Questura di Matera
Questura di Matera
Cronaca

Incendio di un'agenzia funebre, tre arresti

Indagine della Polizia di Matera e della Dda di Potenza

Tre uomini sono stati arrestati a Santeramo e Altamura dalla Polizia ed un altro è stato sottoposto a divieto di dimora a Matera per l'incendio di un'agenzia funebre avvenuto il 29 ottobre del 2020 nella città lucana, con l'accusa di danneggiamento di immobile aggravato dal metodo mafioso. L'inchiesta è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Potenza e condotta dalla squadra mobile della Questura di Matera, le misure cautelari sono state firmate dal gip del Tribunale di Potenza.

Due persone sono finite in carcere, si tratta di un marocchino di 61 anni (M.D.) e di un 24enne (S.F.), entrambi residenti a Santeramo in Colle, in provincia di Bari; ai domiciliari un 19enne di Altamura (F.P.); divieto di dimora a Matera per un 45enne del posto (G.T.). Sono state eseguite, inoltre, perquisizioni personali, veicolari e domiciliari.

Secondo gli inquirenti, a vario titolo, i quattro sono responsabili dell'incendio della vetrata esterna di un'agenzia funebre nel centro di Matera, appiccato utilizzando liquido infiammabile. Le fiamme danneggiarono la vetrata, l'ingresso e la facciata del palazzo, lambendo le finestre di un appartamento al primo piano. Nelle ore successive venne trovato a Santeramo in Colle il veicolo utilizzato dai malviventi e fu sequestrato il tappetino dell'abitacolo, imbevuto di benzina. Sono seguite altre indagini, dall'esame delle immagini di molte telecamere a Matera, Santeramo in Colle e Altamura all'ascolto di persone informate sui fatti, sino all'acquisizione di documenti presso il Comune di Matera e all'analisi della situazione patrimoniale delle agenzie funebri.

Tali accertamenti hanno individuato il presunto movente dell'incendio in una concorrenza tra agenzie funebri a Matera. Gli inquirenti ritengono che il mandante sia stato il 45enne ora sottoposto a divieto di dimora, appartenente a una famiglia che opera nel settore, con l'obiettivo di colpire un'impresa concorrente perché questa forniva servizi funebri con un migliore rapporto qualità prezzo. Per la Dda, la modalità è ''tipicamente mafiosa'' perché finalizzata a mandare un chiaro messaggio intimidatorio alla vittima così da ''determinarne assoggettamento ed omertà''.
  • Incendio
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Consumo cannabis, parlarne a scuola per conoscere i rischi Consumo cannabis, parlarne a scuola per conoscere i rischi Gli studenti del liceo scientifico a confronto con forze di polizia
Matera, Polizia arresta uno spacciatore di droga Matera, Polizia arresta uno spacciatore di droga Sequestrati 42,5 grammi di cocaina
Latitante finisce in manette Latitante finisce in manette Arrestata dopo 7 anni dalla Polizia una donna straniera
Il Camper della Polizia in piazza Vittorio Veneto Il Camper della Polizia in piazza Vittorio Veneto Per la giornata della violenza contro le donne
Maltrattamenti e violenza sessuale, un arresto a Matera Maltrattamenti e violenza sessuale, un arresto a Matera La vittima ha trovato la forza di denunciare il marito
Una foto di Matera nel calendario della Polizia Una foto di Matera nel calendario della Polizia Scattata dal responsabile della scientifica Sasso
Montescaglioso, un arresto per possesso di droga Montescaglioso, un arresto per possesso di droga La Polizia ferma un 51enne con circa 120 grammi di cocaina
Operazione Under Boss, tre arresti Operazione Under Boss, tre arresti la Polizia di Stato esegue tre ordini di carcerazione dopo la sentenza definitiva di condanna
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.