Regolamento Urbanistico
Regolamento Urbanistico
Politica

A che punto è il Regolamento Urbanistico? Il Comune risponde

La richiesta di chiarimenti è stata presentata dal consigliere Augusto Toto

L'argomento è di quelli delicati. Mettere mani al Regolamento Urbanistico richiede i tempi giusti di valutazione e le giuste procedure, perché si tratta di un importante contenitore normativo che traccia le linee guida dello sviluppo della città, con importanti ricadute economiche.

Le numerose osservazioni e obiezioni, poi, se da un lato servono a "raddrizzare il tiro", dall'altro ne rallentano l'iter di approvazione.

E allora è quasi normale che i tempi preventivati per l'adozione del nuovo Regolamento Urbanistico, si siano allungati.

Di questo ha chiesto conto all'amministrazione comunale il consigliere di Lavoro e Sviluppo, Augusto Toto. Pronta la risposta dell'assessore Maria Rosaria Mongelli, titolare delle deleghe alle Politiche di governo del territorio, alla Pianificazione urbanistica e gestione del territorio, alle Politiche abitative, all'Edilizia pubblica e privata e alla Qualità urbana.

"Il tempo necessario -ha detto Mongelli- è direttamente proporzionale al numero ingente di osservazioni pervenute, nel numero di 124 (di cui 2 osservazioni che al loro interno contengono "sub-osservazioni") e alla quantità di modifiche intervenute nel corso del tempo molto lungo, dal P.R.G. del Prof. Nigro ad oggi".

Insomma, ci sono dei tempi tecnici da dover rispettare: non si può la momento stabilire una data.

Gli uffici comunali sono a lavoro per riordinare le osservazioni, in modo da consentire una discussione organica sulle stesse "per poter agevolare la definizione di scelte politiche e strategiche equipollenti sull'intero territorio e sullo strumento legislativo del Regolamento Urbanistico"- afferma l'assessore Mongelli, che poi fa chiarezza sulle l'applicazione delle disposizioni transitorie di salvaguardia, specificando che "le opere già autorizzate e non ancora eseguite o in corso di esecuzione alla data di adozione del presente Regolamento Urbanistico, non sono soggette alle prescrizioni delle presenti Norme Tecniche di Attuazione, sempre che l'inizio dei lavori sia avvenuto nei termini di validità del titolo abilitativo rilasciato".

Tutto ciò in attesa che il Regolamento Urbanistico del Comune di Matera venga finalmente varato.
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.