incendio autocarro
incendio autocarro
Territorio

In Basilicata + 400% degli incendi rispetto al 2016

Dal dossier pubblicato da Legambiente molte risposte alle domande di tutti

La piaga degli incendi boschivi quest'anno non ha risparmiato nessuno, Basilicata compresa. Nei primi sette mesi del 2017 si è registrato un aumento degli incendi - rispetto allo stesso periodo del 2016 - del 400 per cento: lo ha detto Legambiente Basilicata. Secondo l'organizzazione ambientalista, i roghi divampati in regione si sono dimostrati "anche più devastanti" rispetto al 2016.

Sempre Legambiente ha pubblicato un dossier, aggiornato al 12 luglio, raccogliendo i dati sul fenomeno ma a livello nazionale. Da metà giugno ad oggi sono andati in fumo ben 26.024 ettari di superfici boschive, pari al 93,8% del totale della superficie bruciata in tutto il 2016. Le regioni italiane più colpite sono la Sicilia con 13.052 ettari distrutti dal fuoco, seguita dalla Calabria con 5.826 ettari, la Campania 2.461, Lazio con 1.635, la Puglia 1.541, la Sardegna 496, l'Abruzzo 328, le Marche 264, la Toscana 200, l'Umbria 134 e la Basilicata 84. I numeri non meravigliano Legambiente, che scrive nel suo comunicato stampa "Un'emergenza del tutto prevedibile dato l'annuale opera da parte di ecomafie e piromani, aggravata dal caldo torrido e dalla siccità, e che poteva essere affrontata per tempo con efficaci attività di prevenzione che sono mancate".

Chi appicca le fiamme? Sempre nel Dossier incendi 2017 di Legambiente si legge "le mafie svolgono un ruolo determinante nel controllare i rispettivi territori di pertinenza, usando alla bisogna gli incendi per i più disparati motivi criminali. Speculazioni edilizie, appalti per manutenzione e rimboschimenti, assunzioni clientelari del personale forestale (addetto agli spegnimenti e alla manutenzione), guardianie imposte, estensione delle superfici destinati al pascolo, e ancora per ritorsione nei confronti di chiunque gli sbarra la strada o come mero strumento di ricatto politico".

Il dato più rilevante che emerge dal report è che la gestione dell'emergenza incendi è stata segnata fino ad ora da troppi e ingiustificati ritardi a livello regionale e nazionale a partire dalle Regioni, che si sono mosse con troppa lentezza come dimostrano quelle più devastate dalle fiamme. Ad oggi Campania e Lazio non hanno ancora approvato il Piano AIB 2017 (piano antincendio boschivo) e le relative modalità attuative per organizzare la prevenzione, il lavoro a terra, e gli accordi con i Vigili del Fuoco e con la Protezione Civile. Calabria e Sicilia lo hanno fatto in parte, con grande ritardo, e la Sicilia per altro non ancora stipulato la convenzione con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Unica eccezione la Puglia che si è mossa su entrambi i fronti per tempo, ma non si hanno notizie dell'attivazione dei Centri Operativi Provinciali (COP). Ma il Piano AIB da solo non basta a scongiurare devastazioni e atti dolosi, se non è accompagnato da un'efficace macchina organizzativa e da politiche di gestione forestale sostenibili come dimostra la situazione reale.

Ai ritardi, va aggiunta il numero insufficiente delle squadre di operai forestali e soprattutto l'assenza di strategie e di misure di adattamento al clima. In questo quadro si inserisce anche il processo di riorganizzazione delle funzioni dell'ex Corpo Forestale ora assorbito nell'Arma dei Carabinieri ei ritardi nazionali dovuti al fatto che il Governo e i Ministeri competenti non abbiano ancora approvato i decreti attuativi necessari al completamento del passaggio di competenze, personale, strumenti e mezzi per quanto riguarda l'antincendio boschivo, in modo da garantire su tutto il territorio squadre operative per gestire l'emergenza e svolgere le attività di prevenzione.
  • Incendio
  • Antincendio
Altri contenuti a tema
1 Continua il flagello degli incendi dolosi. Una sciagura senza fine Continua il flagello degli incendi dolosi. Una sciagura senza fine Andati in fumo fino ad oggi più di 52.374 ettari di vegetazione boschiva
Trovato il cadavere di un uomo carbonizzato in contrada "Noci" di Irsina (Matera) Trovato il cadavere di un uomo carbonizzato in contrada "Noci" di Irsina (Matera) Nella zona da ieri divampano violenti incendi
Incendio all’ISIS Pitagora di Policoro, segnalato un minore Incendio all’ISIS Pitagora di Policoro, segnalato un minore Oltre €20.000,00 di danni arrecati all'Istituto
Autocarro in fumo a La Martella Autocarro in fumo a La Martella Probabile incendio doloso, ma le circostanze sono tutte da chiarire
Auto in fiamme a San Giacomo Auto in fiamme a San Giacomo Nessun ferito. Cause tutte da accertare
Fumo da un locale presso il depuratore in contrada Pantano Fumo da un locale presso il depuratore in contrada Pantano I Vigili del Fuoco spengono l'incendio e sigillano la zona
Incendio nel quartiere Agna Le Piane Incendio nel quartiere Agna Le Piane Auto in fiamme nella notte
La provincia di Matera avvia le attività antincendio La provincia di Matera avvia le attività antincendio Impegnate 45 unità del progetto "Vie Blu"
© 2001-2017 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.