Petrolio
Petrolio
Territorio

Centro oli Val d’Agri, sindacati richiedono tavolo trasparenza

“Prima di ripartire è necessario un confronto”

L'annunciato sblocco della produzione nel centro oli della Val d'Agri è ormai alle porte, dopo le indagini effettuate per presunto smaltimento illecito dei rifiuti petroliferi. Di certo una buona notizia per i lavoratori che riprenderanno le loro attività estrattiva a breve, ma questa volta con richieste ulteriori di garanzie.

Difatti i segretari generali della Basilicata di Cgil, Cisl e Uil - Angelo Summa, Nino Falotico e Carmine Vaccaro – richiedono con forza al presidente della Regione, Marcello Pittella, di convocare il "Tavolo della trasparenza". "Non si può pensare di ripartire – affermano le organizzazioni sindacali - senza preventivamente tenere un confronto di merito su tutte le questioni che hanno dato luogo al blocco delle attività".

Nel rimarcare che il Tavolo della trasparenza, così come indicato dall'articolo 22 della legge regionale numero 4/2015, "ha funzioni e compiti ancora più importanti da svolgere prima della ripresa dell'attività del Cova", i segretari di Cgil, Cisl, Uil aggiungono che "assolvere al mandato ricevuto dal Consiglio Regionale significa assicurare informazione e vigilanza costante e continua a tutte le parti in causa e non limitarsi ad aspetti formali".

Il pensiero dei sindacati verte su "la salute, la sicurezza e i lavoratori vengono prima di tutto il resto". Il Tavolo della trasparenza, dunque, può rappresentare "il luogo istituzionalmente deputato a discutere con le parti sociali, Eni e i sindaci dell'area sulle condizioni necessarie per un corretto riavvio delle attività estrattive". "Non si perda altro tempo – concludono Summa, Falotico e Vaccaro – e si proceda alla convocazione urgente di un incontro per affrontare tutte le questioni aperte che richiedono nuove azioni e una strategia aggiornata".
  • Petrolio
  • Sindacati
  • Centro Oli Viggiano
Altri contenuti a tema
Sciopero nazionale, presidio sindacale all'ospedale di Matera Sciopero nazionale, presidio sindacale all'ospedale di Matera Manifestazione indetta da Cgil e Uil
Caro petrolio, la Regione guadagna ma imprese perdono Caro petrolio, la Regione guadagna ma imprese perdono Confapi esprime preoccuoazione per le ditte di lavori stradali
"La Regione Basilicata dimentica le fasce deboli e i Comuni" "La Regione Basilicata dimentica le fasce deboli e i Comuni" L'accusa di centronistra, Movimento 5 stelle, sindacati e associazioni
Mensa scolastica, i sindacati replicano al sindaco Mensa scolastica, i sindacati replicano al sindaco "Stiamo tutelando i diritti dei lavoratori nel cambio di gestione"
Protesta all'ospedale di Matera, un forte segnale Protesta all'ospedale di Matera, un forte segnale Presenti diversi sindaci della provincia di Matera
Ospedale: una catena umana per migliore sanità materana Ospedale: una catena umana per migliore sanità materana Iniziativa dei sindacati Cgil, Cisl e Uil
Rapporto annuale della Banca d'Italia sull'economia lucana Rapporto annuale della Banca d'Italia sull'economia lucana Ripresa del turismo. Le estrazioni di petrolio e gas compensano i problemi del polo dell'auto
A Scanzano Jonico la manifestazione del Primo Maggio A Scanzano Jonico la manifestazione del Primo Maggio La festa del lavoro di Cgil, Cisl e Uil Basilicata
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.