Libri scolastici
Libri scolastici
Scuola e Lavoro

Dirigenze scolastiche: il piano sulle autonomie è completo

Elaborato un documento di proposte e indicazioni per il piano di dimensionamento

Le commissioni terza e quarta del Consiglio regionale della Basilicata hanno elaborato un documento sul piano di dimensionamento scolastico, dopo l'audizione dell'assessore regionale ai servizi per la comunità Michele Casino che si è tenuta oggi a Potenza.

Per effetto del decreto milleproroghe, il taglio delle autonomie si riduce di due unità. Rispetto alla previsione del decreto interministeriale, che prevedeva un taglio di 26 dirigenze (da 110 a 84), adesso due vengono risparmiate; di conseguenza, saranno 24 (da 110 a 86) quelle che verranno meno. Le due commissioni hanno condiviso l'indirizzo regionale di dividere le due dirigenze risparmiate, una a Potenza e una a Matera. La Giunta regionale dovrà approvare il Piano di Dimensionamento scolastico entro il 5 gennaio e trasmetterlo al Ministero.

Il documento
"Le Commissioni terza e quarta congiunte – si legge nel documento - dopo aver audito l'Assessore al ramo Casino, ritengono di attribuire una dirigenza a testa (tra quelle aggiunte dal cd. decreto Milleproroghe) alle due Province:
a Matera, rendere autonomi l'IC "Semeria" e l'IC "Minozzi" che mantengono la loro integrità e, pertanto, anche il plesso "Semeria" di La Martella rimane nel medesimo Istituto comprensivo "Semeria";
alla Provincia di Potenza valutare l'attribuzione della dirigenza per: a) soddisfare l'istanza IPSASR "G. Fortunato" di cui alla nota prot. n. 4 del 2 gennaio 2024, di mantenere la dirigenza scolastica a Potenza con le sedi coordinate di Lagopesole e Sant'Arcangelo al fine di mantenere il polo agrario della provincia di Potenza; b) mantenere l'autonomia dell'IIS "Righetti" di Melfi rispetto all'accorpamento con l'IIS "Gasparrini".

Sugli istituti comprensivi – continua il documento - si propone di:
  • attribuire la dirigenza all'IC "Monsignor Caselle" di Rapolla anziché all'IC "Giovanni XXIII" di Barile, in quanto Rapolla comune con maggior numero di iscritti e maggiormente baricentrico;
  • accorpare le scuole del Comune di Latronico nell'IC "Lentini" di Lauria anziché con l'IC "Don Bosco" di Francavilla sul Sinni come richiesto dal Comune;
  • attribuire la dirigenza all'IC "Isabella Morra" di Valsinni anziché all'IC "Albino Pierro" di Tursi, in quanto l'IC "Morra" ha un maggior numero di iscritti e la citta di Valsinni risulta baricentrica;
  • accorpare gli alunni dell'IC di Miglionico all'IC "Fermi" di Matera come richiesto dal Comune;
  • correggere il refuso relativo all'istituto omnicomprensivo di Tricarico per cui vengono computati nel numero complessivo gli alunni della Ragioneria di Grassano ma non viene menzionato l'Istituto;
  • su richiesta del Comune di Filiano si propone di accorpare gli alunni delle scuole di Filiano con quelli di Avigliano anziché con quelli di Atella.

Quanto alla richiesta del Comune di Tramutola –recita il documento - la normativa nazionale e, conseguentemente, quella regionale, volgono verso la riduzione del numero degli istituti omnicomprensivi. Sarebbe, altresì, antitetica rispetto ai criteri previsti dalla D.G.R. n. 759 del 22/11/2023 che individua nel principio numerico e nel criterio del comune baricentrico la ratio per la individuazione della sede ospitante la dirigenza.

Sugli Istituti superiori di II° grado le Commissioni propongono di:
  • valutare la richiesta dell'IIS "Morra" di Matera di attivare l'indirizzo professionale "Arti ausiliarie delle professioni sanitarie: ottico";
  • non attribuire il nuovo indirizzo "Grafica e comunicazione" all'IIS "G. Fortunato" di Rionero in Vulture in quanto tale indirizzo è già presente in un IIS di Melfi che insiste nello stesso distretto.
Il Consigliere Fuina – riporta, in conclusione, il documento - propone la seguente ridistribuzione:
  • la fusione dell'IIS "Fermi" di Policoro con l'IIS "V. Bachelet" di Nova Siri con dirigenza a Policoro;
  • la fusione dell'IIS "Pitagora" di Montalbano Jonico, privo di Nova Siri, con l'IIS "Fortunato" di Pisticci con dirigenza a Pisticci;
  • la fusione dell'IIS "Pitagora" di Policoro con l'IIS "M. Capitolo" di Tursi con dirigenza a Policoro".
  • Scuola
  • Dimensionamento scolastico
  • Consiglio regionale Basilicata
Altri contenuti a tema
Borse di studio di 800 euro per gli studenti meritevoli Borse di studio di 800 euro per gli studenti meritevoli Pubblicato l'avviso "Il valore del sapere"
Elezioni regionali: finora quattro i candidati a presidente (salvo altre sorprese) Elezioni regionali: finora quattro i candidati a presidente (salvo altre sorprese) La situazione a cinque giorni dalla presentazione delle liste
Per un giorno attività didattiche sospese in un plesso scolastico Per un giorno attività didattiche sospese in un plesso scolastico In via Cosenza, per lavori al pavimento
Le case editrici lucane al Salone del libro di Torino Le case editrici lucane al Salone del libro di Torino Avviso del Consiglio regionale della Basilicata per sostegno e promozione
Scuola: piano regionale con 24 accorpamenti di istituti Scuola: piano regionale con 24 accorpamenti di istituti Per il dimensionamento è ancora polemica tra Regione e Province
Scuola: Province contro Regione e Governo sul taglio delle autonomie Scuola: Province contro Regione e Governo sul taglio delle autonomie Verranno meno 26 dirigenze. Domani protesta a Potenza
Concorsi scuola: pochissimi posti in Basilicata Concorsi scuola: pochissimi posti in Basilicata I dati della Uil che parla di "una vera elemosina". Sono 182 su oltre 30mila
Provincia Matera: non tagliare nessuna dirigenza scolastica Provincia Matera: non tagliare nessuna dirigenza scolastica Dimensionamento, la proposta di confermare la situazione attuale
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.