Consegna Tensostruttura
Consegna Tensostruttura
Vita di città

Torna fruibile la Tensostruttura

Sabato la prima gara sul nuovo parquet della Pattinomania

Effettuata la consegna al gestore della rimodernata Tensostruttura. Questa mattina il sindaco di Matera, Salvatore Adduce ha messo nuovamente nelle mani di Nico Taratufolo (presidente della Takler Matera) la struttura per la sua seconda vita.

Erano praticamente 25 anni che si attendeva il parquet per questo impianto, che ospita calcio a cinque e hockey su pista, con diversi atleti, giovani e giovanissimi, che la utilizzano quotidianamente. Negli ultimi sei mesi, il grande passo è stato compiuto. Chiusa a giugno del 2013, quando i campionato sono stati portati a termine, dopo sei mesi ecco che torna a disposizione più luminosa che mai. Il nuovo pallone, sistemato nel corso del 2012 e il parquet in bambù riscaldato proveniente dall'Indonesia, consegnano un bellissimo colpo d'occhio.

Tra i vari lavori effettuati anche la sistemazione degli spogliatoi, la realizzazione di una sala medica, il completamente della sala stampa - che dovrà solamente essere messa in funzione aprendo uno spiraglio nel tendone che ricopre la struttura - l'impianto di riscaldamento (già sistemato nel 2012 con il telo) e l'ammodernamento dei servizi per gli spettatori.

Sono stati investiti nelle varie opere un totale di 436 mila euro (230 per l'impiantistica e il parquet, 100 mila per il tendone, 46 mila per il riscaldamento e 60 mila per la sala stampa). "E' un punto d'orgoglio per l'amministrazione quello di rimettere a disposizione della cittadinanza e degli sportivi questa struttura - ha sottolineato il sindaco, Salvatore Adduce - Sono stati impiegati fondi provenienti dai Pisus per dei lavori davvero importanti, non solo per le società interessate. Ora bisognerà mettere a posto il fianco scoperto dell'amministrazione, quella della gestione degli impianti, per curarli costantemente e non dover poi colmare falla troppo esose".

Una mattinata che ha coinvolto diversi esponenti dell'amministrazione, da Nico Trombetta, assessore ai Lavori pubblici che ha assicurato la riapertura di altre due strutture, il Campo Scuola "Duni" e il Palazzetto di Lanera, in via Vena, "entro la fine del 2014, perchè per il Campo Scuola manca solamente la Torre faro, mentre sono già stati appaltati i lavori per via Vena e con l'arrivo dei fondi Fsc a febbraio partirà l'attività per la sistemazione e l'adeguamento della struttura".

Anche il vice sindaco e assessore allo Sport, Sergio Cappella ha preso parte alla consegna ed ha sottolineato come le imprese 3 Enne impianti di Altamura e la materana Opar di Onorati hanno "consegnato i lavori con un mese d'anticipo rispetto al previsto".

Un appunto l'ha voluto fare anche Adriano Pedicini, consigliere di minoranza presente all'appuntamento. "Devo rivolgere le mie congratulazioni all'amministrazione per la realizzazione di lavori importanti su un impianto fondamentale per la città, ma devo porre l'attenzione sulle altre strutture, affinchè lo sport in città non sia dimenticato. Lo sport è cultura ed è bene che anche gli altri impianti siano restituiti quanto prima alla città", un affermazione molto apprezzata da tutti i presenti e che ha trovato immediato riscontro anche negli amministratori presenti.

Non hanno fatto mancare il loro apporto anche il presidente della Pattinomania, Cristos Xiloyannis che ha richiamato l'attenzione sugli spazi "ne servono di più in città" ha detto confermando l'affermazione di Pedicini, mentre Nico Taratufolo, presidente della Takler Matera C5 e gestore dell'impianto ha dato la sua piena disponibilità a continuare l'attività, impegnandosi a gestire una struttura "ora davvero funzionale e vivibile".

Sabato sera la Pattinomania farà il suo esordio sul nuovo parquet della Tensostruttura contro il Bassano, il primo appuntamento ufficiale dista solamente una settimana.
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.