Immigrati
Immigrati
Religioni

Diocesi di Matera e Irsina, solidarietà al parroco di Scanzano​

Ancora la questione immigrati l’origine del problema

Il Consiglio presbiterale a nome di tutti i sacerdoti della diocesi di Matera – Irsina, sentito l'Arcivescovo, esprime, attraverso un comunicato stampa, "vicinanza e solidarietà a don Antonio Polidoro e a tutta la comunità di Scanzano e Terzo Cavone in questo momento di prova, per le incomprensioni e le contestazioni immotivate sollevate da un gruppo di residenti a Terzo Cavone circa la realizzazione di tre mini appartamenti per l'accoglienza di donne e bambini immigrati, che non va a toccare l'uso dei locali già adibiti ad attività pastorali.

Il progetto, condiviso dalle comunità parrocchiali di Scanzano e Terzo Cavone, dalla Caritas diocesana, da tutta la Diocesi che ha investito un fondo di 30mila euro come opera segno del giubileo della Misericordia, dal Sindaco che ha messo a disposizione i locali, con il consenso di tutte le Autorità competenti, è un gesto nobile che rende tutta la comunità accogliente e solidale verso le persone che vivono condizioni disagiate e di marginalità, quali i fratelli e le sorelle immigrati, per offrire loro non solo un tetto ma l'integrazione necessaria per sentire il calore di una famiglia.

Il progetto, di chiara ispirazione evangelica, è in linea con le indicazioni di Papa Francesco, che invita non solo le comunità cristiane ma tutta la società ad accogliere, ed è, altresì, coerente con i valori della comunità di Scanzano e Terzo Cavone, comunità da sempre aperta e integrata, capace di accogliere e far sentire a "casa" persone provenienti da oltre cinquanta comuni dell'entroterra lucano.

Siamo convinti che Scanzano e Terzo Cavone accogliendo queste persone bisognose, in accordo con le Istituzioni locali, stia scrivendo, insieme al progetto della "Città della Pace", un'altra pagina bella della sua storia.
A don Antonio l'affetto e il sostegno della preghiera da parte di tutti i confratelli e alla Comunità di Scanzano e Terzo Cavone l'augurio di tenere sempre vivi e alti i valori della solidarietà, dell'accoglienza e della capacità di integrazione".
  • Arcidiocesi Matera-Irsina
Altri contenuti a tema
Sviluppo del turismo religioso, siglato un protocollo di intesa Sviluppo del turismo religioso, siglato un protocollo di intesa Comune, Diocesi e Parco “Terre di luce” hanno firmato accordo per i luoghi di culto
Frana a Pomarico, anche Matera si mobilita per chi ha perso la casa Frana a Pomarico, anche Matera si mobilita per chi ha perso la casa Diocesi mette a disposizione mini appartamenti. Il Comune solidarizza
Arcidiocesi di Matera-Irsina, attesa per il primo Sinodo Arcidiocesi di Matera-Irsina, attesa per il primo Sinodo Il primo appuntamento in Cattedrale è sabato 12 gennaio
Oggi a Matera la marcia nazionale della pace: ecco orari e percorso Oggi a Matera la marcia nazionale della pace: ecco orari e percorso Attese migliaia di persone lungo il percorso. Invito al digiuno (con la rinuncia al cenone) e alla carità
"Rimuovere i bagni pubblici dalla chiesa del Purgatorio" "Rimuovere i bagni pubblici dalla chiesa del Purgatorio" Un posizionamento che ha provocato polemiche e indignazione
Celebrazioni Madonna Viggiano, oggi confraternite a raccolta Celebrazioni Madonna Viggiano, oggi confraternite a raccolta Per il cammino regionale
Riapre il complesso museale della Diocesi di "Matera-Irsina” Riapre il complesso museale della Diocesi di "Matera-Irsina” Sabato 24 marzo, l'inaugurazione del nuovo allestimento
Un nuovo diacono ordinato da mons. Caiazzo  nella chiesa di S. Antonio di Pisticci Un nuovo diacono ordinato da mons. Caiazzo nella chiesa di S. Antonio di Pisticci "Il Signore ha solo bisogno del nostro SI per trasformare la nostra esistenza in una storia di perdono e di amore
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.