Danni da fauna selvatica, è allarme rosso
Danni da fauna selvatica, è allarme rosso
Enti locali

Cinghiali: approvato piano selettivo di abbattimento e controllo

Con l'obiettivo di ridurre la popolazione dell'animale

Con delibera della giunta regionale della Basilicata è stato approvato il "Piano di abbattimento selettivo e controllo della specie cinghiale", che si avvale anche del parare favorevole dell'Ispra.

Spetterà agli Ambiti territoriali di caccia competenti per territorio "la pubblicazione dei successivi avvisi diselezione degli operatori abilitati all'esercizio del prelievo del cinghiale, esclusivamente per il reclutamento dei neo abilitati al prelievo selettivo".

Entro 10 giorni gli Atc dovranno dare applicazione a quanto previsto nel Piano e nei disciplinari impiegando gli operatori inseriti negli elenchi degli che abbiano già partecipato alle attività di prelievo nelle stagioni venatorie precedenti, senza alcuna richiesta e versamento aggiuntivo all'ATC di appartenenza. Gli Atc dovranno inoltre trasmettere al competente ufficio della Regione con cadenza mensile "una relazione dettagliata indicando il numero dei capi abbattuti e l'entità dei danni all'agricoltura causati dalla specie cinghiale suddivisi per Comune". Le attività di prelievo selettivo dei cinghiali potranno essere svolte, per l'anno 2021, tutti i giorni della settimana ad eccezione del lunedì, martedì, venerdì, prelevando 5.600 capi secondo la ripartizione riportata nel piano; il piano prevede altresì la possibilità del prelievo di urgenza o su chiamata.

Il piano di controllo triennale 2021-2023 ha l'obiettivo di ridurre di almeno il 30 per cento le richieste dei danni causati alle colture agricole con un prelievo in controllo senza vincoli quali-quantitativi e senza limite numerico, adottando, a seconda dei periodi, le forme di prelievo ammesse nel periodo di durata del piano (2020-2023). Il prelievo è consentito tutti i giorni della settimana, prevedendo anche la possibilità da parte dei proprietari e/o conduttori di fondi agricoli muniti di licenza di caccia di effettuare il controllo, previa richiesta di autorizzazione, la cui validità è di mesi 12 dalla data di rilascio.

A fronte del rischio di introduzione in Italia del virus delle Peste suina africana, la Regione fornirà agli addetti ai lavori opportune indicazioni affinché ogni cinghiale abbattuto che presenti comportamenti anomali, riconducibili a questa specifica infezione, venga segnalato alle autorità competenti quali guardie venatorie, Polizia provinciale, Carabinieri forestali, servizi veterinari delle Asl.
  • emergenza cinghiali
Altri contenuti a tema
Parco della Murgia materana, iniziate le catture di cinghiali Parco della Murgia materana, iniziate le catture di cinghiali Installati undici chiusini per contrastare il fenomeno
Varato un piano per l'abbattimento selettivo dei cinghiali Varato un piano per l'abbattimento selettivo dei cinghiali La Murgia materana una delle aree con maggiori problemi
Emergenza Cinghiali, Braia all’attacco della giunta Bardi Emergenza Cinghiali, Braia all’attacco della giunta Bardi Il consigliere di Avanti Basilicata denuncia l’immobilismo dell’attuale governo regionale rispetto al dilagare del fenomeno
Emergenza cinghiali, la Cia Basilicata rilancia l’allarme Emergenza cinghiali, la Cia Basilicata rilancia l’allarme Una questione da affrontare e un problema da risolvere: ecco alcune proposte
I cinghiali causano più danni delle calamità naturali I cinghiali causano più danni delle calamità naturali Sulla questione Pino Giordano (UGL)
Caccia al cinghiale, approvate nuove direttive regionali Caccia al cinghiale, approvate nuove direttive regionali Tutte le novità sulla gestione faunistico-venatoria del cinghiale
Basilicata, una cabina di regia per l’emergenza cinghiali Basilicata, una cabina di regia per l’emergenza cinghiali Sarà coordinata dal dipartimento agricoltura della Regione
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.