Alessandro Baricco
Alessandro Baricco
Vita di città

Baricco collabora all’Atlante emozionale di Matera

Contributo del noto scrittore alla realizzazione dell'Atlante emozionale della città

Il nome è di quelli che contano, e non poco. Tra coloro che stanno collaborando alla realizzazione dell'Atlante emozionale della città di Matera, c'è anche Alessandro Baricco.
Il noto scrittore torinese, è arrivato a Matera per collaborare al progetto laboratoriale realizzato dal Teatro dei Sassi, insieme alla Fondazione "Matera-Basilicata 2019".
Baricco, con la sua scuola Holden di Torino, della quale è uno dei fondatori, ha comunicato la sua disponibilità a collaborare alla realizzazione del progetto.
Progetto che prevede la realizzazione di percorsi del "cuore", luoghi di assoluto valore affettivo, individuati attraverso le testimonianze di cittadini materani e turisti stranieri.
In pratica, le mappe emozionali altro non sono che i luoghi dove sono accaduti avvenimenti personali particolarmente significativi, segnati su una pianta della città.
Le mappe emozionali personali poi, tutte insieme, costituiranno la "Mappa Madre Emozionale", che descriverà i percorsi preferiti della città dei Sassi, fino a comporre quello che sarà il primo capitolo dell'Atlante emozionale intitolato: "La secretissima camera de lo core", un allestimento interattivo di memorie e racconti, attraverso il quale i visitatori potranno sperimentare questa nuova modalità di visitazione della città.
Dunque, un progetto ambizioso, cui Baricco ha aderito con entusiasmo.
"Giudico davvero interessante e stimolante il lavoro realizzato per l'Atlante, con le tante mappe emozionali che descrivono luoghi della memoria e racconti dell'anima, in una città dalla storia millenaria come Matera. E questo per le suggestioni che crea".- ha dichiarato lo scrittore torinese.


Si incominciano così, a svelare le iniziative culturali in programma per Matera Capitale Europea della Cultura 2019.
In questo contesto si innesta bene "l'Atlante delle emozioni delle città", che ingloberà le suggestioni di materani e stranieri, attraverso i loro racconti, nostalgici ed emozionati, così da offrire un nuovo modo per visitare la città.
Una idea che Alessandro Baricco ha condiviso immediatamente, anche perché "è un progetto che è in linea con la Scuola Holden- conclude lo scrittore torinese-. E io darò il mio contributo per valorizzarlo".
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.