sigla accordo Unibas Comune
sigla accordo Unibas Comune
Vita di città

Studenti collaborano con il Comune

Siglato accordo tra Università e amministrazione comunale

"La costruzione di un archivio multimediale dei beni architettonici, artistici, storici e culturali; la promozione e realizzazione di percorsi formativi e di ricerca; l'attivazione di consulenze tecnico-scientifiche sui temi del restauro, della sicurezza, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio architettonico, storico e ambientale; l'attivazione di tirocini formativi certificati per studenti e dottorandi, da svolgersi presso il Comune; l'impostazione e l'attivazione di campagne di rilevamento e studio storico, archivistico e architettonico". Questo è quanto previsto dall'accordo siglato tra l'amministrazione comunale di Matera e l'Università della Basilicata.

Ha sottoscrivere l'intesa triennale a Palazzo di Città sono stati il sindaco di Matera Domenico Bennardi e il direttore del Dipartimento delle Culture europee e del Mediterraneo (Dicem) dell'Unibas, Aldo Corcella, alla presenza dell'assessore ai Lavori Pubblici, Graziella Corti e della professoressa dell'Università lucana Antonella Guida.

L'iniziativa prevede che alcuni studenti e dottorandi dell'Unibas potranno collaborare fattivamente con la pubblica amministrazione per il conseguimento degli obiettivi prefissati in maniera da "consente di trasferire conoscenze tra chi le crea e chi le utilizza".

Soddisfatto per l'iniziativa, il primo cittadino di Matera ha commentato: "L'università rappresenta una straordinaria opportunità per la nostra città che non è stata ancora colta pienamente". Bennardi si è detto convinto della necessità "di rendere più estesa e profonda la missione dell'Unibas, mettendola in rete con gli altri presidi culturali già esistenti e con quelli in via di realizzazione: il villaggio digitale di San Rocco, il centro di geodesia spaziale, la scuola di restauro, il conservatorio musicale, il centro sperimentale di cinematografia, la casa delle tecnologie emergenti, il nuovo progetto Piazza Wi Fi Italia".

Anche il direttore del Dicem Corcella ha espresso il suo compiacimento per la ripresa della collaborazione tra le due istituzioni che potrà rappresentare una importante occasione di "crescita e opportunità professionali per i giovani lucani".
  • Unibas
  • Università degli studi della Basilicata
  • Comune di Matera
Altri contenuti a tema
Efficientamento energetico, lampade a led nelle scuole Efficientamento energetico, lampade a led nelle scuole 709 i corpi illuminanti sostituiti
Progetti di giustizia riparativa con minori Progetti di giustizia riparativa con minori Servizio svolto presso alcuni parchi della città
Matera si prepara ad accogliere Papa Francesco Matera si prepara ad accogliere Papa Francesco In moto la macchina organizzativa per il Congresso Eucaristico Nazionale e alla Messa con il Santo Padre
Mercatini e sagre, grandi aspettative a Matera Mercatini e sagre, grandi aspettative a Matera Obiettivo: incoraggiare attività attrattive legate al turismo enogastronomico e dell’artigianato
Pubblicato l'avviso biennale "Eventi in città" 2022 e 2023 Pubblicato l'avviso biennale "Eventi in città" 2022 e 2023 Il Comune di Matera lancia una programmazione che va fino al 6 gennaio 2024
Pnrr, fondi al Comune per mensa scolastica Pnrr, fondi al Comune per mensa scolastica Vinto il bando per realizzare il refettorio presso la primaria del rione Agna
Contributi assistenza domiciliare a persone con gravi disabilità Contributi assistenza domiciliare a persone con gravi disabilità Provvedimento degli uffici comunali
Concessione dei contributi per canoni di locazione Concessione dei contributi per canoni di locazione I “Buoni Casa” sono relativi al bando 2021- canoni 2020
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.