Petrolio
Petrolio
Territorio

Inchiesta petrolio, M5S chiede delucidazioni alla commissione europea

Perplessità su riapertura centro oli Viggiano e coinvolgimento consigliere Robortella

Nella giornata di ieri il gip di Potenza,Tiziana Petrocelli, ha disposto il dissequestro del centro oli di Viggiano dell'Eni, bloccato dal 31 marzo 2016 nell'ambito della scottante inchiesta sul petrolio in Basilicata. Tuttavia diverse ombre continuano ad aleggiare sulla vicenda, dai contorni tutti da accertare.

In particolare diverse criticità e perplessità giungono dall'interrogazione presentata dall'eurodeputato lucano del Movimento 5 Stelle, Piernicola Pedicini, alla commissione europea. I due fronti posti all'attenzione dal pentastellato interessano il coinvolgimento nell'inchiesta del consigliere regionale del Partito democratico, Vincenzo Robortella, e la richiesta di come l'Unione europea valuta la riapertura del centro oli Eni di Viggiano.

Robortella è stato nominato presidente della commissione attività produttive, ambiente e territorio della Regione Basilicata "nonostante – afferma l'eurodeputato - risulti essere indagato nell'inchiesta che mira a far luce proprio sui danni prodotti all'ambiente dalle estrazioni petrolifere". La nota diffusa da Pedicini rimarca che "il 5 agosto scorso la posizione giudiziaria del consigliere regionale del Pd Vincenzo Robortella è peggiorata, in quanto i pm di Potenza, Francesco Basentini e Laura Triassi, hanno chiesto al gip il suo rinvio a giudizio insieme ad altre 58 persone e 10 società, coinvolti nei due filoni dell'inchiesta sulle estrazioni petrolifere in Basilicata".

Secondo quanto riportato dai magistrati antimafia, la società Outsourcing s.r.l, di cui il consigliere regionale era proprietario, avrebbe ricevuto un finanziamento europeo relativo ai lavori del centro oli Tempa Rossa della Total pur non avendone i requisiti di legge. Per questo motivo il pentastellato chiede se l'Olaf – ufficio europeo per la lotta antifrode - "ha avviato indagini al fine di individuare la sussistenza di casi di corruzione, frode o altre irregolarità relative ai fondi europei erogati alla società Outsourcing s.r.l?".

Infine, riguardo il dissequestro, Pedicini ha chiesto alla commissione di illustrare proprie osservazioni in merito alla ripresa delle attività dell'impianto Eni. La domanda è considerevole di interesse: "La riapertura dei lavori garantisce la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori e della popolazione residente nell'area? E quali provvedimenti stanno adottando le autorità nazionali e regionali per garantire che le norme ambientali dell'Unione europea siano rispettate?".
  • Movimento cinque stelle
  • Petrolio
  • Piernicola Pedicini
  • Commissione europea
  • Centro Oli Viggiano
  • Vincenzo Robortella
Altri contenuti a tema
"Rimpasto giunta, ennesima parodia" "Rimpasto giunta, ennesima parodia" La nota del consigliere comunale del Movimento cinque stelle Antonio Materdomini
"Rospi si dovrebbe dimettere e farsi rieleggere" "Rospi si dovrebbe dimettere e farsi rieleggere" Affondo di Materdomini dopo la decisione del deputato di lasciare il Movimento 5 stelle
Rospi lascia 5 stelle e passa al gruppo misto della Camera Rospi lascia 5 stelle e passa al gruppo misto della Camera La motivazione: "Gestione verticistica nel Movimento"
Tassa di soggiorno, il Comune non incassa tutto Tassa di soggiorno, il Comune non incassa tutto Il movimento Cinque stelle presenta una mozione
A Matera ritorna "Giocattoli in MoVimento" A Matera ritorna "Giocattoli in MoVimento" I pentastellati di Matera in piazza per solidarietà
"Anche Matera nelle Zone franche urbane" "Anche Matera nelle Zone franche urbane" Approvato un emendamento di Rospi (Movimento 5 stelle)
M5S: nessuna intesa con il Pd per le Comunali di Matera M5S: nessuna intesa con il Pd per le Comunali di Matera Perrino e Materdomini escludono alleanze con i Dem in vista delle prossime elezioni amministrative
Materdomini (M5s): “Dopo la stazione, anche il parcheggio sarà fantasma?” Materdomini (M5s): “Dopo la stazione, anche il parcheggio sarà fantasma?” Interrogazione sull’area adiacente la stazione ferroviaria di Matera-La Martella
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.