Puliamo il mondo
Puliamo il mondo
Territorio

“Puliamo il mondo”: Matera risponde all’appello di Legambiente

Un fine settimana all’insegna dell’educazione al rispetto dell’ambiente

Ha già compiuto un quarto di secolo di vita l'iniziativa "Puliamo il Mondo" promossa da Legambiente.

Una iniziativa alla quale il comune di Matera ha aderito con grande entusiasmo, affiancando l'associazione ambientalista, in questo week end dedicato alla sensibilizzazione dei cittadini e dei bambini alle tematiche ambientali.

Numerosi i soggetti coinvolti nelle operazioni di pulitura dei luoghi da effettuare per l'occasione.

Infatti, è prevista la partecipazione delle scuole, delle associazioni Scout (Agesci e Cngei),"Tolbà", "Sicomoro", "Genitori h24", "Risvolta", "Mom", "Collettivo Donne" e "Presidio per la salvaguardia dei pini di via Lanera".

Istituzioni, associazioni nazionali e comitati cittadini: tutti insieme all'insegna del rispetto per la natura.

"La nostra campagna di sensibilizzazione -ha voluto puntualizzare la presidente di Legambiente, Anna Longo - ha coinvolto come sempre le scuole, i cittadini e il mondo associativo.
Quest'anno abbiamo voluto dare un significato particolare alla manifestazione, lanciando il messaggio: puliamo il mondo anche dai pregiudizi.
Abbiamo per questo coinvolto nell'iniziativa, anche le associazioni che si trovano in prima linea nella tutela dei diritti civili di tutte le persone".

Il primo intervento è previsto nella scuola elementare del Borgo La Martella domani (28 settembre) mentre nella giornata di sabato 29 ci si recherà nel rione Serra Venerdì, presso la scuola elementare "Nitti".
Nella circostanza alle squadre di volontari si aggiungeranno anche i familiari degli alunni delle scuole interessate.

Domenica sarà la volta dei Sassi. L'appuntamento per i partecipanti a "Puliamo il Mondo" di Matera è alle ore 9.30, davanti alla chiesa del Purgatorio.

Di lì si procederà alla bonifica dei vicoli e delle piazzette degli antichi rioni cittadini, troppo spesso presi di mira dagli incivili, che senza alcun rispetto li riempiono di spazzatura.

Ai liberi cittadini che intendono unirsi ai volontari delle associazioni, da Legambiente fanno sapere che saranno distribuiti anche a loro i kit necessari forniti dal Comune, anche se sarebbe opportuno che si dotassero di guanti e sacchetti, nel caso in cui gli accessori a disposizione vadano esauriti.

Inoltre, nel cuore della città saranno istituiti dei punti di raccolta dei rifiuti, ubicati in via Fiorentini, a Porta Pistola e in piazza San Pietro Caveoso, con il servizi di nettezza urbana che, alle 12, li prenderà in carico per lo smaltimento.

"L'iniziativa non va vista come sostitutiva dell'attività del Comune che effettua cinque passaggi al giorno per raccogliere i rifiuti prodotti negli Antichi Rioni"- ha dichiarato l'assessore all'igiene Urbana, Giuseppe Tragni, che ci ha tenuto a spiegare come il pulire insieme la città rappresenti un atto d'amore verso la stessa e sia espressione della volontà di prendersi cura di essa.

Anche perché troppo spesso si annotano comportamenti che andrebbero evitati.

"Registriamo dei comportamenti non propriamente adeguati nelle ore serali, quando chi consuma bevande o cibi da asporto, abbandona gli scarti lontano dai cestini"- continua l'assessore Tragni. Per questo da Palazzo di Città fanno sapere che, a breve, i Sassi saranno dotati di nuovi e più grandi contenitori multimateriale di rifiuti. "Ma occorre che ci sia la collaborazione da parte di tutti, commercianti, cittadini e turisti, per far sì che la città presenti sempre un decoro accettabile"- sottolinea Tragni.

Parole che sembra abbiano convinto anche Pio Acito, uno degli attivisti storici di Legambiente a Matera. "Le Amministrazioni- ha dichiarato Acito- non hanno, spesso, saputo coinvolgere adeguatamente le associazioni e i residenti, ma speriamo che il nuovo rapporto instaurato con questo governo comunale ci consenta di inaugurare una nuova fase in questo senso".
  • Legambiente
Altri contenuti a tema
Aumentano i "no" al progetto di Matera2019 nella gravina Aumentano i "no" al progetto di Matera2019 nella gravina Associazioni ambientaliste contrarie alla ragnatela d'acciaio
"Friday for future", manifestazioni anche a Matera "Friday for future", manifestazioni anche a Matera L’iniziativa è di Legambiente e della consulta provinciale degli studenti
Rotatoria in via Lanera, trovata la mediazione che salva i pini Rotatoria in via Lanera, trovata la mediazione che salva i pini Presentato il nuovo progetto che salva dall'abbattimento la maggior parte degli alberi
Alberi in via Lanera, dialogo tra Comune e cittadini Alberi in via Lanera, dialogo tra Comune e cittadini Si valutano due progetti alternativi per evitare decine di abbattimenti
Matera 2019, piantati 24 alberi per celebrare il terzo anniversario dal titolo ECoC Matera 2019, piantati 24 alberi per celebrare il terzo anniversario dal titolo ECoC Acquistati grazie alla vendita del libro "Le città invincibili. L'esempio di Matera 2019" di Serafino Paternoster
Petizione popolare per capire lo stato di salute della popolazione materana Petizione popolare per capire lo stato di salute della popolazione materana Iniziativa del Comitato No Inceneritore - Matera con Legambiente Matera e WWF Matera
A Matera si presenta "Le città invincibili. L'esempio di Matera2019" A Matera si presenta "Le città invincibili. L'esempio di Matera2019" L'intero ricavato verrà devoluto a Legambiente per la piantumazione di nuovi alberi nella Città dei Sassi
Basilicata, tutti i Comuni esposti a rischio idrogeologico Basilicata, tutti i Comuni esposti a rischio idrogeologico Lo attesta l’ultimo rapporto di Legambiente. Solo 26 Comuni hanno risposto al sondaggio.
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.