scuolabu
scuolabu
Territorio

Chiudere le scuole in Basilicata? Non ci sono motivazioni

I sindacati contestano l'ipotesi al vaglio della Regione

Arrivano i "no" all'ipotesi, al vaglio della Regione Basilicata, di una sospensione delle attività in presenza anche per le scuole primarie e per le scuole secondarie di primo grado (vale a dire le scuole elementari e medie) in tutta la regione. Pareri contrari arrivano dal mondo della scuola. Sulla stessa linea i sindacati.

"Non sono chiare - affermano Cgil, Cisl e Uil - quali siano le condizioni e le motivazioni che hanno indotto Il Presidente Bardi a ipotizzare tale provvedimento: si parla genericamente di "estensione del contagio nelle famiglie" e di "circolazione del virus anche nelle aule scolastiche". Affermazioni generiche e senza il conforto di numeri e stime, ma che ci rendono perplessi a fronte di un comportamento improntato su scelte monocratiche e solitarie, che determinano una condizione di gravissimo danno alla didattica e all'apprendimento delle fasce più giovani (e potenzialmente più fragili) della popolazione studentesca, oltre ad ulteriori problemi alle famiglie per la cura dei figli per garantire, a differenza della scuola, la continuità lavorativa".

"Ci troviamo di fronte a una contraddizione - aggiungono - o il Presidente Bardi possiede dati (non resi pubblici) che indicano che la situazione pandemica e la capacità di fronteggiarla in regione siano più gravi di quanto contemporaneamente si afferma nello stesso comunicato ("basso indice di contagio") oppure ci si muove in una logica in cui l'istruzione e il sistema scolastico diventano le prime vittime sacrificali dell'incapacità della Giunta regionale di gestire la situazione". Per i tre sindacati "si pensa di ricorrere alla didattica a distanza generalizzata, senza tenere in alcun conto l'autonomia degli istituti scolastici, per risolvere i limiti di una gestione complessiva della pandemia insufficiente e affrontata senza il coinvolgimento delle parti interessate, e che scaricherà sugli studenti e sulle loro famiglie un ulteriore aggravio economico e gestionale".

Quindi si ritiene "urgente" un tavolo sulla scuola, perché "solo il dialogo e l'interlocuzione con le parti sociali può portare a scelte consapevoli e proficue per la comunità lucana".
  • Scuola
  • Sindacati
Altri contenuti a tema
Da ottobre torna il Pedibus Da ottobre torna il Pedibus Un modo alternativo di andare a scuola
Siglata intesa tra Federalberghi e Ufficio scolastico regionale Siglata intesa tra Federalberghi e Ufficio scolastico regionale Un protocollo per “intraprendere per orientare e competere” e rafforzare il legame albergo- scuola
Scuole lucane, nuovo anno con 1600 alunni in meno Scuole lucane, nuovo anno con 1600 alunni in meno Braia (Italia viva): "Preoccupa lo spopolamento"
Provincia Matera, riorganizzare rete scolastica Provincia Matera, riorganizzare rete scolastica Marrese interviene sul tema del dimensionamento
Matera Civica: “La scuola? Ritardi del Comune” Matera Civica: “La scuola? Ritardi del Comune” La critica a pochi giorni dalla prima campanella
Calendario del prossimo anno scolastico, inizio il 13 settembre Calendario del prossimo anno scolastico, inizio il 13 settembre Possibilità di anticipo al massimo di tre giorni
Scuole superiori in presenza fino al 100% Scuole superiori in presenza fino al 100% Presidente Bardi firma ordinanza per incrementare la quota
Sindacati sottoscrivono il Patto E-Matera Sindacati sottoscrivono il Patto E-Matera A Palazzo di Città la firma di Cgil, Cisl e Uil a Palazzo di Città
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.