marcello pittella
marcello pittella
Politica

Marcello Pittella rompe il silenzio e scrive ai lucani

Le sue parole: "La Basilicata non è in ostaggio". Come presidente della Regione è sospeso dalle funzioni

Rompe il silenzio e scrive una lettera aperta ai cittadini lucani Marcello Pittella, presidente della Regione Basilicata sospeso dalle funzioni nell'ambito dell'inchiesta sui presunti concorsi truccati dell'Azienda sanitaria provinciale di Matera.

Arrestato il 6 luglio, dopo ottanta giorni di detenzione domiciliari, Pittella (PD) è tornato libero il 24 settembre ma con divieto di dimora a Potenza, quindi non esercita le funzioni di presidente, carica alla quale è stato eletto il 17 e 18 novembre 2013.

Pittella parla del perché non si è dimesso. E soprattutto respinge le accuse di tenere in ostaggio la regione per le decisioni della Regione e per quelle politiche che si devono compiere in vista delle prossime elezioni. E dà il via libera al Pd e al centrosinistra per le scelte della prossima campagna elettorale.

Di seguito il testo integrale della lettera aperta di Pittella.

"Mi hanno insegnato che "le parole si parlano, i silenzi si toccano" e ne ho fatto tesoro. Ho scelto quest'ultimo come doveroso segno di rispetto per la vicenda giudiziaria e la magistratura, per me stesso e i miei cari, per l'istituzione che rappresento e per la regione. Perché la rincorsa all'ultima parola mi è parsa una ingiustizia a cui nessuno dovrebbe prestarsi.

Ho vissuto una vicenda difficile e sofferta, umanamente provante, istituzionalmente un impedimento grave non solo per me, ma per i lucani, soggetti ad un'emergenza che mai avrei voluto né tanto meno immaginato.

Tanto più che i ritmi forsennati dell'amministrazione e il lavoro instancabile mi assorbivano nell'immaginare percorsi per questa regione, idee ed obiettivi da raggiungere, con coraggio e tenacia, passione e realismo.

Nei tre mesi di detenzione domiciliare ho ripassato la sequenza di una vita intera, spesa fra professione e impegno politico e sociale. Ho riflettuto su come ho impiegato il tempo, che quasi mai è stato mio, più spesso degli altri o per gli altri. Ho ripensato alle scelte politiche più o meno recenti, compiute con assoluto spirito di unità per la comunità dem, ma senza rimpianti. Ho rivisitato errori e successi e pensato a questi cinque anni di governo per la Basilicata, alla sfida lanciata nel 2013, alle cose fatte, alle riforme avviate e ai freni incontrati, alla strada percorsa piena di ostacoli ed impedimenti, alla debolezza della politica, alla metamorfosi di alcuni corpi intermedi, all'abbandono dell'onestà intellettuale e parallelamente all'entusiasmo per i passi avanti, seppur piccoli.

Ma scelgo di non sciorinare i risultati raggiunti né di raccontare quanto sia cambiata questa regione. I lucani sapranno giudicare e rileggere il tempo, lontani da ogni promessa populistica o narrazione strumentale.

Negli ottanta giorni trascorsi ho assistito in silenzio, sostenuto dagli affetti e dalla fede, alle preventive condanne morali, ai frettolosi processi di piazza, fatti senza una conoscenza diretta, cancellando un uomo e la sua vita. Questo è il maledetto tempo che viviamo, dimentico di tutto, bulimico di giustizialismo pur che sia.

Avrei dovuto dimettermi? Ci ho pensato qualche volta. Ma per chi vive la politica come una vocazione, la difesa di un principio diventa priorità anche rispetto a se stessi e alle difficoltà personali che si vivono. Oppure tutto finisce, non è più politica. Ogni cittadino è innocente fino a prova contraria. È prevalso poi in me un sentimento di responsabilità, anzitutto perché consapevole degli atti importanti per i lucani che il Consiglio non avrebbe più potuto licenziare con le mie dimissioni, ed in secondo luogo, responsabilità nei confronti di una comunità politica cui dovevo la mia investitura e a quella più larga cui dovevo il mio successo elettorale.

Pertanto, lo dico a chiare lettere: nessuno ha tenuto o tiene in ostaggio la Regione, come qualcuno ha detto. Né ho intenzione di farlo. Dinanzi a noi si apre un tempo nuovo, che va vissuto a mio giudizio con lucidità e determinazione, nel segno di un disegno possibile per la Basilicata a cui vanno consegnati sogni realizzabili. Io sono fiero di questa regione, amo la mia terra, credo nella mia gente e nel suo futuro. Non mi appassionano in questo momento strategie politiche e nomi, né voglio che il mio sia un'ancora che impedisce alla nave di salpare o peggio ancora che venga utilizzato come tale.

Il Pd, il centrosinistra ricerchino dunque le soluzioni che ritengono più utili.

La politica deve fare la politica, nel senso più nobile del termine. Indicare un orizzonte programmatico e costruire la squadra migliore, aperta, inclusiva, sensibile e che abbia conoscenza del territorio.

Questa regione merita ancora uomini che vivono l'impegno pubblico come scelta consapevole e non come spettacolo estemporaneo, sul quale puntare per avere fortuna.

Questa regione merita ancora un instancabile impegno e lucidi sognatori".


Marcello Pittella
  • Regione Basilicata
  • Marcello Pittella
  • Arresto
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Elezioni regionali in Basilicata, 20 gennaio data più probabile Elezioni regionali in Basilicata, 20 gennaio data più probabile Proprio dopo inaugurazione di Matera2019. Per la prima volta sarà la Regione a organizzare operazioni di voto
Polizia, arrestato 47enne calabrese Polizia, arrestato 47enne calabrese Doveva scontare un residuo di pena di sei mesi
Inchiesta sanità: Pittella torna in libertà ma non potrà governare Inchiesta sanità: Pittella torna in libertà ma non potrà governare Il giudice ha stabilito un divieto di dimora a Potenza
Sviluppo urbano, il Comune progetta un "central park" Sviluppo urbano, il Comune progetta un "central park" Approvato documento per investimenti strategici. In tutto 40 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione
Servizio 118, Matera rimane senza l'eliambulanza Servizio 118, Matera rimane senza l'eliambulanza Procura di Potenza ha ordinato sequestro di due elicotteri in Basilicata
Carabinieri arrestano 38enne materano Carabinieri arrestano 38enne materano Accusato di porto abusivo di armi, atti persecutori e minaccia aggravata
Arrestati dalla Polizia di Stato due agenti della Polizia Penitenziaria del carcere di Matera Arrestati dalla Polizia di Stato due agenti della Polizia Penitenziaria del carcere di Matera Corruzione, peculato e falsità ideologica i reati di cui sono a vario titolo accusati
Sanità in Basilicata: occorre riportare il paziente al centro delle politiche sanitarie Sanità in Basilicata: occorre riportare il paziente al centro delle politiche sanitarie Leggieri (M5S): "ancora una volta dati impietosi sulla sanità lucana"
© 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.