Sassi di Matera
Sassi di Matera
Territorio

Sassi: pubblicazione digitale di Energheia

Sul concorso internazionale di recupero e risanamento del 1977

L'associazione Energheia inizia con questa nuova pubblicazione digitale, una sezione dedicata al Concorso per il recupero e risanamento dei Rioni Sassi, svoltosi nel 1977, con una serie di studi e documenti che fungevano da corollario al bando.

A metà gennaio 1978, a "Palazzo Bronzini" sito in via Sette Dolori nel Sasso Barisano venne inaugurata la mostra dei progetti presentati al Concorso Internazionale per il restauro urbanistico-ambientale dei Sassi previsto dalla Legge 17 maggio 1971 n. 1043.

Il percorso "istituzionale" per l'espletamento del concorso è stato lungo e travagliato. Il decreto ministeriale di nomina della Commissione, prevista dalla Legge n. 1043 del 1971 istitutiva del concorso, con l'incarico di definire l'oggetto e le modalità del bando fu emanato nel giugno 1972 ed avrebbe dovuto concludere i suoi lavori entro il 30 giugno 1973. Il bando predisposto dalla commissione prevedeva la messa a disposizione ai concorrenti di una documentazione composta da:
- una memoria sulla vicenda storico-sociale dei Sassi;
- una indagine con la definizione dei caratteri architettonici e urbanistici dei Sassi;
- uno studio geologico-geotecnico dei Sassi;
- un estratto del Piano regolatore della città.
Tale documentazione fu però pronta soltanto alla fine del 1974, alla vigilia della scadenza dell'Amministrazione Comunale presieduta dal Sindaco Franco Gallo.

Toccò dunque alla nuova Amministrazione Comunale presieduta dal Sindaco Francesco Padula, dopo la ricomposizione con decreto della relativa Commissione, concludere il concorso nel febbraio 1977. Con una lunga e circostanziata relazione finale la Commissione del concorso spiegò le ragioni e le considerazioni che l'avevano indotta a non assegnare il primo premio ma a stabilire una graduatoria di merito a partire dal secondo premio.

Molti progetti presentati al concorso avevano "forzato ed esasperato le loro ipotesi propositive nel giustificato intento di incidere col progetto sulla futura gestione perciò non era stato possibile individuare fra i concorrenti un progetto che rispondesse in modo completo a tutte le specifiche richieste fissate dal bando di concorso". Per queste ragioni, ma anche per un'attenta valutazione delle implicazioni relative alla norma del bando che prevedeva l'assegnazione al solo vincitore dell'incarico per la redazione dei piani particolareggiati esecutivi la Commissione si ritrovò unanime sull'opportunità di non assegnare il primo premio. La mancata assegnazione riconduceva il tutto nelle mani dell'Amministrazione, che avrebbe avuto maggiore libertà di iniziativa potendo ricorrere a diversi strumenti esecutivi.

Ripotiamo alcuni considerazioni della Commissione:
- il recupero dei Sassi, per caratteristiche e per dimensione, era fondamentalmente un problema di gestione di lungo periodo;
- il concorso aveva comunque offerto all'Amministrazione Comunale una grande quantità di suggerimenti e di indicazioni fondamentali per avviare una concreta politica di intervento;
- le responsabilità che il risanamento dei Sassi poneva all'Amministrazione Comunale erano pesanti e difficili a partire dalle scelte di politica urbanistica e dalla creazione di una specifica struttura tecnica ed amministrativa;
- il recupero e la rivitalizzazione dei Sassi non potevano infine prescindere dagli insediamenti residenziali;
- per accelerare l'avviamento del risanamento sarebbe stato perciò necessario concentrare nei Sassi tutti gli stanziamenti pubblici per l'edilizia economica e popolare assegnati a Matera.

La relazione si concludeva con una graduatoria di merito sui progetti presentati con una breve valutazione tenendo conto dei criteri prestabiliti dal concorso, vale a dire l'inquadramento dei Sassi nel contesto territoriale, il rapporto fra Sassi e restante organismo urbano, dettagli di sistemazione di ambiti dei Sassi.

A conclusione, i primi due progetti indicati dalla Commissione furono i seguenti:
- 2° premio al progetto del gruppo capeggiato dall' arch. Tommaso Giura Longo;
- 3° premio al progetto del gruppo capeggiato dall'arch. Giovanni De Franciscis.

La scelta della Commissione sulla mancata assegnazione del primo premio fu unanimemente condivisa dall'opinione pubblica materana.
Così come fu sufficientemente condivisa l'attenzione posta dalla Commissione al progetto dell'équipe materana coordinata dall'arch. Tommaso Giura Longo che venne giudicata come un sostanziale meritevole primo premio, aderente all'idea di recupero maturata nella comunità materana.

Il progetto del gruppo Giura Longo era accompagnato da una lunga premessa sulla storia sociale ed economica della città e sul suo sviluppo urbano; il progetto illustrava poi l'ipotesi di un piano di riutilizzazione dei Sassi a fini abitativi per una popolazione stimata di circa 4.000 abitanti e di servizi a scala territoriale adeguati al potenziale attrattivo della città che comprendeva tutto il territorio metapontino con il suo potenziale sviluppo agricolo e turistico.

A indicare l'integrazione urbana dei Sassi con la città del Piano veniva riproposto il progetto degli anni '30 di un collegamento diretto tra Piazza Vittorio Veneto e Sasso Barisano. Infine il progetto non trascurava di sottolineare la funzione urbana del grande parco rupestre della murgia auspicandone la conservazione dei caratteri ambientali e storici.
Il progetto terzo classificato del gruppo napoletano dell'arch. Giovanni De Franciscis, anche per la presenza nel gruppo di due componenti materani, l'arch. Vincenzo Baldoni e il designer Mario Cresci, fu valutato dall'opinione pubblica locale in una sorta di diretto rapporto-confronto con il progetto del gruppo Giura Longo. La peculiarità del progetto De Franciscis era la previsione, nel contesto di un assetto territoriale metapontino-bradanico con l'armatura urbana di Matera in funzione di cerniera, di un incredibile asse stradale che partendo dall'area del previsto centro direzionale avrebbe sottopassato in galleria il centro storico e lo sperone della Civita e lo stesso Duomo, attraversato i Sassi e sorpassato il torrente Gravina con due grossi viadotti, ripartendo infine dall'altipiano murgico per collegarsi alla fascia costiera metapontino-tarantina. Il rapporto Sassi-città del Piano veniva realizzato attraverso la connessione delle nuove funzioni urbane: residenziali, commerciali e di servizio da ubicare negli ambienti dei Sassi da recuperare con questo asse di penetrazione. La rivitalizzazione dei Sassi veniva insomma affidata soprattutto alla funzione commerciale a livello territoriale giacché quella residenziale veniva riservata per lo più agli
esercenti di quelle attività terziarie.

La conclusione del concorso sembrava preludere ad una rapida predisposizione di un primo piano sperimentale di recupero stante anche la disponibilità finanziaria dei 3,5 miliardi stanziati dalla Legge 1043 del 1971 ma negli anni successivi non fu prodotto nessun risultato rispetto alla prospettiva di un rapido e concreto inizio dell'opera di recupero.
I circa 3,5 miliardi stanziati dall'ultima Legge Speciale non furono utilizzati e successivamente non furono più disponibili.
Per il vero avvio del recupero funzionale degli antichi Rioni bisognerà aspettare la seconda metà degli anni Ottanta grazie all'approvazione della (ennesima) Legge speciale n. 771/1986 che, questa volta, a differenza del passato, punterà in modo esclusivo alla salvaguardia e valorizzazione degli antichi rioni e del prospicente altopiano murgico consegnando l'intero patrimonio demaniale nelle mani della comunità materana.

Michele Morelli - (molti spunti sono tratti da "la vergogna cancellata" di Alfonso Potrandolfi)
  • Sassi di Matera
Altri contenuti a tema
A Matera tutti pazzi per le nuove Ferrari A Matera tutti pazzi per le nuove Ferrari La casa del cavallino ha presentato i modelli "Roma"
Quartiere degli Artieri, ancora polemica tra Fiore (FdI) e D’Oppido Quartiere degli Artieri, ancora polemica tra Fiore (FdI) e D’Oppido L’ex assessore replica all’attuale delegata ai Sassi, respingendo al mittente ogni responsabilità sulla revoca del bando
Illuminata la torre Metellana Illuminata la torre Metellana L’amministrazione intende valorizzare i monumenti dimenticati
Ritrovamento archeologico nei Sassi Ritrovamento archeologico nei Sassi Nell’area di porta Pistola riportato alla luce un edificio sacro
Matera, la città dei Sassi…senza Sassi Matera, la città dei Sassi…senza Sassi Nota di Fratelli d'Italia Matera in merito all’approvazione del DUP dell’Amministrazione Comunale Bennardi.
Sassi, al via la riqualificazione dei percorsi turistici pedonali Sassi, al via la riqualificazione dei percorsi turistici pedonali 280mila euro per le scalinate del rione Vetere e della piazzetta San Pietro Barisano
Atti vandalici nei Sassi, aumentare i controlli Atti vandalici nei Sassi, aumentare i controlli Salvaguardare il patrimonio e aprire dialogo con i giovani le armi per superare la recrudescenza del fenomeno
Matera Civica: preoccupazione per i Sassi Matera Civica: preoccupazione per i Sassi Consigliere Doria: “Evitare il declino del patrimonio più cospicuo di Matera”
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.