No alla violenza sulle donne
No alla violenza sulle donne
Associazioni

8 marzo, il CollettivoDonneMatera aderisce allo sciopero globale

Sarà allestito un banchetto informativo per illustrare le azioni finalizzate al contrasto della violenza maschile sulle donne

Anche il CollettivoDonneMatera si unisce al grido lanciato dalle donne di oltre 40 paesi, aderendo allo sciopero tutto al femminile dal lavoro produttivo e riproduttivo, indetto a livello mondiale per l'8 marzo, nel giorno della Festa della Donna. L'obiettivo è quello di cambiare la "cultura" che genera la violenza maschile.

Come? Allestendo in Piazza Vittorio Veneto un banchetto informativo, che sarà aperto dalle ore 11.00 alle ore 13.00 e dalle ore 17.30 alle ore 21.00, presso il quale saranno proposte azioni da condividere con altre donne al fine di contrastare la violenza maschile sulle donne e sarà proposta anche la sottoscrizione di una petizione indirizzata agli organi competenti affinché garantiscano in città tutti quei servizi necessari, stabiliti secondo le norme vigenti, a tutela delle donne violate ed a sostegno delle famiglie.

Le motivazioni dello sciopero globale le fornisce il CollettivoDonneMatera in un comunicato:
  • Scioperiamo contro la trasformazione dei centri antiviolenza in servizi assistenziali. I centri devono rimanere spazi laici ed autonomi di donne, laboratori di buone pratiche che attivano processi di trasformazione culturale per modificare le dinamiche strutturali tra uomo e donna. Rifiutiamo il cosiddetto Codice Rosa che toglie alle donne l'autonomia di decidere i tempi della denuncia.
  • Scioperiamo perché vogliamo la piena applicazione della Convenzione di Istanbul contro ogni forma di violenza maschile contro le donne, da quella psicologica a quella perpetrata sul web e sui social media fino alle molestie sessuali sui luoghi di lavoro. Pretendiamo che le donne abbiano rapidamente accesso alla giustizia, con misure di protezione immediata per tutte, con e senza figli, cittadine o straniere presenti in Italia. Vogliamo l'affidamento esclusivo alla madre quando il padre usa violenza. Vogliamo operatori ed operatrici del diritto formati perché le donne non siano rivittimizzate.
  • Scioperiamo perché vogliamo l'aborto libero, sicuro e gratuito e l'abolizione dell'obiezione di coscienza. Scioperiamo contro la violenza ostetrica, per il pieno accesso alla Ru486, con ricorso a 63 giorni e in day hospital. Rifiutiamo le sanzioni per le donne che abortiscono fuori dalle procedure previste per legge a causa dell'alto tasso di obiezione.
  • Scioperiamo per rivendicare un reddito di autodeterminazione, per uscire da relazioni violente, per resistere al ricatto della precarietà, un salario minimo europeo, un welfare per tutte e tutti.
  • Scioperiamo contro la violenza delle frontiere, dei Centri di detenzione, contro il razzismo istituzionale che sostiene la divisione sessuale del lavoro. Sosteniamo le lotte delle migranti. Vogliamo un permesso di soggiorno incondizionato, svincolato da lavoro, studio e famiglia, l'asilo per tutte le migranti che hanno subito violenza, la cittadinanza per chiunque nasce o cresce in questo paese e per tutte le migranti e i migranti che ci vivono e lavorano da anni.
  • Scioperiamo affinché l'educazione alle differenze sia praticata dall'asilo nido all'università, per rendere la scuola pubblica un nodo cruciale per prevenire e contrastare la violenza maschile contro le donne e tutte le forme di violenza di genere. Non ci interessa una generica promozione delle pari opportunità, ma coltivare un sapere critico verso le relazioni di potere fra i generi e verso i modelli stereotipati di femminilità e maschilità. Scioperiamo contro il sistema educativo della "Buona Scuola" (legge 107) che distrugge la possibilità che la scuola sia un laboratorio di cittadinanza capace di educare persone libere, felici e autodeterminate.
  • Scioperiamo contro l'immaginario mediatico misogino, sessista, razzista, che discrimina lesbiche, gay e trans. Rovesciamo la rappresentazione delle donne che subiscono violenza come vittime compiacenti e passive e la rappresentazione dei nostri corpi come oggetti. Agiamo con ogni media e in ogni media per comunicare le nostre parole, i nostri volti, i nostri corpi ribelli, non stereotipati e ricchi di inauditi desideri.
In chiusura, scrivono: "Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo. #NonUnaDiMeno #LottoMarzo".
  • Collettivodonnematera
Altri contenuti a tema
#SvegliaMatera: per un amore libero da discriminazioni #SvegliaMatera: per un amore libero da discriminazioni Subito dopo la contromanifestazione “Sentinelle in piedi”
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne Giornata internazionale contro la violenza sulle donne collettivodonnematera scende in piazza
"Obiettivo rivoluzione...muri da abbattere" "Obiettivo rivoluzione...muri da abbattere" Al via la rassegna cinematografica del collettivodonnematera
Anche Matera verso il registro delle unioni civili Anche Matera verso il registro delle unioni civili Collettivodonnematera apre il dibattito
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.