Carabinieri Nas
Carabinieri Nas
Cronaca

Carne infetta venduta come pregiata in tutta Italia

Coinvolta anche Matera. Sequestri dei Nas in 21 province italiane e per un valore di oltre 2 milioni di euro e oltre 60 persone indagate

I carabinieri del Comando per la tutela della salute stanno eseguendo 78 decreti di perquisizione e sequestro in tutta Italia nell'ambito di un'indagine, denominata 'Lio' e condotta dal Nas di Perugia, relativa all'illecita commercializzazione di bovini infetti, con marchi auricolari contraffatti e dichiarati falsamente di razza pregiata.

L'operazione è condotta nelle province di Arezzo, Avellino, Bari, Foggia, L'Aquila, Latina, Lodi, Matera, Padova, Perugia, Pesaro Urbino, Pistoia, Potenza, Ravenna, Rieti, Roma, Siena, Terni, Torino, Verona e Viterbo. I dettagli dell'operazione resi noti nel corso di una conferenza stampa dal Comando provinciale dei carabinieri di Perugia.

AGGIORNAMENTO - E' di ben quattro milioni di euro il valore dei beni sequestrati, 65 indagati e sigilli a quattro aziende agricole. Un bilancio importante quello dell'operazione che, dalle prime ore della mattina, ha visto impegnati oltre 300 carabinieri dei Nas e dell'Arma territoriale che stanno dando esecuzione in 21 province di 12 regioni a 78 decreti di perquisizione e sequestro emessi dalla Procura della Repubblica di Perugia nei confronti di soggetti ritenuti responsabili di associazione a delinquere finalizzata alla commercializzazione per la successiva macellazione di bovini infetti e con marche auricolari contraffatte.

Provvedimenti che hanno visto coinvolte diverse regioni, tra cui la Basilicata, nelle province di Matera e Potenza, ma anche Umbria, Toscana, Lazio, Campania, Puglia, Lombardia, Abruzzo, Marche, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte.

Un'indagine partita già nel 2011, quando i Nas avevano scoperto un traffico illecito di bovini colpiti da malattie infettive, alcune delle quali persino trasmissibili all'uomo. Gli animali, nati in aziende dell'Italia meridionale e insulare, arrivavano alla trafila della macellazione grazie all'intermediazione di due aziende conniventi, una di Perugia e una di Arezzo che, in accordo con allevatori e medici veterinari riuscivano a eludere i controlli sanitari facendo apparire sani i bovini. Poi, all'inizio del 2013, sono state sequestrate quattro aziende agricole e 500 bovini vivi, che sono stati abbattuti e distrutti, per un valore commerciale di due milioni e mezzo di euro.

L'indagine è proseguita ed è iniziata una seconda fase, che ha portato i militari dell'arma a porre tutti i tasselli dell'organizzazione criminale coinvolgendo 56 allevatori, 3 autotrasportatori e 6 medici veterinari delle Asl del centro-sud (Perugia, Arezzo, L'Aquila, Foggia, Potenza e Matera), che falsificavano i passaporti animali, ma anche le marche auricolari, introducendo nei mercati bovini di età e razze differenti da quelle riportate sulle certificazioni. Un'operazione che ha portato al sequestro di altri bovini per un valore che si aggira intorno ai 2 milioni di euro.
  • Forze dell'ordine
  • Sequesto
  • Carne infetta
Altri contenuti a tema
Matera, controlli sugli spostamenti e indagini sulle fake news Matera, controlli sugli spostamenti e indagini sulle fake news Le attività delle forze dell'ordine per l'osservanza del decreto sul coronavirus
Pregiudicato 50enne materano in arresto per stalking Pregiudicato 50enne materano in arresto per stalking Vittima una donna con cui aveva avuto una relazione sentimentale
Bloccato e sanzionato il conducente di un bus della gita scolastica a Marconia Bloccato e sanzionato il conducente di un bus della gita scolastica a Marconia La causa: età superiore al limite in relazione alla patente di guida posseduta
Sentieri non autorizzati a Murgia Timone: sei denunce Sentieri non autorizzati a Murgia Timone: sei denunce Operazione svolta dai Carabinieri della Forestale
Carabinieri arrestano 38enne materano Carabinieri arrestano 38enne materano Accusato di porto abusivo di armi, atti persecutori e minaccia aggravata
Arrestati dalla Polizia di Stato due agenti della Polizia Penitenziaria del carcere di Matera Arrestati dalla Polizia di Stato due agenti della Polizia Penitenziaria del carcere di Matera Corruzione, peculato e falsità ideologica i reati di cui sono a vario titolo accusati
In arresto due fratelli pregiugicati per violenza aggravata e lesioni private In arresto due fratelli pregiugicati per violenza aggravata e lesioni private Durante l’esecuzione dell’arresto, trovati e sequestrati 378,5 gr. di hashish
Dopo la denuncia di un lucano, in manette 32enne abruzzese Dopo la denuncia di un lucano, in manette 32enne abruzzese Vendeva finti prodotti a prezzi scontati su un noto sito di annunci
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.