Bagni pubblici, turisti allo sbando
Bagni pubblici, turisti allo sbando
Vita di città

"Rimuovere i bagni pubblici dalla chiesa del Purgatorio"

Un posizionamento che ha provocato polemiche e indignazione

Fa discutere il posizionamento dei bagni pubblici chimici davanti alla chiesa del Purgatorio a Matera. Un impatto evidente che ha creato polemiche, soprattutto sui social dove le foto presto corrono da uno smartphone ad un altro.

Questa scelta rientra nel piano della logistica e della sicurezza per la diretta televisiva del Capodanno e i giorni maggiormente interessati sono il 30 e il 31.

L'amministrazione comunale ha spiegato con un comunicato dell'assessore all'ambiente Giuseppe Tragni. Ha specificato che la chiesa del Purgatorio è l'area individuata nel piano di emergenza poiché i bagni devono essere "posizionati all'interno della zona di accesso delimitata, per essere al servizio dei partecipanti all'evento nelle piazze Vittorio Veneto, San Francesco e Pascoli. Nell'area di via Ridola-Piazza Pascoli, salvo modifiche al piano di sicurezza non esistono altre zone in cui è possibile posizionare i servizi igienici".

Spiegazioni ufficiali a parte, il contrasto è stridente. E già la chiesa del Purgatorio era finita al centro dell'attenzione per l'esibizione artistica degli artisti di strada "Pipototal", nell'ambito delle manifestazioni di Matera2019, perché alcuni di essi erano saliti sugli elementi architettonici con pesanti calzature.

E non solo di polemica si tratta perché è intervenuta anche l'Arcidiocesi che ha ricevuto varie segnalazioni per una "installazione poco opportuna del bagno pubblico provvisorio sul lato destro della chiesa del Purgatorio. Tanto che l'arcivescovo di Matera-Irsina Giuseppe Caiazzo ha contattato il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri. Il sindaco "non informato della decisione presa dalla tecnostruttura, ha disposto l'immediata rimozione dal sito della struttura igienica il 27 dicembre", si legge in una nota dell'Arcidiocesi da cui, pertanto, si apprende che per questo bagno è prevista la rimozione.

Aggiornamento
Il bagno chimico è stato rimosso.

Bisogna capire, però, se poi sarà re-installato il 30 e il 31.


--- La foto è tratta dall'Archivio di MateraLife ---
  • Comune di Matera
  • Arcidiocesi Matera-Irsina
Altri contenuti a tema
Lavori in via Lanera termineranno con tre mesi di anticipo Lavori in via Lanera termineranno con tre mesi di anticipo Intervento in fase conclusiva. Per il 14 e il 15 gennaio disposti dei divieti
Arcidiocesi di Matera-Irsina, attesa per il primo Sinodo Arcidiocesi di Matera-Irsina, attesa per il primo Sinodo Il primo appuntamento in Cattedrale è sabato 12 gennaio
Oggi a Matera la marcia nazionale della pace: ecco orari e percorso Oggi a Matera la marcia nazionale della pace: ecco orari e percorso Attese migliaia di persone lungo il percorso. Invito al digiuno (con la rinuncia al cenone) e alla carità
Lunedì a Matera torna il ministro Barbara Lezzi Lunedì a Matera torna il ministro Barbara Lezzi Farà il punto della situazione sulle opere infrastrutturali e sui tempi dei cantieri
Arriva da Altamura il nuovo comandante della Polizia Locale di Matera Arriva da Altamura il nuovo comandante della Polizia Locale di Matera Accordo tra i due Comuni per assegnazione temporanea. Posto vacante, da coprire con un concorso
Celebrazioni Madonna Viggiano, oggi confraternite a raccolta Celebrazioni Madonna Viggiano, oggi confraternite a raccolta Per il cammino regionale
"Bando per eventi a Matera, tutto tace" "Bando per eventi a Matera, tutto tace" Denuncia della Confapi sulla mancanza della programmazione da parte del Comune
Fondi per le periferie, Matera non avrà i 13 milioni di euro Fondi per le periferie, Matera non avrà i 13 milioni di euro Il decreto "Milleproroghe" fa slittare l'erogazione al 2020. Il Pd grida allo "scippo"
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.