Andriani filiera legumi
Andriani filiera legumi
Territorio

Andriani Educational, i numeri di un successo

Nelle scuole un percorso dinamico e innovativo per l'educazione alla sostenibilità alimentare

150 ore di formazione accreditate erogate a 200 insegnanti, 4.000 studenti coinvolti in 16 regioni italiane. Sono i numeri di Andriani Educational: il progetto dell'azienda di Gravina in Puglia è nato per favorire l'educazione alla sostenibilità alimentare nelle scuole, la cui comunità di apprendimento è in continua crescita.

Andriani Educational è il progetto di educazione alimentare dedicato a giovani e giovanissimi, creato da Andriani S.p.A. Società Benefit, realtà di spicco dell'Innovation food nonché interprete di un nuovo modo di fare impresa, etico e rigenerativo, con l'obiettivo di promuovere scelte alimentari sane e sostenibili.

Un percorso educativo innovativo che, nel corso di cinque anni, si è perfezionato attraverso una didattica dinamica, fondata su laboratori e sulla ricerca-azione, secondo un approccio multidisciplinare e trasversale, e la cui comunità di apprendimento è andata espandendosi a livello nazionale, fino a coinvolgere 200 insegnanti e circa 4.000 studenti delle scuole italiane di ogni ordine e grado, dall'infanzia alle secondarie di secondo grado, anche grazie alla collaborazione con la rete Dialogues di educazione alla cittadinanza globale e all'appoggio costante di tutor ed esperti capaci di fornire agli insegnanti spunti operativi efficaci da sviluppare nelle classi.

Inoltre, per la prima volta Andriani Educational ha superato i confini italiani grazie a un progetto pilota che ha messo in connessione, con il supporto di Magia Verde Onlus, alcuni alunni veneti con altrettanti coetanei indiani della regione del Tamil Nadu per un confronto e uno scambio sui temi della biodiversità.

I dati raccolti nel corso dell'anno scolastico 2022-2023 tramite un monitoraggio costante e continuativo, attraverso la somministrazione di questionari mirati, restituiscono ancora una volta un ampio consenso sia da parte degli insegnanti che degli studenti coinvolti, a conferma che l'ambito scolastico rappresenta il luogo ideale per promuovere processi di consapevolezza e cambiamento in direzione di uno stile di vita più sostenibile.

L'81,6% dei docenti, ad esempio, afferma di essere riuscito a coinvolgere anche allievi con difficoltà di apprendimento, grazie a una didattica laboratoriale in grado di favorire l'inclusione, e lo scambio tra colleghi delle diverse scuole è avvenuto nel 97,4% dei casi. Il 94,1% di loro, inoltre, ha percepito negli allievi dei cambiamenti di mindset positivi rispetto alla cura e all'attenzione per la natura e una maggiore consapevolezza verso le proprie scelte alimentari. Dai dati del monitoraggio emerge, infatti, come la metodologia fondata sul "fare" contribuisca in modo marcato all'interiorizzazione dei contenuti, favorendo una maggiore cognizione del vivere sostenibile. Non è un caso, infatti, che il 97,1% dei giovani partecipanti abbia apprezzato il progetto e che il 71,8% abbia dichiarato di essere stato da esso ispirato a fare scelte diverse a scuola e a casa, sia sperimentando nuovi alimenti salutari che adottando nuove abitudini virtuose nella propria vita quotidiana.
  • Educazione alimentare
  • cibo
Altri contenuti a tema
Cibo lucano, approvato il programma fieristico: si comincia alla Bit Cibo lucano, approvato il programma fieristico: si comincia alla Bit A Milano la prima manifestazione promozionale di quest'anno
Bilancio positivo per la Condotta Slow Food Bilancio positivo per la Condotta Slow Food Con il mercato della terra e lo "street food" buono, pulito e giusto
Vino: un lucano è l'enologo dell'anno Vino: un lucano è l'enologo dell'anno Titolo assegnato a Fabio Mecca
Indagine della Coldiretti: il cibo è la prima ricchezza del Paese Indagine della Coldiretti: il cibo è la prima ricchezza del Paese I dati presentati al Villaggio contadino. Troppa concorrenza sleale per il made in Italy
A Matera la "convention del Sud" di Confartigianato A Matera la "convention del Sud" di Confartigianato Per fare il punto sul mondo delle piccole imprese. In crescita il settore alimentare
Mammamiaaa days a Matera e Torino Mammamiaaa days a Matera e Torino Tornano nella città dei Sassi gli speciali social dinner di Mammamiaaa
Oggi ricordiamoci del fiocchetto color Lilla Oggi ricordiamoci del fiocchetto color Lilla Riviviamo un dramma che ha dato vita alla Giornata Nazionale dedicata alla lotta ai Disturbi del Comportamento Alimentare
A Matera incontro su disturbi comportamento alimentare A Matera incontro su disturbi comportamento alimentare Appuntamento alle ore 17.30, nella sede del Centro Carlo Levi
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.