Imprenditore minaccia di darsi fuoco sul tetto dell'Ater
Imprenditore minaccia di darsi fuoco sul tetto dell'Ater
Cronaca

Video intervista all'imprenditore edile disperato: "Siamo alla rovina"

Dopo la minaccia di darsi fuoco sul tetto dell'Ater, Giuseppe Bianco confessa il suo malessere

Giuseppe Bianco era deciso a farla finita, o almeno a smuovere le coscienze delle amministrazioni.

I mancati pagamenti da parte dell'Ater (Azienda Territoriale Edilizia Residenziale), per circa 90 mila euro, hanno messo in grave pericolo i conti dell'azienda Atr Costruzioni dell'imprenditore rotondellese, che nella disperazione ha minacciato l'insano gesto. Nonostante l'impresa sia ampiamente in attivo, con circa 10 milioni di euro di lavoro effettuato nel corso dell'anno.

Due bottiglie di benzina e l'approdo sul tetto dell'Ater, poi l'intervento dei Carabinieri, del direttore Confapi Pasquale Latorre e le rassicurazioni del pagamento, entro martedì, da parte dell'amministratore unico dell'Ater, Innocenzo Loguercio e la decisione di desistere e scendere.

Quindi, le dichiarazioni rilasciate negli uffici dell'Ater.
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.