sport
sport
Sport

Misure di sostegno, enti di promozione sportiva sul piede di guerra

Lettera alla Regione. Proposta di rivedere criteri assegnazione aiuti

Si definiscono "figli di un Dio Minore". Sono i rappresentanti degli Enti di Promozione Sportiva della Basilicata che si sono sentiti emarginati dalle "misure di sostegno a favore di operatori del settore dello sport", che prevedono finanziamenti a fondo perduto per operatori di attività e pratiche sportive. Un contributo della Regione, con uno stanziamento di quasi un milione di euro, con una suddivisione che – dicono le associazioni-le penalizza fortemente.

Per questo si sono fatti coraggio è hanno deciso di scrivere all'assessore alle attività produttive con delega allo sport, Francesco Cupparo, chiedendo di rivedere i criteri di assegnazione del contributo. Modalità di distribuzione che -dicono gli enti- lascia increduli.

Infatti, secondo quanto appreso dagli uffici regionali, il contributo "sarà concesso nella forma di fondo perduto forfettario per l'anno 2020, parametrato nel modo seguente: 1.000 euro per associazione e società sportiva dilettantistica affiliata alle Federazioni Sportive Nazionali Olimpiche e Paralimpiche; 500 euro per associazione e società sportiva dilettantistica affiliata alle Discipline Sportive Associate; 500 euro per associazione e società sportiva dilettantistica affiliata agli Enti di Promozione Sportiva".

Una condizione di disparità -a detta degli scriventi- che merita di essere rivista. La proposta degli enti di promozione sportiva della Basilicata per riequilibrare la situazione è quella di prevedere la presenza di alcuni requisiti come: Essere affiliati a un organismo sportivo riconosciuto dal CONI (Federazione Sportiva Nazionale, Disciplina Sportiva Associata, Ente di Promozione Sportiva) e svolgere un'attività sportiva in Regione Basilicata riconosciuta dal CONI o dal CIP; essere scritti e al Registro CONI-CIP alla data del 31 dicembre 2019 ed infine, stabilire la soglia di 25 tesserati, quale elemento per determinare il contributo di 500 euro (associazione e società sportiva dilettantistica con meno di 25 Tesserati) e 1.000 euro per associazione e società sportiva dilettantistica con più di 25 Tesserati.

"Tale soglia non si applica alle associazioni e società sportive dilettantistiche che svolgono attività sportive riconosciute dal CIP, al fine di promuovere e sostenere le attività sportive di atlete e atleti con disabilità"- spiegano gli Enti di Promozione Turistica della Basilicata pronti a far sentire la propria voce al governo regionale.
  • Sport
Altri contenuti a tema
Promuovere il binomio sport & salute Promuovere il binomio sport & salute Un progetto delle società sportive lucane che militano nei campionati nazionali
Impianti sportivi pronti a ripartire in sicurezza Impianti sportivi pronti a ripartire in sicurezza Assessore allo sport Tragni: “Il Comune si è dotato dei piani anticontagio”
Per palestre e centri sportivi probabile riapertura martedì Per palestre e centri sportivi probabile riapertura martedì Il presidente Bardi deciderà insieme agli esperti della Regione
Scherma, gli atleti materani ancora sugli scudi Scherma, gli atleti materani ancora sugli scudi Domenico Di Giorgio e Marco Catto ben figurano agli interregionali di Foggia
Tre giovani schermidori materani si qualificano per il trofeo "Renzo Nostini" Tre giovani schermidori materani si qualificano per il trofeo "Renzo Nostini" Ottimi risultati per il Circolo Schermistico Matera alle qualificazioni nazionali del Gran premio giovanissimi
Matera Sport Film Festival chiude i battenti Matera Sport Film Festival chiude i battenti La manifestazione dedicata allo sport nel cinema ha sancito i nomi dei vincitori della nona edizione
Giochi del Mediterraneo a Taranto, anche la Basilicata si mette in... pista Giochi del Mediterraneo a Taranto, anche la Basilicata si mette in... pista Si lavora ad una collaborazione per gli impianti e per le strutture ricettive
Consensi per la Giornata nazionale dello Sport Consensi per la Giornata nazionale dello Sport Soddisfatto l'assessore Tragni
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.