passerella sulla gravina
passerella sulla gravina
Territorio

Un bando per affidare il sentiero 406

A chiederlo è la Sezione Cai (Club Alpino Italiano) di Matera “Falco Naumanni”

La riapertura del "sentiero 406" è una bella notizia per la comunità materana, che in questo modo riavvicina i suoi siti Unesco, ma bisogna affidare la gestione con un bando a chi ne saprò valorizzare al meglio la sua funzionalità per la cittadinanza e per i visitatori-camminatori. Questa la preoccupazione della Sezione Cai (Club Alpino Italiano) di Matera "Falco Naumanni". Il sentiero, infatti, rappresenta l'unica via di accesso a piedi per raggiungere il Parco delle Chiese Rupestri, partendo direttamente dai Sassi.

Un sentiero che partendo da Porta Pistola, attraversa il torrente Gravina grazie ad una passerella che congiunge le due sponde del corso d'acqua, valorizzando in questa maniera il Parco, patrimonio dell'Unesco unitamente ai vicini rioni Sassi.

Ma il ponte non è l'intero sentiero- sottolineano dal Cai (Club Alpino Italiano) di Matera "Falco Naumanni". "Il ponte non è che un breve tratto del sentiero 406 che permette di raggiungere Murgia Timone con le sue strutture rupestri e il belvedere sui Sassi"- dicono dall'associazione materana, ricordando l'impegno del sodalizio per la realizzazione della passerella sospesa, che adesso non vorrebbero diventasse un'attrazione di per sé, snaturando la funzione per cui è sorta.

Il focus deve rimanere sul sentiero: vero valore aggiunto per la promozione del Parco. Adesso il sentiero- e non il ponte – sono oggetto di gestione per consentire la regolamentazione degli accessi, come evidenziato anche dal Comune e dall'Ente Parco, annunciandone l'inaugurazione. Ecco perché, dopo uno sperimentale periodo di affidamento diretto della gestione del sentiero, adesso diventa necessario bandire un pubblico avviso per la gestione che vada a premiare – dicono in conclusione dal Cai Matera- "una progettualità all'altezza del valore straordinario del paesaggio e dei luoghi attraversati e ne incentivi la migliore fruizione da parte dei cittadini camminatori".
  • Trekking Falco Naumanni
  • Parco della Murgia Materana
Altri contenuti a tema
Riapre il ponte tibetano nel Parco della Murgia Riapre il ponte tibetano nel Parco della Murgia I lavori sono durati due anni. Per le escursioni occorre prenotarsi
Parco della Murgia materana, iniziate le catture di cinghiali Parco della Murgia materana, iniziate le catture di cinghiali Installati undici chiusini per contrastare il fenomeno
Riprendono le escursioni del Cai Matera “Falco Naumanni” Riprendono le escursioni del Cai Matera “Falco Naumanni” Ripartenza nel rispetto delle regole anticovid per l’associazione materana
Parco della storia dell’uomo, iniziano i lavori Parco della storia dell’uomo, iniziano i lavori Al via le opere di realizzazione delle aree tematiche Preistoria e Civiltà rupestre
Progetto degli ambasciatori del Parco Progetto degli ambasciatori del Parco Per conoscenza, tutela e valorizzazione della Murgia Materana
Venti guide ambientali nel Parco della Murgia materana Venti guide ambientali nel Parco della Murgia materana Consegna attestati in un incontro alla Casa cava
Un altro anno intenso di cicloescursioni Un altro anno intenso di cicloescursioni Il Cai Matera “Falco Naumanni” e la Fiab Matera presentano il programma
A Matera arrivano nuove guide ambientali escursionistiche A Matera arrivano nuove guide ambientali escursionistiche E’ giunto al termine un apposito corso in ambito naturalistico
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.