polizia- operaizone underboss
polizia- operaizone underboss
Cronaca

Operazione Under Boss, tre arresti

la Polizia di Stato esegue tre ordini di carcerazione dopo la sentenza definitiva di condanna

La Polizia di Stato ha dato esecuzione all'ordine di carcerazione nei confronti di tre persone coinvolte nell'operazione di polizia giudiziaria "Under Boss", disposti dalla Procura Generale presso la Corte di Appello di Potenza a seguito della sentenza definitiva di condanna nei confronti degli imputati: lo scorso 28 ottobre, infatti, la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso presentato da alcuni di essi, condannandoli a pene che vanno dai 3 agli 8 anni di reclusione.
Le tre persone nei cui confronti è stato eseguito l'ordine di carcerazione sono: Giovanni Grillo, Salvatore Farina e Nicola Pallotta.
Ricordiamo che le attività di indagine dell'operazione che fu denominata "Under Boss" furono svolte dalla I Divisione del Servizio Centrale Operativo del Dipartimento della P.S. e dalla Squadra Mobile della Questura di Matera, con la collaborazione dell'Interpol.
Il 10 dicembre 2015 8 persone furono arrestate perché ritenute responsabili del reato di estorsione, aggravata dal c.d. metodo mafioso e dalla transnazionalità, commessa ai danni di un imprenditore materano da esponenti della organizzazione mafiosa newyorkese denominata "famiglia Gambino", che si avvalevano della collaborazione sul territorio nazionale di pregiudicati lucani, campani e siciliani.
Indagini accurate permisero di svelare tutta la vicenda. Negli anni '80 un imprenditore materano ottenne un prestito di 300 milioni di lire dalla famiglia Gambino, grazie all'intermediazione di un pregiudicato lucano che da giovane aveva fatto parte di quella organizzazione criminale. La somma nel tempo restituita dall'imprenditore fu molto maggiore del prestito iniziale, in quanto allo stesso furono applicati tassi usurari, ma evidentemente questo non bastava agli esponenti della organizzazione mafiosa italo-americana.
Così la "famiglia" si rifece viva inviando a Matera Francesco Palmeri, che nell'ambito dell'associazione ricopriva il prestigioso ruolo di Vicecapo ("Underboss" in inglese). Nel 2014 lo stesso, accompagnato da altri due emissari mafiosi americani, si presentò dall'imprenditore per esigere una somma nel frattempo salita a un milione di euro. Il piano fu interrotto dall'intervento della Polizia.
Gli ordini di carcerazione sono stati eseguiti dalle Squadre Mobili di Roma, Trapani e Matera, coordinate dal Servizio Centrale Operativo del Dipartimento della P.S.

  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Salvò delle vite durante nubifragio, una statua per l'eroe Conte Salvò delle vite durante nubifragio, una statua per l'eroe Conte Era una guardia di pubblica sicurezza
Consumo cannabis, parlarne a scuola per conoscere i rischi Consumo cannabis, parlarne a scuola per conoscere i rischi Gli studenti del liceo scientifico a confronto con forze di polizia
Matera, Polizia arresta uno spacciatore di droga Matera, Polizia arresta uno spacciatore di droga Sequestrati 42,5 grammi di cocaina
Latitante finisce in manette Latitante finisce in manette Arrestata dopo 7 anni dalla Polizia una donna straniera
Il Camper della Polizia in piazza Vittorio Veneto Il Camper della Polizia in piazza Vittorio Veneto Per la giornata della violenza contro le donne
Maltrattamenti e violenza sessuale, un arresto a Matera Maltrattamenti e violenza sessuale, un arresto a Matera La vittima ha trovato la forza di denunciare il marito
Una foto di Matera nel calendario della Polizia Una foto di Matera nel calendario della Polizia Scattata dal responsabile della scientifica Sasso
Montescaglioso, un arresto per possesso di droga Montescaglioso, un arresto per possesso di droga La Polizia ferma un 51enne con circa 120 grammi di cocaina
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.