio Confapi chiede un maggiore protagonismo della città di Matera
Confapi, Lucia Scalera nuovo vicepresidente dei giovani mprenditori Confapi, Lucia Scalera nuovo vicepresidente dei giovani mprenditori Nominata ieri dal presidente Eustachio Papapietro
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.