Università della Basilicata
Università della Basilicata
Scuola e Lavoro

Università della Basilicata, trend di crescita positivo

Presentato il primo Report sui dati statistici d'Ateneo dell'Unibas

Positivi i dati statici riguardanti l'Università di Basilicata. È quanto emerge dal primo "Report sui dati d'Ateneo" realizzato dall'Università lucana e presentato nel pomeriggio di ieri, 16 Aprile, in una conferenza stampa a Potenza.

Presenti il Rettore, Mauro Fiorentino, il Direttore generale, Lorenzo Bochicchio, il direttore del Caos (Centro di orientamento degli studenti), Salvatore Masi, il curatore della veste grafica del nuovo sito (art director della Bloop srl), Mimmo Colucci, e il referente tecnico del Cisit, Donato Fidanza.

Sono complessivamente 1.424 gli immatricolati nell'Università della Basilicata nel 2013-2014 (817 donne e 607 uomini), con un incoraggiante +14,19% rispetto al precedente anno accademico, anche in relazione a una media nazionale che segna un calo del due per cento circa delle immatricolazioni.
La popolazione complessiva, a oggi, è di circa ottomila studenti (7.522 tra lauree triennali, specialistiche e magistrali, a cui però si aggiungono i laureati nelle ultime sessioni e gli iscritti a Master e ad altri percorsi didattici attivati dall'Ateneo).
Il segno è positivo anche per il trend che riguarda l'iscrizione alle lauree magistrali, in costante aumento fino a oggi.

"Sono dati che riteniamo soddisfacenti – ha detto il Rettore – non solo perché positivi, ma anche perché rientrano in un contesto nazionale di crisi economica, di calo demografico e di tagli del governo, con Atenei su cui sono pesate chiusure di corsi e di attività. Siamo un Ateneo giovane, e quindi maggiormente sensibile a queste dinamiche, ma dal Rapporto emerge con chiarezza, e sulla base di dati ufficiali, che l'Unibas regge il confronto con il resto del Paese, con medie in linea con il trend italiano, considerando l'intero territorio e anche strutture più grandi e con maggiore tradizione".

Incrociando i dati del Miur e di Almalaurea, emerge che l'Università della Basilicata registra medie perfettamente in linea con quelle nazionali (voto di laurea, voti medi degli esami, età di laurea, e caratteristiche dell'accesso al mondo del lavoro), in un confronto statistico con ogni tipo di Ateneo e con tutte le aree geografiche.

Gli studenti lucani, come nel resto del Paese, si concedono poco più di un mese di vacanza dopo aver festeggiato la laurea: ma dal momento in cui iniziano a cercare lavoro, lo trovano in media dopo 4,9 mesi (4,3 mesi per la media in Italia).
Una volta conquistato un contratto, il laureato lucano riesce comunque a ottenere in media le stesse condizioni degli altri coetanei sparsi per la penisola: tre su dieci hanno dei lavori stabili e quattro su dieci un part-time (medie perfettamente in linea con i dati nazionali).
Stessa condizione per lo stipendio medio ottenuto: 877 euro per i laureati "made in Basilicata" rispetto ai 941 euro della media nazionale (le donne, in entrambi i casi, sono ancora penalizzate alla consegna della busta paga).
Leggermente diverso dal dato medio nazionale quello relativo alla distribuzione per settori: il 75% trova lavoro nei "servizi" (83% media Italia), il 18% nell'industria (13% in Italia) e il 7% in agricoltura (1,5% media nazionale).

Nel corso dell'incontro, inoltre, è stato presentato il nuovo sito internet dell'Ateneo, con una linea grafica completamente rinnovata. Attivi anche i profili ufficiali sui social network, Twitter e Facebook, realizzati e gestiti dal Caos.
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.