Nuovo impianto eolico a Matera
Nuovo impianto eolico a Matera
Territorio

Confapi, nessuna risposta da assessore regionale all'ambiente

“Da oltre 6 mesi chiesto un incontro a Rosa"

Il presidente di Confapi Matera. Massimo De Salvo, ha vivamente protestato per il disinteresse dimostrato dall'assessore regionale all'Ambiente, Gianni Rosa, rispetto alle ripetute quanto vane richieste d'incontro, la prima risalente addirittura al 5 novembre 2019.

In particolare, il presidente De Salvo, dopo avere raccolto le legittime rimostranze di molti imprenditori appartenenti a varie categorie, ha espresso grande rammarico per la mancata disponibilità a un incontro che, chiesto la prima volta più di sei mesi fa, si è andato via via arricchendo di nuovi contenuti, senza tuttavia ricevere risposta.

Confapi Matera ha chiesto di incontrare l'assessore all'Ambiente per discutere di argomenti che attengono a diversi comparti, come l'estrazione di materiale fluviale, le cave, il turismo, lo smaltimento dei reflui civili.

Innanzitutto occorre affrontare le problematiche inerenti all'attività estrattiva fluviale e, più in generale, alle questioni attinenti la funzionalità degli Uffici del Dipartimento. Infatti, la situazione economico-finanziaria degli estrattori lucani risente fortemente del blocco pressoché totale delle concessioni. Di pari passo, il letto dei fiumi della Basilicata è talmente ricolmo di materiale litoide da far temere pericolose esondazioni in occasione di piogge abbondanti, con danni all'ambiente e alle attività antropiche circostanti.

Si tratta, dunque, di un argomento fondamentale sia per una parte rilevante dell'economia lucana, sia per la salvaguardia dell'ambiente. Nel merito l'Associazione intende formulare alcune proposte. Altrettanto dicasi per lo smaltimento dei reflui civili a mezzo autobotti, per cui sia Confapi che il Presidente della Provincia Matera hanno chiesto un incontro all'assessore e ad Acquedotto Lucano.

Fondamentale, inoltre, è la questione dell'erosione costiera, che si ripropone in tutta la sua drammaticità all'apertura degli stabilimenti balneari e che riguarda decine di operatori turistici. Come si vede – sottolinea il presidente De Salvo - si tratta di temi che riguardano l'ambiente, l'economia e l'occupazione.
  • Confapi Matera
Altri contenuti a tema
Confapi: grido d’allarme delle aziende del mobile imbottito Confapi: grido d’allarme delle aziende del mobile imbottito Le imprese lamentano impossibilità ad evadere gli ordini per mancanza di materie prime
Riforma consorzi industriali, confronto fra Confapi e consiglieri regionali Riforma consorzi industriali, confronto fra Confapi e consiglieri regionali Posizioni distanti sul ddl Api-Bas spa
Motorizzazione Matera, tempi lunghi per collaudi e revisioni Motorizzazione Matera, tempi lunghi per collaudi e revisioni Confapi esprime preoccupazione per le carenze di personale
Coronavirus, donazioni alle mense dei poveri Coronavirus, donazioni alle mense dei poveri Confapi: Grassani, Salerno e Santantonio consegnano mascherine e tute
Contributi alle imprese per far fronte all’IMU Contributi alle imprese per far fronte all’IMU La richiesta di Confapi Matera all’Assessore regionale Franco Cupparo
G20, nuova occasione per Matera protagonista G20, nuova occasione per Matera protagonista Soddisfazione di Confapi per la scelta del summit degli Esteri
Matera, dopo il 2019 un nuovo inizio Matera, dopo il 2019 un nuovo inizio Confapi chiede un maggiore protagonismo della città di Matera
Confapi, Lucia Scalera nuovo vicepresidente dei giovani mprenditori Confapi, Lucia Scalera nuovo vicepresidente dei giovani mprenditori Nominata ieri dal presidente Eustachio Papapietro
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.