taxi e Ncc
taxi e Ncc
Vita di città

Accordo per la tassa d’ingresso ambientale

Associazioni di categoria plaudono. Ridotto il tributo per i mezzi di trasporto persone

Il Comune fa una mezza retromarcia sulle tassa di ingresso ambientale, un tributo previsto dall'amministrazione comunale per i mezzi autorizzati al trasporto persone, e incassa il plauso delle associazioni di categoria.

Cna, Confapi e Anitrav si sono complimentati per il coraggio di fare un passo indietro avuto dall'amministrazione comunale, che ha rivisto al ribasso le proprie richieste relative al tributo che tassisti e noleggiatori avrebbero dovuto corrispondere alle casse comunali per accedere alle zone ztl della città.

La controversia era nata allorquando l'assessore Montemurro aveva comunicato le nuove tariffazioni previste dal governo cittadino per l'ingresso nelle zone a traffico limitato. In un primo momento l'amministrazione aveva stabilito che sia i taxi che i noleggiatori, per entrare in zona a traffico limitato, dovessero versare alle casse comunali 500 euro.

Dopo un lungo braccio di ferro, si è addivenuti alla affermazione di un principio sulla base del quale poi sono state stilate le nuove tabelle. Il principio è chiaro: chi inquina di più o ha una maggiore capacita di portata, paga di più; viceversa chi invece inquina meno e trasporta meno persone, pagherà ovviamente di meno. Sono escluse dalla tassazione le vetture ad emissione zero, o a bassa emissione come auto elettriche, a metano, o a gpl.

Adesso secondo l'accordo raggiunto, invece, le tariffe sono di gran lunga inferiori. Infatti, ad esempio, per una vettura Euro 4, la tassa di ingresso ambientale varierà dai 41 euro di una auto che può trasportare tre persone, alle 124 euro per una nove posti. Le associazioni di categoria non nascondono la propria soddisfazione convinte che le obiezioni mosse all'amministrazione fossero giuste e per questo accolte dall'amministrazione.

Adesso la palla passa nelle mani del Comune che dovrà quanto prima predisporre un regolamento per disciplinare lo svolgimento del servizio.
  • Trasporti
Altri contenuti a tema
Piano trasporti pubblici, il parere del Comune Piano trasporti pubblici, il parere del Comune Accolta la proposta sulle corse per Bari-Palese ma mancano nuove linee
Nel piano regionale trasporti le corse bus Matera - aeroporto Palese Nel piano regionale trasporti le corse bus Matera - aeroporto Palese La decisione in seguito all’emendamento del consigliere Acito
Emergenza Covid-19, l’Asstra lancia “si fermi chi può” Emergenza Covid-19, l’Asstra lancia “si fermi chi può” L’iniziativa delle aziende del trasporto pubblico per sensibilizzare ad un uso consapevole dei mezzi
Coronavirus, patto di ferro tra Aziende trasporto e sindacati Coronavirus, patto di ferro tra Aziende trasporto e sindacati Asstra Puglia e Basilicata e rappresentati dei lavoratori insieme per la sicurezza
Coronavirus, ridotti i servizi del trasporto pubblico Coronavirus, ridotti i servizi del trasporto pubblico Ordinanza della Regione per l’emergenza sanitaria
La provincia di Matera senza treni La provincia di Matera senza treni C'è solo scalo ferroviario di Metaponto. Ugl torna alla carica
Trasporto locale: salta il Consiglio regionale, problemi nella maggioranza Trasporto locale: salta il Consiglio regionale, problemi nella maggioranza Subito riconvocato. Si discute della proroga per i contratti con i gestori
Il Comune alla Regione: "Chiarezza su navette per Bari Palese" Il Comune alla Regione: "Chiarezza su navette per Bari Palese" In attesa di risposte sul rinnovo del contratto di trasporto pubblico locale
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.