Pianeta sostenibile
Pianeta sostenibile
Convegno

Agronomi e forestali a raccolta per discutere del mondo che cambia

Congresso nazionale "Agrofor2030" sugli obiettivi dell'agenda ONU

Ad Agronomi e Forestali toccherà il difficile compito di diventare il punto di riferimento per la "transizione ecologica e sociale del Paese verso la sostenibilità". Una convinzione che viene approfondita in queste ore nell'ambito del XVII Congresso Nazionale "#Agrofor2030: The global goals", in corso di svolgimento questi giorni tra Matera e Montescaglioso.

Tre giornate tra le aule dell'università di Matera, l'abbazia di Montescaglioso e MH hotel nella Città dei Sassi per affrontare alcune tra le più scottati questioni dell'agenda 2030 che più da vicino riguardano e coinvolgono Agronomi e Forestali. Le quattro linee guida scelte per questa XVII edizione del congresso Nazionale sono relative alla sicurezza alimentare, alla vivibilità delle città e delle comunità sostenibili; alla sicurezza ambientale e alla gestione delle foreste.

Tematiche sulle quali agronomi e forestali dovranno dire la loro, svolgendo un ruolo di primo piano nell'accompagnare le comunità verso una maggiore sostenibilità ambientale.

Infatti -spiega Sabrina Diamanti, Presidente CONAF- "Nei prossimi decenni la popolazione mondiale crescerà, il tasso di urbanizzazione globale aumenterà, la qualità della vita media auspicabilmente migliorerà. Ciò significa che crescerà il bisogno di cibo, ma anche il fabbisogno di acqua, di energia, di fibre tessili, di materie prime per l'industria chimica e così via. Tutto in un contesto mondiale che sta affrontando cambiamenti sociali, economici, ambientali. In questo scenario, gli attori del settore primario dovranno diventare protagonisti per garantire a tutti l'accesso a ciò di cui si avrà bisogno, in modo sostenibile: mantenendo la fertilità dei suoli, preservando la biodiversità, riducendo gli inquinamenti di aria e acqua".

Così, in queste tre giornate lucane dedicate al congresso, sottolinea Giacomo Carreras, Presidente dell'Odaf Bari – "verranno discusse con esempi virtuosi le capacità progettuali dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali, il tipo di formazione e organizzazione necessarie alla categoria per superare le sfide future e contribuire al raggiungimento degli obiettivi di Agenda 2030, attraverso la definizione di linee guida che confluiranno nella redazione della Carta di Matera".

Il congresso nazionale dei dottori agronomi e forestali si protrarrà fino a sabato nella città di Matera scelta non a caso: simbolo del riscatto e – come dicono gli organizzatori "città metafora della trasformazione da promuovere per i luoghi di produzione di cibo: spazi funzionali alle tecniche produttive, belli e che esprimono l'identità di una comunità".
  • Area forestale
  • Verde
Altri contenuti a tema
Si inaugura a Matera “U Iurt”, il giardino di Mammamiaaa Si inaugura a Matera “U Iurt”, il giardino di Mammamiaaa All’interno di Agoragri. Un ricettario vivente delle storie raccolte da tutta Europa
"Caro sindaco, ti scrivo". Un bambino di 5 anni chiede interventi nei parchi "Caro sindaco, ti scrivo". Un bambino di 5 anni chiede interventi nei parchi De Ruggieri risponde anche a mezzo stampa: "Farò il possibile. Servono molti soldi e li aspettiamo"
Area verde La Martella, prorogato il termine dei lavori Area verde La Martella, prorogato il termine dei lavori La ditta Verdemania completerà l’intervento entro il 9 agosto 2016
Al via la riqualificazione dell'area forestale di Colle Timmari Al via la riqualificazione dell'area forestale di Colle Timmari Il Comune chiede 135 mila euro alla Regione Basilicata
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.