Rione Piccianello, al via la petizione per un nuovo centro di aggregazione
Rione Piccianello, al via la petizione per un nuovo centro di aggregazione
Vita di città

Rione Piccianello, al via la petizione per un nuovo centro di aggregazione

La finalità è trovare nuovi spazi per la "Mensa dei bisognosi"

Al via la petizione - indetta da un comitato di cittadini - per la realizzazione di un nuovo centro giovanile che accolga la "Mensa dei bisognosi" nel rione Piccianello.

Con la raccolta firme i cittadini materani chiedono al consiglio della Regione Basilicata di prendere provvedimenti per destinare all'iniziativa una struttura di proprietà dell'Alsia, l'agenzia regionale per lo sviluppo agricolo. Si tratta di un fabbricato, nelle vicinanze del cancello dell'ex pastificio Barilla, da moltissimi anni in stato di abbandono e pericolante.

L'ente ha già avviato le procedure per la vendita dell'area, nonostante le ripetute richieste - pervenute dai parroci - di concedere l'immobile alla parrocchia del rione Piccianello, Maria Santissima dell'Annunziata. Lo conferma il responsabile del comitato promotore, Saverio Paolicelli: "E' un'iniziativa che ha radici lontane: nel 2002 don Giovanni Mele, defunto parroco di Piccianello, aveva richiesto la concessione dello stabile e dell'area annessa. Ci ha provato anche don Pierdomenico Di Candia nel 2012, immaginando un centro di aggregazione giovanile e d'inclusione sociale per gli anziani".

Però attualmente è subentrata una nuova esigenza: "La mensa dei bisognosi, ubicata nei locali attigui alla parrocchia, non è più sufficiente a contenere tutti gli ospiti. Dunque, si necessita di altri spazi da dedicare a questa finalità". In passato la Regione è stata sollecitata "inizialmente da un'associazione civica, Città Plurale, con una lettera aperta – afferma Paolicelli - e in seguito da un'interrogazione firmata da alcuni consiglieri regionali. Ma non sono pervenute risposte concrete". Ed aggiunge: "E' giusto, adesso, che siano i cittadini a far sentire la propria voce con una petizione, prevista dallo statuto regionale e dal regolamento consiliare".

Le previsioni del comitato sono "di presentare almeno 2.000 firme al consiglio regionale". Relativamente alle prossime tappe, "ogni domenica saremo, di volta in volta, in tutte le parrocchie materane, ma prevediamo di predisporre una raccolta di firme in piazza".
  • Regione Basilicata
  • Don Giovanni Mele
  • petizione popolare
  • Rione Piccianello
  • Centro di aggregazione
Altri contenuti a tema
Opportunità di lavoro per il piano nazionale di ripresa e resilienza Opportunità di lavoro per il piano nazionale di ripresa e resilienza L'invito di Bardi ai giovani lucani a candidarsi
Regione, riorganizzata la macchina amministrativa Regione, riorganizzata la macchina amministrativa Rotazione di tutti i direttori generali, alcuni cambiati
Giunta regionale, si dimette l'assessore Cupparo (Forza Italia) Giunta regionale, si dimette l'assessore Cupparo (Forza Italia) Per "motivi personali e familiari"
Tutela e valorizzazione di pastorizia e transumanza Tutela e valorizzazione di pastorizia e transumanza Nuove norme varate dalla Regione Basilicata
Elettrodotto a La Martella, la Regione non ha competenze Elettrodotto a La Martella, la Regione non ha competenze La risposta dell'assessorato all'ambiente al comitato cittadino
Avviso per contributi Tari a imprese e professionisti, rinvio al 31 marzo Avviso per contributi Tari a imprese e professionisti, rinvio al 31 marzo La giunta regionale proroga i termini di scadenza
Sostegno all'agricoltura, bando bis della Regione Sostegno all'agricoltura, bando bis della Regione Altri 8 milioni e mezzo per aiutare le aziende colpite in crisi a causa del covid
G20 e sanità, Bennardi incontra Bardi G20 e sanità, Bennardi incontra Bardi Il confronto alla Regione su vari temi di interesse per Matera
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.