Consiglio comunale, passa il riconoscimento dei debiti fuori bilancio
Consiglio comunale, passa il riconoscimento dei debiti fuori bilancio
Politica

Consiglio comunale, sì all’immobile ex Alsia destinato alla mensa per i poveri

Unanimità per la nuova destinazione d’uso. Ultima seduta ricca di argomenti.

Con la deliberazione approvata ieri all'unanimità dal consiglio comunale, l'immobile ex Alsia di via Cererie diventa ufficialmente a disposizione del patrimonio comunale di Matera. Ma non solo, perché finalmente è stata vincolata – con emendamenti integrativi di diversi consiglieri – la destinazione d'uso dello stabile ad attività sociali, tra cui la 'mensa per i poveri' promossa dall'associazione Onlus "Don Giovanni Mele".

La fondamentale tappa sull'atteso sblocco della vicenda è stata collocata come ultimo punto all'ordine del giorno, dopo un'assise fiume tra numerose interrogazioni ed alcune mozioni fortemente dibattute.

In particolare, la questione discarica di La Martella è tornata al centro dei botta e risposta chiarificatori tra l'assessore all'ambiente, Stefano Zoccali, e il consigliere del Movimento 5 Stelle, Antonio Materdomini. Quest'ultimo ha sollecitato l'amministrazione - considerato l'allarme inquinamento pervenuto dall'Azienda sanitaria materana - nell'emanare un'ordinanza urgente tendente al divieto di utilizzo delle acque di falda vicino l'impianto per qualunque scopo, eventualmente impiegate da insediamenti umani, produttivi e zootecnici presenti nella zona interessata. Su questo versante, l'assessore ha precisato che "si sta procedendo, di concerto con l'Arpab, per la caratterizzazione dei piezometri al fine di rilevare sostanze nocive ed individuare pozzi", ma in una prima indagine condotta dal Comune e da un laboratorio commissionato dall'ente comunale "non è emersa la presenza di mercurio e di pozzi profondi inquinati".

Augusto Toto, consigliere di Forza Matera, è intervenuto sulla questione dei ritardi da parte di Palazzo di città nel concedere diverse autorizzazioni di occupazione di suolo pubblico richieste soprattutto dai commercianti del centro storico. L'assessore al ramo, Antonella Prete, potrà esaminare le pratiche successivamente il vaglio operato dalla 'commissione tecnica di valutazione Sassi': "Cinque sono le istanze pervenute di recente, di cui 4 sono state ammesse e saranno oggetto dell'ulteriore esame del servizio patrimonio occupazione suolo pubblico. Ma chi se ne occupa – ha lamentato l'assessore – è solamente un impiegato".

Lo stesso Toto ha poi interrogato l'assessore all'ambiente, Stefano Zoccali, in merito alla manutenzione e pulizia delle strade nel quartiere rione Pini. Il quartiere continua a vivere uno stato di degrado urbano non più sopportabile da parte dei residenti. Su questo punto Zoccali ha cercato di placare gli animi: "In questi giorni sono in corso lavori pubblici nei pressi del parco giochi insieme agli interventi di pulizia: ciò rientra nella manutenzione straordinaria. Per la manutenzione stradale – ha aggiunto l'assessore – è incerta la tempistica in quanto non si attendono le risorse rivenienti dalle alienazioni dei beni comunali, corrispondenti a 160.000 euro".

Altro tema impellente è la mobilità cittadina. In questo caso l'assessore chiamato in causa, nel corso delle interrogazioni, è stato Valeriano Delicio. Pasquale Lionetti, consigliere di minoranza dell'Api, ha voluto vederci chiaro relativamente la chiusura di via Volta e l'istituzione del doppio senso di marcia in via Rocco Scotellaro: "Il risultato è stata una riduzione dei posti auto – ha denunciato il consigliere – e un congestionamento del traffico in aree centrali cittadine, rimaste al transito veicolare". Criticità riscontrate anche per il parcheggio di via Lucana: "Sono stati riservati ulteriori 54 posti auto a favore dei residenti Ztl, ignorando le necessità sia degli operatori commerciali, sia dei turisti e della restante cittadinanza". Di differenti vedute l'assessore che ha rimarcato le prime due soluzioni come "liberatorie per piazza San Francesco e di allargamento dell'area pedonale" e quella di via Lucana "utile per i residenti, anche se dovrà essere necessariamente allargata".

In seguito alle quattro interrogazioni, è stata la volta di tre mozioni. La prima ha interessato la discussa apertura del tratto di strada da via Paisiello a piazzetta Vivaldi, situato nel quartiere Acquarium: molti consiglieri di maggioranza e minoranza hanno votato in ordine sparso, giungendo con fatica all'esito dell'approvazione della richiesta (17 favorevoli, 7 contrari e 5 astenuti). Le incertezze nel merito riguardano come ha sottolineato, Francesca Cangelli, assessore all'urbanistica, "la possibilità di inserire una variabile urbanistica, non essendo compreso il collegamento stradale nel Prg". Così la professoressa ha rinviato la questione ad un esame più attento tra le continue polemiche dei consiglieri, divisi sulla possibilità di discuterne in una commissione ad hoc.

La seconda mozione, anche questa fortemente dibattuta, ha focalizzato l'attenzione sull'importante tema dell'apertura della farmacia comunale nel borgo La Martella. L'ordine del giorno è passato all'unanimità, ma si riscontrano problematiche di carattere tecnico non di facile soluzione: "Determinanti per l'apertura sono – ha osservato l'assessore al bilancio, Eustachio Quintano – il diritto di prelazione del Comune di Matera, se ancora sussiste, sulla farmacia di La Martella, e la sua inclusione nel concorso straordinario regionale sull'assegnazione delle sedi farmaceutiche di qualche anno fa". Solo successivamente si penserà alle formule di gestione, però prima sarà decisiva – ha tenuto a ribadire Quintano – "la verifica di questi importanti passaggi".

Infine è stata approvata all'unanimità la mozione a firma del consigliere pentastellato, Antonio Materdomini, sull'efficientamento energetico. L'atto impegna l'amministrazione comunale nell'attuare un programma d'interventi per la riduzione dei costi e l'abbattimento delle emissioni.
  • Consiglio Comunale Matera
  • Mensa Don Giovanni Mele
  • immobile ex Alsia
Altri contenuti a tema
Consiglio comunale, cinque i temi di interesse Consiglio comunale, cinque i temi di interesse Tra questi il parcheggio in via Vena e l'elettrodotto Terna
Elettrodotto Terna, ne discute il consiglio comunale Elettrodotto Terna, ne discute il consiglio comunale Cinque i punti all’ordine del giorno
Torna a riunirsi il consiglio comunale Torna a riunirsi il consiglio comunale Sono sette i punti all’o.d.g. Tari e variazioni di bilancio i punti centrali
Approvato dopo 20 anni il nuovo piano dei servizi sociali Approvato dopo 20 anni il nuovo piano dei servizi sociali Via libera del consiglio comunale al piano triennale 2021-2023
Consiglio comunale, si esaminano le interrogazioni Consiglio comunale, si esaminano le interrogazioni I temi all'ordine del giorno
Nuovo progetto per la mensa dei poveri Don Giovanni Mele Nuovo progetto per la mensa dei poveri Don Giovanni Mele Il Consiglio comunale all’unanimità ha confermato l’interesse pubblico
Potenziare l'ospedale di Matera Potenziare l'ospedale di Matera Ordine del giorno votato all’unanimità nel consiglio comunale sulla sanità
Consiglio comunale su diritto alla salute e sanità Consiglio comunale su diritto alla salute e sanità Prevista la presenza dell'assessore regionale Leone
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.