Pseudomonas aeruginosa
Pseudomonas aeruginosa
Ospedale e sanità

Pseudomonas aeruginosa: cosa accade se si viene contagiati

Le più importanti infezioni causate dal batterio in questione

Otto i lotti a marchio "Cutolo Rionero" ed "Eurospin Blues" - con codice LR7248C, LR7249C, LR7250C, LR7251C, LR7252C, LR7253C, LR7254C e LR7255C, con date di scadenza dal 5 al 12 settembre 2018 e del formato da un litro e mezzo e da litro - di cui il Ministero della Salute, mediante apposita circolare, ha richiesto il ritiro dal mercato, poiché ritenuti a rischio contaminazione da Pseudomonas Aeruginosa.

E' un batterio Gram-negativo, considerato un patogeno opportunista, in quanto colpisce soprattutto persone con difese immunitarie, pelle o mucose compromesse. La sua forma "a bastoncello" gli consente di viaggiare indisturbato tra i tessuti del corpo umano. Per sopravvivere ha bisogno di ossigeno e predilige gli ambienti umidi.

L'infezione avviene in tre momenti: attacco del patogeno e colonizzazione; infezione locale; passaggio nel sangue e malattia sistemica. Nei soggetti sani, generalmente colonizza pelle, orecchio esterno, vie respiratorie superiori o intestino crasso, causando problemi: respiratori (polmonite), al sistema nervoso centrale (meningiti o ascessi cerebrali), all'orecchio (otiti); agli occhi (endoftalmite o cheratite batterica); ad ossa e articolazioni, gastrointestinali (dissenteria, enterite ed enterocolite), alle vie urinarie. E ancora presenza di batteri nel sangue, endocardite e problemi dermatologici.

Tra i sintomi più comuni: febbre, cianosi, disidratazione, fastidi addominali, lesioni emorragiche e necrotiche, ascessi, noduli sottocutanei, cellulite, soffio cardiaco, fascite, difficoltà di movimento, edema palpebrale, secrezioni oculari purulente, eritema congiuntivale.

I farmaci antimicrobici, in particolare antibiotici scelti accuratamente tenendo conto del fenomeno dell'antibiotico-resistenza del batterio in questione; solitamente si opta per colistina, le cefepime e la ciprofloxacina. In alcuni casi può essere necessario l'intervento chirurgico per asportare il tessuto necrotico o per drenare ascessi. Solo in casi gravissimi potrebbero essere invece necessarie delle amputazioni.
  • Ministero della salute
  • Salute
Altri contenuti a tema
Un villaggio della Salute a Matera Un villaggio della Salute a Matera Piazza Vittorio Veneto per un giorno diventa la "Piazza della Salute"
Evento medico-scientifico: torna a Matera “Imaging nei Sassi” Evento medico-scientifico: torna a Matera “Imaging nei Sassi” Un incontro su “Il dolore nelle sindromi da conflitto e canalicolari”
Il “Tour della Salute” fa tappa a Matera Il “Tour della Salute” fa tappa a Matera Iniziativa itinerante di prevenzione promossa da Federfarma
A Matera il primo forum nazionale sull’obesità A Matera il primo forum nazionale sull’obesità La città dei Sassi ospita l’incontro per stilare la carta dei diritti e dei doveri degli obesi
“M.I.Cro. Italia – ODV: Perché Camminare è Salute” “M.I.Cro. Italia – ODV: Perché Camminare è Salute” Giornata dedicata al Benessere nell’Habitat Rupestre
Il 29 ottobre, Giornata Mondiale della Psoriasi Il 29 ottobre, Giornata Mondiale della Psoriasi Per l'occasione ospedali aperti per maggiori informazioni e visite gratuite
Nascerà in Basilicata la "Banca del latte umano donato" Nascerà in Basilicata la "Banca del latte umano donato" Una risorsa per neonati prematuri o affetti da malattie dell'apparato digerente, di origine immunologica e allergica
Finalmente sulle nostre spiagge lucane si è tornato a mangiare frutta Finalmente sulle nostre spiagge lucane si è tornato a mangiare frutta Tutti i benefici nel consumarla locale, bio e a km 0
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.