biblioteca
biblioteca
Politica

San Giacomo, addio alla riqualificazione urbana

Divorzio consensuale tra Comune e ATER di Matera

Casino Dragone e biblioteca di via Conversi: ridotte al minimo le speranze di riqualificarle e restituirle a nuova vita. Giunge al suo epilogo una promessa mai mantenuta per i residenti del rione San Giacomo.

Una storia da "C'eravamo tanti amati" quella tra Comune e Ater di Matera che hanno deciso, di comune accordo, di procedere allo scioglimento consensuale del rapporto contrattuale stipulato il 21 giugno 2006. La convenzione sottoscritta quasi dieci anni fa dalle due parti impegnava l'Ater ad attuare il Piano di Recupero Urbano di San Giacomo per un costo totale del programma di quasi 5 milioni di euro di cui 3.631.106 a carico dell'Ater, 1.032.913 a carico della Regione Basilicata e 299.545 euro del Comune di Matera.

In particolar modo, l'Ater avrebbe dovuto occuparsi del recupero dell'ex villino Dragone da adibire a ludoteca e centro assistenza per l'infanzia di proprietà del Comune, del completamento dello stabile in via Conversi appartenente al Comune, della realizzazione di opere di urbanizzazione primaria per il miglioramento della viabilita', nuove aree di parcheggio e sistemazione a verde e della realizzazione di 24 alloggi di edilizia residenziale pubblica nel comparto B della variante al Peep di San Giacomo in via Conversi.

Così sarebbero dovute andare le cose, ma se ancora non è stato realizzato nulla è a causa di variazioni al progetto iniziale che hanno creato rallentamenti al percorso. L'amministrazione comunale, infatti, ha ritenuto di modificare la destinazione d'uso dell'immobile in via Conversi da biblioteca comunale a centro di accoglienza per immigrati e centro di servizi riabilitativi per disabili. Ciò ha richiesto una spesa maggiore di quanto inizialmente stabilito dal progetto dell'Ater, da 509.944 euro a 986.118 con l'aggiunta di 35,576 euro per spese di progettazione.
Una tale modifica ha condotto l'Ater a richiedere un maggiore finanziamento al Comune o una rimodulazione del piano economico per poter dar corso agli interventi. Contemporaneamente, inoltre, lo stesso Ater ha presentato il progetto di realizzazione dei 24 alloggi. Richieste a cui non è mai stata fornita una risposta.

Cosa sia successo nel corso degli anni trascorsi non è dato sapere, certo è che, ad oggi, "da un'analisi degli atti d'ufficio - scrive in una relazione tecnica il dirigente comunale Antonio Fasanella - non sono stati eseguiti nè appaltati gli interventi previsti" e, vista la scadenza della convenzione fissata al 20 giugno 2009, le parti hanno manifestato reciproca volontà di procedere a uno scioglimento consensuale del contratto sottoscritto.

Pertanto, è possibile leggere sul documento che sancisce il "divorzio", "le parti convengono di rinunciare reciprocamente, ciascuno per quanto di competenza, all'attuazione del Piano di Recupero Urbano "San Giacomo" e di tutti gli interventi in esso previsti. Il Comune di Matera si impegna ad assegnare e consegnare all'ATER di Matera entro 30 giorni dalla sottoscrizione dell'atto, l'area individuata per la realizzazione dei n. 24 alloggi previsti nel programma di cui trattasi; a stipulare convenzione di formale cessione del diritto di superficie previo pagamento del costo dell'area e a rilasciare in tempi brevi il relativo permesso di costruire. L'ATER, da parte sua, si impegna alla realizzazione di detti 24 alloggi di E.R.P. con proprie risorse economiche e/o con l'utilizzo di finanziamenti assentiti".
Approfondimento

Il "Comparto C di San Giacomo" rientra tra tre comparti individuati e perimetrati dalla Giunta Comunale con delibera del 7 aprile 1998 e dal Consiglio Comunale il 7.3.2000. Su questo vi era l'intenzione di avviare la promozione di un Accordo di Programma di Recupero Urbano al fine di effettuare interventi nel settore abitativo e di riqualificazione del tessuto urbanistico.

Con delibera del 19 giugno 2000 la Giunta Regionale di Basilicata ha approvato lo schema di protocollo di intesa da sottoscrivere tra la Regione e il Comune di Matera effettivamente sottoscritto in data 1.8.2000.

Il 16.1.2001 il Comune ha bandito il Confronto Pubblico Concorrenziale per la realizzazione dei programmi di Recupero Urbano ed espletate le procedure concorsuali, relativamente al Comparto C "San Giacomo", non ha ritenuto meritevole di approvazione alcuna proposta, tanto da dover ripubblicare il bando di concorso. In seguito all'espletamento delle nuove procedure concorsuali, il Comune di Matera ha dichiarato aggiudicataria del confronto pubblico concorrenziale indetto per il Comparto C "San Giacomo" l'ATER di Matera.
  • Comune di Matera
  • San Giacomo
  • ATER Matera
  • Via Conversi
  • Casino Dragone
  • Accordo di programma recupero urbano
Altri contenuti a tema
Cinghiali tra le giostrine, il Comune di Matera chiede aiuto Cinghiali tra le giostrine, il Comune di Matera chiede aiuto Richiesta di interventi urgenti alla Regione
Comune di Matera: altri fondi a favore delle famiglie Comune di Matera: altri fondi a favore delle famiglie A favore dei figli minori impegnati nei centri estivi
Punto impresa digitale, accordo tra Comune e Camera di commercio Punto impresa digitale, accordo tra Comune e Camera di commercio Coinvolta la Casa delle tecnologie emergenti
Una cordata di imprenditori rileva l'area ex Padula-Barilla Una cordata di imprenditori rileva l'area ex Padula-Barilla Per quasi quattro milioni di euro. Il Comune: "Regione non ci ha aiutato"
Carta d'identità, notifica di scadenza anche sull'app IO Carta d'identità, notifica di scadenza anche sull'app IO Attivo anche per il comune di Matera
La Corte dei Conti assolve amministratori e funzionari comunali La Corte dei Conti assolve amministratori e funzionari comunali Per i giudici non c’è stato danno erariale
Ha ceduto lo storico carrubo di piazzetta San Giovanni Ha ceduto lo storico carrubo di piazzetta San Giovanni Era anziano e affetto da un’importante carie al tronco
Illeciti finanziari e Comune, rafforzare prevenzione d’intesa con le Fiamme Gialle Illeciti finanziari e Comune, rafforzare prevenzione d’intesa con le Fiamme Gialle La richiesta del movimento politico Matera Civica
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.