Turisti
Turisti
Turismo

Matera piace ai turisti: dal 2010, presenze in aumento del +176%

I dati diffusi dal Centro Studi Turistici di Firenze e dalla Confesercenti

In occasione del lancio della 22^ Borsa del Turismo delle 100 Città d'Arte, il Centro Studi Turistici di Firenze in collaborazione con la Confesercenti ha presentato i dati relativi al turismo italiano nel periodo che va dal 2010 al 2017.

In soli sette anni, le presenze turistiche nelle città d'arte sono passate da 93,9 a 115,3 milioni, con un incremento complessivo del 22,8% (+21,4 milioni). Tra queste, in prima fila Matera, Capitale europea della Cultura per il 2019, che registra un aumento del +176% - dovuto soprattutto alla domanda straniera (+216%) - e la bella Napoli con una crescita del 91%, seguite da Verona (+62,7%), Padova (+55,6%) e Bologna (+55%).

Letteralmente rapiti dal nostro patrimonio culturale sono soprattutto i turisti stranieri che, non a caso, costituiscono più del 60% delle presenze turistiche registrate nelle città d'arte.

"I dati positivi emersi dalla indagine Confesercenti che vedono Matera al primo posto fra le città d'arte italiane a maggiore crescita turistica dal 2010 al 2017 non ci sorprendono perché già da diversi anni stiamo monitorando e registrando l'aumento delle presenze con effetti positivi sull'economia del territorio". E' il commento di Salvatore Adduce, presidente della Fondazione Matera-Basilicata2019.

"Già dal 2010, infatti – afferma Adduce - grazie anche al lavoro della candidatura per Matera Capitale europea della cultura con il quale la città si è posizionata su livelli di comunicazione e promozione molto competitivi, è stata registrata una costante crescita del turismo. Poi, con la proclamazione del 17 ottobre 2014 la visibilità di Matera è ulteriormente aumentata non fermandosi al panorama italiano. Non è infatti un caso che in questi sette anni la domanda dall'estero sia cresciuta addirittura del 216% (duecentosedici per cento!). Se, quindi, da una parte il dato non ci sorprende, dall'altro ci esalta e ci assegna una ulteriore responsabilità per far fronte ad una pressione turistica massiccia. Ecco perché con il ruolo protagonista del comune, la Fondazione è impegnata, così come previsto dal dossier di candidatura, a promuovere l'arrivo di cittadini temporanei che possano vivere questi luoghi non solo attraverso la loro ammirazione, ma soprattutto come straordinaria occasione di crescita culturale. Ed è in questa direzione che ci stiamo muovendo".
  • Turismo
Altri contenuti a tema
1 Cresce il turismo a Matera, le proposte di Confapi Cresce il turismo a Matera, le proposte di Confapi "Necessarie nuove risorse finanziarie e la lotta all’abusivismo e all’evasione fiscale"
Matera alla prova generale del grande turismo Matera alla prova generale del grande turismo Iniziato il lungo ponte festivo. Molte restrizioni alla circolazione stradale
“Cta e-bike”, un progetto di turismo sostenibile “Cta e-bike”, un progetto di turismo sostenibile Incontro a Palazzo di Città tra amministrazione e responsabili del Centro Turistico Acli
2 Turismo, pienone a Matera. "Ma le paghe sono da schiavi" Turismo, pienone a Matera. "Ma le paghe sono da schiavi" La forte denuncia della Cgil
Matera meta preferita di primavera Matera meta preferita di primavera La città dei Sassi tra le più richieste d’Italia
Turismo e cultura in Basilicata: convegno della Cisl Turismo e cultura in Basilicata: convegno della Cisl Una tavola rotonda per discutere di punti di forza e debolezze
Sviluppo del turismo religioso, siglato un protocollo di intesa Sviluppo del turismo religioso, siglato un protocollo di intesa Comune, Diocesi e Parco “Terre di luce” hanno firmato accordo per i luoghi di culto
Un eliporto a Matera? Sì, per fini turistici Un eliporto a Matera? Sì, per fini turistici Sarà realizzato a La Martella. E' giunta al termine una vecchia gara
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.