Matera
Matera
Eventi e cultura

Matera 2019, case nei Sassi aperte per giornate FAI di primavera

Il 25 e 26 marzo ai turisti far scoprire le tipiche abitazioni materane scavate nel tufo

In occasione della 25esima edizione delle Giornate Fai di Primavera che si svolgeranno in tutta Italia nel weekend del 25 e 26 marzo 2017 con aperture straordinarie di luoghi solitamente chiusi al pubblico, la Fondazione Matera-Basilicata 2019 insieme alla delegazione FAI di Matera, lancia nella città dei Sassi la call "Case aperte per il FAI", con l'obiettivo di far scoprire a turisti e appassionati le tipiche abitazioni materane scavate nel tufo.

La call, aperta fino al 05 marzo 2017, è rivolta ai proprietari di case di pregio storico e artistico collocate nel rione Sassi di Matera, che il pubblico potrà visitare nelle due giornate grazie alla guida dei volontari del FAI.
Per manifestare la disponibilità ad aprire la propria casa, è possibile inviare una mail a info@matera-basilicata2019.it con oggetto "Case aperte per il FAI" , indicando il proprio nome, cognome, indirizzo e descrivendo le peculiarità della propria abitazione.

Le prime 20 case candidate saranno protagoniste di un percorso di visita all'interno dei Sassi di Matera articolato nelle seguenti tappe: Porta di Santa Croce, terrazzo inferiore di Palazzo Ferraù, asse viario di Via Duomo, Piazza della Cattedrale, punto panoramico di Via Muro, piazza Duomo, Palazzotto del Casale/Casa Cava/Vicinato (da raggiungere attraverso via Gradoni Duomo). È pertanto consigliabile che le abitazioni da candidare alla call siano ubicate lungo tale percorso.

"A partire dal weekend del 25 e 26 marzo – afferma il direttore della Fondazione Matera-Basilicata2019, Paolo Verri - comincia un periodo in cui Matera sarà fortemente frequentata da numerosi visitatori, cui vogliamo presentarci offrendo una vera esperienza da cittadini temporanei. Per tale ragione abbiamo voluto ricollegarci al filo rosso che ha visto i cittadini materani aprire le loro case ai membri della Commissione giudicatrice il 7 ottobre 2014, prima di ricevere il titolo di Capitale Europea della Cultura, dando la stessa opportunità a chi vuole scoprire la straordinaria capacità di ospitalità dei materani. Il venticinquesimo anniversario in cui il Fai organizza le Giornate di Primavera ci è sembrata l'occasione migliore in cui riprendere questa tradizione, che vogliamo rendere permanente da qui al 2019 e oltre".
  • FAI
  • Sassi di Matera
Altri contenuti a tema
"Osservatorio Sassi", primo passo per la costituzione "Osservatorio Sassi", primo passo per la costituzione Firmato il documento partecipato di intenti per il presidio di tutela degli antichi rioni
Mattinate FAI d'inverno, aperture a Matera e Bernalda Mattinate FAI d'inverno, aperture a Matera e Bernalda Nella città dei Sassi è visitabile "Casa Noha"
Un aiuto per le botteghe artigiane Un aiuto per le botteghe artigiane Il grido di allarme
I Sassi "culla" dell'artigianato, nascerà la strada delle botteghe I Sassi "culla" dell'artigianato, nascerà la strada delle botteghe I locali saranno assegnati con un bando pubblico
Piccoli "ciceroni" della scuola Torraca protagonisti al Palazzo Lanfranchi Piccoli "ciceroni" della scuola Torraca protagonisti al Palazzo Lanfranchi Per le Giornate d'autunno del Fai
Giornate d'autunno del Fai, riapre il Castello Tramontano Giornate d'autunno del Fai, riapre il Castello Tramontano Visite guidate allo storico luogo
Matera fa rivivere la storia e la cultura del vicinato Matera fa rivivere la storia e la cultura del vicinato Al rione Malve. Per il "Parco della storia dell'uomo"
5 Stelle: "Violate le norme nei Sassi" 5 Stelle: "Violate le norme nei Sassi" Interrogazione del consigliere Materdomini su eccesso di antenne e cancelli
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.