La conferenza in Camera di Commercio con la GdF
La conferenza in Camera di Commercio con la GdF
Enti locali

"Legalità mi piace" ecco la campagna contro la contraffazione

La giornata di mobilitazione della Confcommercio per sensibilizzare i cittadini

La contraffazione diviene giorno dopo giorno, un tratto distintivo degli acquisti da parte dei cittadini, la Confcommercio, assieme alle forze dell'ordine e soprattutto alla Guardia di Finanza, lancia una campagna contro la marce non legele, le copie d'autore, la pirateria e il mercato nero.

Sicuramente in tempi di crisi non è facile potersi permettere un capo firmato, l'ultimo modello di cellulare o altri prodotti dal costo elevato ma di moda, di uso comune e dalle grandi comodità. Per poterseli permettere, molti cittadini si lasciano trasportare dagli acquisti di oggetti contraffatti. E' infatti in forte crescita l'acquisto di prodotti e servizi non originali. Il 25,6 % dei consumatori, uno su quattro in sintesi, ha acquistato almeno una volta nel 2013 un prodotto o un servizio illegale.

Ma il dato più sconcertante riguarda la consapevolezza del consumatore. Infatti, il 55,3 % dei consumatori ritiene questo tipo di acquisti piuttosto normali. E solamente il 36,2 % del totale degli acquirenti reputa l'acquisto illegale come inconsapevole. Dunque, si acquistano oggetti provenienti dal mercato parallelo, a costi più accessibili e lo si fa sempre più con convinzione di ciò che si sta facendo.

"Auspichiamo un cambio della percezione di questi tipo di reato, ancora nella pubblica opinione considerato come un reato minimo - ha spiegato il Maggiore Aldo Cavallo nella conferenza stampa tenutasi in Camera di Commercio questa mattina - Dietro questo mercato, infatti, c'è sempre la criminalità organizzata che lavora su ampia scala, non è solamente l'ambulante finale a detenere questi oggetti".

Il passaggio attualmente più importante, dunque, è la sensibilizzazione dei cittadini. "Servono campagne come "Legalità mi piace!" per permettere a tutti di prendere coscienza dell'atto che si sta commettendo acquistando prodotti contraffatti - ha aggiunto il Colonnello Cozzoli, Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Matera - Educare la popolazione è importante e l'opera di sensibilizzazione che partirà a breve andrà a coinvolgere anche le scuole per poter partire dai più piccoli con l'informazione su questa problematica".

Nel materano, specificano i militari della Guardia di Finanza intervenuti, non c'è un allarme sociale derivante dalla contraffazione, ma non bisogna mai abbassare la guardia. Infatti, negli ultimi due anni, son ostati quasi duecento mila i prodotti sequestrati, con oltre cinquanta persone segnalate. Solo nel 2013 sono stati ben 120.774 i prodotti sequestrati, divisi in moda, elettronica e giocattoli. Tanti acquistano abbigliamento (41,2 %), ma anche occhiali (27,6 %) e pelletteria (26,9 %) continuando con calzature (21 %), prodotti cosmetici e profumi (18,1 %), ma anche farmaci (15,6 %), gioielli (7,6 %), giocattoli, orologi e altro. Ma, il dato più sconfortante riguarda l'acquisto di Prodotti alimentari, al secondo posto per acquisti con il 28,1 %.

Ma la novità assoluta sarà il SIAC (Sistema Informativo AntiContraffazione). Un sistema informatico che dal primo gennaio 2014 permetterà l'intervento anche dei privati per la segnalazione. Infatti, chiunque potrà inserire documenti e segnalazioni che andranno a contribuire alla creazione di una linea più chiara e specifica, utile alle Forze dell'Ordine per intervenire più facilmente sulla criminalità organizzata che controlla il traffico di materiale non originale. Un utile servizio che potrà coinvolgere maggiormente il consumatore e interagire al meglio con le Autorità per debellare, o quantomeno attenuare, il fenomeno.
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.