piano sociale
piano sociale
Vita di città

Approvato dopo 20 anni il nuovo piano dei servizi sociali

Via libera del consiglio comunale al piano triennale 2021-2023

A distanza di circa 20 anni, il consiglio comunale di Matera ha approvato il nuovo il Piano dei servizi sociali e socio-sanitari per il triennio 2021-2023. Un piano che include, oltre alle misure da mettere in atto per la salute e il benessere sociale della comunità, anche le linee guida per realizzare un sistema equo di interventi e servizi sociali e socio-sanitari, con l'obiettivo di integrare le politiche di welfare, le professionalità, i numerosi attori, pubblici e privati, soprattutto in un momento in cui benessere salute e coesione sociale sono bisogni sempre più pressanti. Un piano che nasce dalla collaborazione di diversi enti ed istituzioni: dall'Asm alle organizzazioni del terzo settore; dai sindacati agli enti ecclesiali; dalle organizzazioni datoriali alle associazioni e società che agiscono nel settore, offrendo sul territorio servizi nell'ambito sociale, psicologico e socio-sanitario.

Un provvedimento atteso da vent'anni e condiviso con le parti sociali- sottolineano all'unisono gli assessori comunali Politiche Sociali, Giuseppe Sarli, alle Attività Produttive e del Terzo Settore, Giuseppe Digilio, alle Pari Opportunità e Differenze di Genere, Tiziana D'Oppido, e alle Politiche Giovanili, Raffaele Tantone.
Anche perché- continuano gli assessori coinvolti nella stesura del nuovo programma- "il Piano sociale comunale si propone di essere un piano aperto e processuale, in continuo divenire, in sintonia ed empaticamente correlato alla città, alla comunità ed ai suoi mutamenti espliciti e sottaciuti".

In particolare il nuovo piano- spiegano da Palazzo di Città- partendo dall'analisi dei bisogni sociali e socio sanitari della comunità "ha focalizzato l'attenzione su nove macroaree tematiche: famiglia e minori; politiche di genere; salute mentale; disabili; anziani; inclusione sociale e nuove povertà; dipendenze; giovani; immigrazione". L'obiettivo è quello di rafforzare tutto quanto di buono si è ereditato dal welfare tradizionale attraverso la rete dei servizi sociali e socio-sanitari, affiancandolo ad una nuova concezione di welfare di tipo innovativo, che possa essere capace di "arricchire e integrare con nuovi servizi alle persone e alle famiglie, focalizzati sulla qualità delle cure ma anche su autonomia, conciliazione, assistenza e inclusione sociale attiva".

  • Consiglio Comunale Matera
  • Welfare
Altri contenuti a tema
Materdomini faccia un passo indietro Materdomini faccia un passo indietro Richiesta di dimissioni da Presidente del Consiglio dei consiglieri di minoranza
Maggioranza va avanti spedita Maggioranza va avanti spedita M5S: “1 mln di euro per le strade in città”
Anche Matera chiederà fondi alla Regione Anche Matera chiederà fondi alla Regione Dopo il "Salva Potenza", una mozione nel prossimo consiglio
Via libera al rendiconto finanziario Via libera al rendiconto finanziario Soddisfazione del gruppo consiliare del M5S
Bando welfare, due milioni di euro a Matera Bando welfare, due milioni di euro a Matera I progetti finanziati dal Pnrr
“Fake news e propaganda. È questo quello che merita Matera?” “Fake news e propaganda. È questo quello che merita Matera?” Replica di alcuni consiglieri comunali alle dichiarazioni del sindaco in occasione della presentazione dei progetti per il Pnrr
Insistere sulla cittadinanza italiana a Zaki Insistere sulla cittadinanza italiana a Zaki Sette consiglieri comunali invitano la massima assise cittadina ad esprimersi nuovamente
Opposizione boccia l’azione politica della maggioranza Opposizione boccia l’azione politica della maggioranza 11 consiglieri di minoranza elencano i problemi irrisolti
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.