Gigi D'Alessio
Gigi D'Alessio
Politica

Capodanno: 330.000 euro di spesa, interrogazione di 5 consiglieri

Sono stati richiesti chiarimenti sui tre affidamenti diretti

"Capodanno 2022, ingiustificato il frazionamento dell'appalto in tre affidamenti diretti". Questo è l'oggetto di un'interrogazione di cinque consiglieri comunali, sul programma del Capodanno, costato in tutto 330.000 euro (iva inclusa). Il calendario prevede anche il concerto di Gigi D'Alessio.

Di seguito il comunicato dei consiglieri.

Non sui gusti musicali di ognuno, sempre opinabili, ma sulle modalità in cui avviene la spesa pubblica è più opportuno riflettere circa il programma di fine anno finanziato dal Comune.
Lo fanno con un'interrogazione i consiglieri d'opposizione Pasquale Doria, Cinzia Scarciolla, Liborio Nicoletti, Filomena Tosti e Marina Susi. In particolare, chiedono di conoscere quali sono le ragioni oggettive che giustificano il frazionamento nell'appalto del Capodanno 2022 in tre affidamenti diretti per un importo complessivamente superiore a quello permesso in caso di affidamento diretto. Si vogliono conoscere anche quali sono le ragioni per cui non si è proceduto, con congruo anticipo temporale, ad una programmazione di tali eventi di fine anno. Aspetto più che ovvio, se si considera l'opportunità di evitare di utilizzare l'istituto dell'affidamento diretto e consentire ad altri operatori del settore dello spettacolo di poter partecipare ad una procedura comparativa.
Sarebbe il caso, quindi, di conoscere quali provvedimenti intenda adottare l'Amministrazione comunale per garantire anche in futuro il rispetto delle disposizioni che disciplinano gli affidamenti pubblici di servizi e forniture. Nel caso specifico il riferimento riguarda gli articoli del Codice degli Appalti Pubblici e le Linee Guida ANAC n. 4 approvate con delibera n. 1097 del 26 ottobre 2016 come aggiornate con delibera n. 206 del 1 marzo 2018.
Nel dettaglio, la Giunta comunale ha affidato direttamente l'organizzazione degli eventi legati al Capodanno 2022 ai seguenti soggetti:
- Waver s.r.l. titolare del progetto ed esclusivista dell'artista Gigi D'Alessio un importo di 133.636,36 euro, escluso IVA al 10%;
- per la Genetiko Communication, titolare dello sfruttamento dei diritti di immagine audiovisivi dell'artista Gigi D'Alessio, l'importo di 20.000 euro escluso IVA al 22%;
- per la Quarantaconcerti di Carlo Quaranta, indicata dalla Waver come esclusivista per gli allestimenti e i servizi tecnici per la Waver in Basilicata e quindi anche del concerto di Gigi D'Alessio, un importo di 130.000 euro escluso IVA al 22%. Il tutto, per un totale complessivo di 330.000 euro (IVA inclusa) e 283.636,36 euro (IVA esclusa).
Appare lampante dalla descrizione offerta in delibera che i tre soggetti cui sono stati disposti gli affidamenti diretti per complessivi 283.636,36 euro (IVA esclusa) sono, commercialmente, contrattualmente, oltreché tecnicamente e operativamente collegati e strettamente interconnessi in quanto tutti e tre impegnati nella realizzazione di uno stesso evento (ovvero, il concerto del 31 dicembre 2022 del cantante partenopeo Gigi D'Alessio ed altri servizi di intrattenimento a mero corollario). E' anche del tutto evidente che due dei tre affidamenti diretti innanzi richiamati sono poco inferiori alla soglia di 139.000 euro permessa, fino al 30 giugno 2023, dall'art. 1 del decreto legge numero 76 del 2020 per l'affidamento diretto di servizi e forniture.
Non si può non evidenziare, pertanto, che il comma 6 dell'art. 35 del decreto legge numero 50 del 2016 ("Codice degli Appalti pubblici") prevede il divieto del cosiddetto "frazionamento artificioso degli appalti". "La scelta del metodo per il calcolo del valore stimato di un appalto o concessione, infatti, non può essere fatta con l'intenzione di escluderlo dall'ambito di applicazione delle disposizioni del presente codice relative alle soglie europee. Un appalto non può essere frazionato allo scopo di evitare l'applicazione delle norme del presente codice tranne nel caso in cui ragioni oggettive lo giustifichino".
A queste norme vanno aggiunte le Linee Guida ANAC n. 4 approvate con delibera n. 1097 del 26 ottobre 2016 e aggiornate con delibera n. 206 del 1 marzo 2018, recanti "Procedure per l'affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria (…)" nonché Delibera ANAC n. 666 del 28 settembre 2021.
Tutti aspetti che non sfuggono alla considerazione secondo cui gli affidamenti diretti sopra descritti sarebbero idonei a determinare la violazione del divieto del frazionamento artificioso degli appalti e, conseguentemente, dei principi di imparzialità, nonché efficienza ed economicità che guidano il buon andamento della Pubblica Amministrazione nella gestione delle risorse pubbliche.
  • Consiglio Comunale Matera
  • Capodanno
Altri contenuti a tema
Antenna in via Gravina, discussione in consiglio comunale Antenna in via Gravina, discussione in consiglio comunale Intanto la società ha fatto ricorso al Tar contro ordinanza di sospensione lavori
Ben Nato 2024, il brindisi al nuovo anno nel Parco del Castello Ben Nato 2024, il brindisi al nuovo anno nel Parco del Castello Ospite è il cantautore Edoardo Bennato
Comune di Matera: approvato il bilancio 2024-2026 Comune di Matera: approvato il bilancio 2024-2026 Soddisfazione del gruppo Movimento 5 stelle
Consiglio comunale a favore della Zona franca energetica Consiglio comunale a favore della Zona franca energetica Approvata una mozione. La Zfe consentono sgravi fiscali
Matera: manca un piano delle antenne di telefonia e comunicazioni Matera: manca un piano delle antenne di telefonia e comunicazioni Il Consiglio comunale approva documento per una programmazione
Matera, approvato all'unanimità un appello alla pace Matera, approvato all'unanimità un appello alla pace Ordine del giorno per il "cessate il fuoco" nelle guerre
Comune di Matera, maggioranza risicata per Bennardi Comune di Matera, maggioranza risicata per Bennardi Dopo un anno Lisurici (eletto nella Lega) torna all'opposizione
Più fondi per scuole e cimitero Più fondi per scuole e cimitero Le misure previste nell'assestamento di bilancio
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.