matera
matera
Territorio

Dal Governo 30 milioni di euro per i Sassi

Approvato l'emendamento dei deputati Antezza e Folino al Dl Destinazione Italia

Un contenitore immenso che permetterà anche un finanziamento di 30 milioni di euro per il recupero architettonico, urbanistico, ambientale ed economico dei Rioni Sassi, questo è l'ultimissimo decreto "Destinazione Italia", con cui il Governo prova a rilanciare l'appetibilità del Bel Paese agli occhi degli investitori stranieri.

Nell'ultima giornata di discussioni, infatti, è stato approvato l'emendamento proposto dai deputati Pd, Maria Antezza e Vincenzo Folino, che riguardava proprio il finanziamento alla città per la valorizzazione del patrimonio storico, da più parti riconosciuto come unico al Mondo, a partire proprio dall'Unesco, che ha consacrato gli Antichi Rioni materani come Patrimonio Mondiale dell'Umanità.

"Esprimiamo soddisfazione - si legge in una nota di Maria Antezza e Vincenzo Folino - per l'approvazione in Aula dell'ordine del giorno, che impegna il Governo per l'assegnazione di un contributo di 30 milioni di euro finalizzato alla conservazione e al recupero architettonico, urbanistico, ambientale ed economico dei rioni Sassi e la salvaguardia dell'altipiano della Murgia".

Raggiunto, dunque, l'obiettivo previsto dai deputati lucani del Partito Democratico nella modifica del Decreto Legge Destinazione Italia, nella giornata di ieri accolto anche dal Governo. "L'auspicio è che questo importante impegno del Governo si traduca in tempo brevi in azione concreta per la città dei Sassi, dichiarati nel 1993 dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità, e che hanno rappresentato e tutt'ora rappresentano una significativa esperienza di recupero e conservazione di siti rupestri e un'eccezionale attrattiva per il turismo", conclude la nota.
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.