zona industriale La Martella
zona industriale La Martella
Territorio

Zes Jonica: le imprese hanno grandi aspettative

Confapi, Cna e Confindustria chiedono un tavolo di concertazione alla Regione

La Zes Jonica diventa realtà, adesso bisogna sedersi attorno ad un tavolo e ragionare sugli strumenti operativi idonei a far si che questa grande opportunità di sviluppo per il territorio, non diventi una occasione perduta.

Sono sulla stessa lunghezza d'onda, la Confapi, la Cna e la Confindustria Basilicata, che hanno salutato con grande soddisfazione la firma del Ministro del Sud Barbara Lezzi apposta sul decreto che istituisce la ZES Jonica.

La Zona Economica Speciale, infatti, rappresenta un importante volano di sviluppo per le realtà produttive locali, nonché veicolo di nuovi possibili investimenti nelle aree industriali, sia della provincia materana che del tarantino. Ecco perché non bisogna perdere tempo, rimboccarsi le maniche ed iniziare a dialogare sulle attività da mettere in campo.

E per questo il presidente di Confapi, Massimo De Salvo e quello di Cna, Leonardo Montemurro, congiuntamente, hanno chiesto alla Regione Basilicata di "istituire un tavolo istituzionale di concertazione, aperto alle parti sociali - associazioni imprenditoriali e sindacati dei lavoratori – per consentire loro una partecipazione attiva alla definizione delle misure incentivanti per le imprese".

Pensiero condiviso da Pasquale Lorusso di Confindustria che chiede al governo regionale un confronto sulla Zes: una concertazione "sull'implementazione, a livello locale, delle misure idonee atte a sostenerne e potenziarne i benefici previsti a livello nazionale". Insomma, le associazioni che rappresentano gli imprenditori intendono svolgere un ruolo da protagonista nella gestione della Zes, anche perché sono parte in causa. Decisioni e proposte che potranno segnare il futuro del comparto industriale dell'area.

Considerando che i temi da affrontare sono tanti e non di poco conto: defiscalizzazione, semplificazione amministrativa, infrastrutture, sostegno imprese locali e incentivazioni ad imprese esterne all'area solo per citarne alcuni. Con accorgimenti che consentano di rendere la Zes più "attraente" per le imprese rispetto ai sette anni previsti dal decreto, e con la necessità- sottolinea Lorusso- di dialogare anche con le altre aree industriali della regione.

"Per tutti questi motivi e data la rilevanza della partita – ha concluso il presidente di Confindustria Basilicata - l'auspicio è che si possa passare al più presto alla fase del confronto".
  • Confapi Matera
  • Confindustria Basilicata
  • CNA
Altri contenuti a tema
La Confapi ricorda il direttore Franco Stella La Confapi ricorda il direttore Franco Stella Nel primo anniversario della scomparsa, intitola la sala conferenze
Associazioni di categoria contro l'amministrazione comunale Associazioni di categoria contro l'amministrazione comunale Duro atto di accusa: l'operato è stato giudicato "fallimentare"
Liquidità a ostacoli per le imprese Liquidità a ostacoli per le imprese Confapi: "Comportamenti scorretti di alcune banche”
Un webinar per le imprese edili di Confapi Matera Un webinar per le imprese edili di Confapi Matera Riapertura dei cantieri nella piena osservanza delle misure di contenimento del contagio
Al Nord requisite mascherine per ospedali del Sud Al Nord requisite mascherine per ospedali del Sud La Confapi denuncia il blocco di forniture importate da aziende lucane
Raccolta fondi a favore della Caritas Raccolta fondi a favore della Caritas Iniziativa dei giovani imprenditori di Confapi
Pagamento appalti pubblici, Confapi ottiene sblocco Pagamento appalti pubblici, Confapi ottiene sblocco L’associazione aveva chiesto di pagare le imprese per lavori e forniture
"Fare presto per l'economia" "Fare presto per l'economia" Le proposte di Confapi per superare la crisi
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.