cibus
cibus
Vita di città

Giornata contro lo spreco alimentare anche a Matera

La Rete di CiBus esempio virtuoso

Prevenire gli sprechi e riutilizzare le eccedenze. Questo l'obiettivo da raggiungere, anche attraverso la sensibilizzazione della popolazione, in occasione della giornata nazionale contro lo spreco alimentare che si celebra oggi anche a Matera. Lo scopo dell'iniziativa, infatti, è quello di sensibilizzare i cittadini, le istituzioni e gli operatori sull'importanza di prevenire gli sprechi e ridistribuire le eccedenze delle produzioni alimentari.

Un obiettivo perseguito nella città dei Sassi grazie alla creazione della rete Cibus, nata da un gruppo di Associazioni di Volontariato, avente come sodalizio capofila l'associazione "Cittadini Solidali", a cui si sono unite nel tempo la Caritas, l'Associazione don Giovanni Mele Onlus, il Volontariato Materano, Joven, i Gruppi di Volontariato Vincenziano e che viene coordinata dal Centro Servizi Volontariato di Matera.

Una iniziativa meritoria, che in 6 anni ha "salvato" circa 1.200 quintali di cibo dalla spazzatura, per un valore di circa 360 mila euro e che adesso è diventata il punto di riferimento per le mense caritatevoli e le parrocchie che quotidianamente ricevono il cibo e lo convertono in pasti giornalieri. E così 14 volontari, ogni mattina girano con il furgoncino Cibus per raccogliere, dagli esercizi commerciali aderenti al progetto, i prodotti alimentari invenduti del giorno prima come focacce, pane, frutta e verdura, ancora tranquillamente commestibili, distribuendoli alle mense che li rendono dei gustosi pasti.

Un progetto che ha saputo conquistarsi il riconoscimento sia della Regione Basilicata che del Ministero dell'Agricoltura e che ha permesso di ampliare l'operatività della rete Cibus, attraverso una convenzione con le mense scolastiche e con l'apertura di una Dispensa Solidale presso la Casa del Fanciullo di Matera, purtroppo momentaneamente sospese a causa dell'emergenza sanitaria causata dal covid.

"Ulteriori tasselli che contribuiranno a ridurre, sempre più, lo spreco alimentare, ma soprattutto aumenteranno la consapevolezza nei cittadini che la così detta economia circolare non solo è possibile, ma è già una piccola realtà"- commenta Pina Giordano, responsabile del progetto Cibus, che afferma con convinzione: "Siamo ancora un po' lontani dall'obiettivo di Zerospreco, ma sicuramente stiamo su un'ottima strada e con impegno costante, maggiore sensibilizzazione e consapevolezza, la città di Matera attraverso il volontariato ci offre grandi speranze".
  • Cibus
Altri contenuti a tema
Volontari instancabili, il bilancio della rete CiBus Volontari instancabili, il bilancio della rete CiBus Aumentata la raccolta delle eccedenze alimentari
Donazione dalla Federfarma alla rete CiBus Donazione dalla Federfarma alla rete CiBus I farmacisti uniti nella solidarietà verso le famiglie in difficoltà
Il pullmino del CiBus non si ferma Il pullmino del CiBus non si ferma Aiuti ai bisognosi in questa fase di emergenza sanitaria
Materadio dona il cibo non consumato ai poveri grazie a CiBus Materadio dona il cibo non consumato ai poveri grazie a CiBus Oltre 35 ad oggi le attività commerciali di Matera che quotidianamente donano alimenti piuttosto che gettarli
Una rete di solidarietà a Matera Una rete di solidarietà a Matera Il furgoncino Cibus raccoglie e distribuisce le eccedenze alimentari
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.