No alla violenza sulle donne
No alla violenza sulle donne
Cronaca

Botte alla compagna per otto anni

L’uomo è finito in manette dopo l'ennesima aggressione

Per anni era stata vittima di atti persecutori e lesioni personali da parte dell'ex-compagno. Violenze che sono sfociate sabato scorso in una denuncia da parte della donna alla Polizia di Stato, che prontamente è intervenuta, portando via in manette l'uomo, già noto alle forze dell'ordine per essersi in passato reso protagonista di reati rientranti nell'ambito della violenza domestica.

Dalla ricostruzione fatta, l'uomo si era introdotto furtivamente nella casa della sua ex-compagna che era in procinto di andare a lavoro. Preso da un raptus di gelosia l'uomo ha iniziato a colpire la donna con schiaffi e calci terminati solo quando la malcapitata, riuscita a sottrarsi momentaneamente all'ira violenta dell'individuo, ha minacciato di chiamare la polizia, riuscendo così a far allontanare l'ex-compagno.

La donna ha così allarmato gli agenti che sono giunti sul posto, trovandola visibilmente scossa ed in lacrime. Constatate le numerose ferite inferte dai colpi dell'uomo, i poliziotti hanno accompagnato la donna presso il pronto soccorso del locale nosocomio in ossequio ai protocolli istituzionali a difesa delle vittime di violenze di genere. Mentre alcuni agenti scortavano la donna in ospedale, un'altra pattuglia ha intercettato l'uomo che, non contento, era ritornato presso l'abitazione della ex-compagna.

Per lui a quel punto sono scattate le manette ai polsi. Per fortuna la donna ha riportato lievi ferite guaribili in sette giorni.

Stando alla ricostruzione, le vessazioni e le violenze (con lesioni evidenziate da cicatrici sul corpo ed in particolare su una delle due arcate sopraccigliari) erano di fatto una prassi quotidiana, che si è susseguita nel tempo, dal 2012 fino agli inizi di questo mese, quando la donna aveva cacciato di casa il compagno. Ma da lì in poi la sua vita era diventata un incubo con l'uomo diventato ossessivo. Ieri per lui è stato convalidato il fermo ed è stato tradotto presso la Casa circondariale di Matera.

"Una vicenda- sottolineano dalla Questura di Matera- che pone l'accento sull'importanza della denuncia da parte delle vittime dei reati di violenza di genere, sui quali altissima è l'attenzione della Polizia di Stato, anche alla luce della legge nr. 69 del 2019 che ha introdotto il c.d. Codice Rosso, al fine di evitare che situazioni come quella descritta possano sfociare in tragedie, figlie di amori malati e distorti".
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Invita gruppo ragazzi ad abbassare voce e viene preso a calci Invita gruppo ragazzi ad abbassare voce e viene preso a calci Disavventura per un materano. Denunciato l'aggressore
Operazione antidroga, soldi e droga sequestrati Operazione antidroga, soldi e droga sequestrati Durante le perquisizioni la Polizia ha trovato 32 mila euro
Spaccio di droga in provincia di Matera, grande giro di affari illeciti Spaccio di droga in provincia di Matera, grande giro di affari illeciti Persone finite sul lastrico pur di acquistare sostanze stupefacenti
Operazione anticrimine contro traffico di armi e droga Operazione anticrimine contro traffico di armi e droga Eseguiti 19 arresti, soprattutto in provincia di Matera
Giovane donna morta in casa di amici, disposta autopsia Giovane donna morta in casa di amici, disposta autopsia Le cause sono da accertare. Indaga la Polizia
Concluse indagini per traffico di armi e droga Concluse indagini per traffico di armi e droga Sono 24 gli avvisi notificati dalla Polizia di cui quattro nei Comuni murgiani
Uomo minaccia suicidio, salvato dalla Polizia Uomo minaccia suicidio, salvato dalla Polizia Agenti intervenuti in tempo per far desistere l’uomo dai cattivi propositi
Spacca tutto con un bastone, denunciato Spacca tutto con un bastone, denunciato Intervento della Polizia in una casa vacanze
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.