“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura
“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura
Eventi e cultura

“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura

La neonata associazione si presenta al pubblico materano

"Leggere, in fondo, non vuol dire altro che creare un piccolo giardino all'interno della nostra memoria. Ogni bel libro porta qualche elemento, un'aiuola, un viale, una panchina sulla quale riposarsi quando si è stanchi. Anno dopo anno, lettura dopo lettura, il giardino si trasforma in parco". E' la citazione, contenuta nel libro "Cara Mathilda", di una delle più famose scrittrici italiane, Susanna Tamaro, che comprende l'intento della neonata associazione culturale "La città che legge": promuovere il vero significato della lettura attraverso iniziative come letture collettive, caffè letterari, concorsi di lettura.

La sfida, intrapresa da Antonella Ciervo, Lucia Maffei, Patrizia Orofino e Antonella Padula, è stata lanciata a Matera nell'ambito di un'iniziativa culturale, dove sei lettori hanno colto l'invito de "La città che legge" a leggere pagine di libri, da loro stessi particolarmente sentiti. Dunque, letture contenenti storie accattivanti e riflessioni profonde: da "La risposta è nelle stelle" di Nicholas Sparks a "ll principe" di Niccolò Machiavelli, da Madame Bovary di Gustave Flaubert all'Odissea di Omero, per poi passare a "Il Gattopardo" di Giuseppe Tomasi di Lampedusa e "Che cosa strana è il mondo" di Jean D'Ormesson.

Per la Ciervo è una sfida ardua, ma non impossibile: "Nonostante la Regione Basilicata sia collocata nelle ultime posizioni d'Italia riguardo la lettura con dati imbarazzanti, a Matera abbiamo capito che c'è un potenziale inespresso". E poi ha proseguito: "Ogni città dovrebbe offrire tutti gli strumenti adatti per capire la realtà che ci circonda. In questo senso la lettura è comprensione, capacità di valutazione e analisi di critica".

"Si può contribuire – ha spiegato il presidente dell'associazione, Antonella Ciervo – passo per passo a modificare le abitudini della gente. Ad esempio, andare in biblioteca per leggere testi antichi e preziosissimi del 1800: ecco un cittadino nel tempo libero può farlo". Ma bisogna abbattere i muri della pigrizia mentale, come? "La pigrizia va provocata. Nei prossimi mesi promuoveremo altre iniziative che non riguarderanno solo la lettura. Realizzeremo degli incontri in cui si parlerà della storia dei lucani e degli italiani, di come raccontare una favola trasformandola in storia contemporanea. Infatti alcuni dei nostri riferimenti sono le diverse fasce d'età; ci chiediamo e vogliamo comprendere meglio come e cosa leggono gli anziani e i bambini di oggi". Oltre ai contatti con le scuole, l'associazione vuole instaurare rapporti con "la casa circondariale di Matera" perchè "nel bene e nel male, in carcere c'è molto tempo da spendere e si può uscire rieducati". Sotto questo punto di vista, conclude la Ciervo, "la rieducazione potrebbe passare dalla lettura".

A dare un tocco di creatività all'incontro, tenutosi alla Mediateca provinciale di Matera, gli studenti dell'istituto professionale "I. Morra" che hanno realizzato borse, braccialetti, collane, e piantine utilizzando la carta di giornali, riviste e libri. Gli alunni sono stati seguiti con un occhio di riguardo dalle insegnanti, Rosaria Scaraia, Palma Domenichiello, Angela Gravina, Stella Maragno e Carmela Gagliardi. "La vera essenza di questi lavori – hanno affermato con convinzione le docenti - è nella creatività e nella manualità dei nostri ragazzi. La creatività è un elemento fondamentale che aiuterà i nostri allievi a risolvere problematiche in futuro nei molteplici contesti lavorativi".
19 foto“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura
“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura“La città che legge”, la cultura passa dalla lettura
  • Lettura
  • La città che legge
Altri contenuti a tema
23 aprile: Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore 23 aprile: Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore Le iniziative in programma a Matera
Cittàchelegge sul caso-librerie Cittàchelegge sul caso-librerie “Fenomeno diffuso che disegna un paese diverso. Pronte a iniziative di promozione della lettura nelle scuole”
Stipulato l'accordo fra Cittàchelegge e Agesci Stipulato l'accordo fra Cittàchelegge e Agesci Si potranno donare libri nella sede della Parrocchia di Maria Madre della Chiesa
Biblioteca T.Stigliani, “nulla o poco si muove” Biblioteca T.Stigliani, “nulla o poco si muove” La sollecitazione dell’associazione “Cittàchelegge”
20 anni di attività di Altrimedia Edizioni, reading letterario per festeggiare 20 anni di attività di Altrimedia Edizioni, reading letterario per festeggiare Ciclo di eventi con autori e appassionati di lettura
“Con il cuore in mano”, viaggio nel mondo della lettura “Con il cuore in mano”, viaggio nel mondo della lettura Grande partecipazione per il reading promosso da Altrimedia Edizioni
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.