Luigi Di Maio
Luigi Di Maio
Politica

Di Maio a Matera

5 g e scandalo sanità i temi caldi toccati dal Ministro

Visita lampo del vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, sabato a Matera.
Il Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro si è recato nella città dei Sassi principalmente per fare il punto della situazione sullo sviluppo della tecnologia 5g, presso la centrale Tim della città lucana.
Matera, infatti, è tra le prime aree nel Paese e su scala internazionale, a essere coperte dall'infrastruttura di rete mobile di quinta generazione.
Quindi, il governo non può non monitorare con molta attenzione lo sviluppo di questa nuova tecnologia, soprattutto per la scelta ricaduta sulla città dei Sassi.
"Sono contento- ha dichiarato il vicepremier Di Maio- che una città simbolo del sud come Matera stia sperimentando il 5 g".
Una tecnologia che porterà certamente delle migliorie alle aziende che intendono essere al passo coi tempi, per rimanere competitive sui mercati mondiali. "Il 5 g- ha commentato Di Maio- serve alle aziende affinchè siano di nuova generazione e per l'industria 4.0".

Il ministro pentastellato non si è sottratto alle domande dei giornalisti che chiedevano un commento sulle recenti vicende che hanno portato allo scandalo della sanità lucana, con il coinvolgimento del Presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella.
Chiara la posizione di Di Maio sulla vicenda: se le accuse mosse contro Pitella dovessero essere confermate allora, secondo il pensiero del leader del movimento 5 stelle, Pittella deve dimettersi.
Se l'inchiesta sulle raccomandazioni e sui concorsi truccati sulla sanità lucana dovesse confermare le accuse allora il governatore della Basilicata faccia un passo indietro. "Non è possibile che Pittella ne esca solo con una sospensione, se è vero che ha usato la sanità come un bancomat politico, che si dimetta. Ci aspettiamo le dimissioni e le chiederemo fino a quando non ci saranno- ha ribadito con forza Di Maio.
Infine il Ministro del Lavoro, forse anche sollecitato da una missiva ricevuta dal Presidente dell'Associazione "Matera Ferrovia Nazionale", Nicola Pavese, ha fatto un passaggio sulla situazione dei trasporti e delle infrastrutture della città dei Sassi.
Non avere le ferrovie di stato nella città che si appresta a diventare simbolo della cultura europea non è un bel biglietto da visita, ha detto. "Ci fa fare una brutta figura con tutto il mondo- chiude Di Maio, con una promessa di impegno da parte del suo governo: "Ho detto al ministro Toninelli che questa è una priorità".
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.