Disabili
Disabili
Enti locali

Contributi per chi assiste familiari con gravi disabilità

Pubblicato un avviso del Comune

C'è tempo fino alle ore 18 del prossimo 2 febbraio 2023, per accedere ai contributi previsti dall'avviso pubblicato nei giorni scorsi dal Comune di Matera (settore Servizi sociali), destinato ai cosiddetti caregiver, ovvero gli assistenti familiari di persone in condizioni di disabilità gravissima.

Il contributo prevede la copertura dell'assistenza indiretta e diretta ed "è orientato al sollievo dei carichi familiari, per la cura e l'assistenza della persona con disabilità", come specificato nell'Avviso. Il contributo è finanziato dal Fondo per il sostegno del ruolo di cura e assistenza del caregiver familiare, istituito presso il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. L'avviso è destinato al supporto ed al riconoscimento del ruolo del caregiver familiare, attraverso interventi di "assistenza indiretta", che si concretano in trasferimenti monetari.

La norma prevede l'aiuto per "la persona che assiste e si prende cura del coniuge, dell'altra parte dell'unione civile tra persone dello stesso sesso, o del convivente di fatto, di un familiare o di un affine entro il secondo grado, di un familiare entro il terzo grado che, a causa di malattia, infermità o disabilità, anche croniche o degenerative, non sia autosufficiente e in grado di prendersi cura di sé, sia riconosciuto invalido in quanto bisognoso di assistenza globale e continua di lunga durata". L'entità del contributo economico è pari a 250 euro mensili per i caregiver familiari di disabili gravissimi; 150 euro mensili per i caregiver familiari di disabili gravi, che saranno erogati in base a un punteggio prestabilito che si finalizzerà in una graduatoria, fino all'esaurimento delle risorse disponibili.

L'assessore alle Politiche sociali, Valeria Piscopiello, nell'esprimere soddisfazione, ringrazia gli uffici per "l'egregio lavoro svolto", ricordando l'importanza di tale sostegno. Soddisfatto anche il sindaco Domenico Bennardi: "È un segnale di aiuto concreto -spiegano Piscopiello e Bennardi- legato alle necessità di tutti i giorni. Purtroppo, in Italia la figura del caregiver non è giuridicamente riconosciuta, né tutelata. Da qui la necessità di andare incontro a chi si prende cura di un congiunto non autosufficiente. Questo è un passo fondamentale per garantire maggiori tutele a tutte le famiglie che, con grossi sacrifici, assistono le persone più fragili".
  • Persone con disabilità
Altri contenuti a tema
Garantiti i programmi regionali di assistenza Garantiti i programmi regionali di assistenza Assegni di cura e assistenza a persone non autosufficienti
Disabilità: fondi per i Centri Ludico Creativi Disabilità: fondi per i Centri Ludico Creativi Un bando del Comune
Contributi assistenza domiciliare a persone con gravi disabilità Contributi assistenza domiciliare a persone con gravi disabilità Provvedimento degli uffici comunali
Spiagge senza barriere per diversamente abili Spiagge senza barriere per diversamente abili Un progetto della Regione per il turismo accessibile a Metaponto
Parcheggi per disabili, mappa virtuale dei posti disponibili Parcheggi per disabili, mappa virtuale dei posti disponibili Il Comune pubblica elenco delle aree di sosta riservate alle persone con disabilità
Tre giorni a Matera per il progetto “Hajnówka accessibile” Tre giorni a Matera per il progetto “Hajnówka accessibile” Polacchi a lezione di accessibilità e inclusione culturale e turistica
Braia: da Matera parta l’approccio corretto per la Basilicata inclusiva Braia: da Matera parta l’approccio corretto per la Basilicata inclusiva Per il consigliere di Italia Viva bisogna rimettere le periferie sociali al centro
Un disability manager per Matera Un disability manager per Matera Lo chiede il movimento Matera2029 insieme ad associazioni e cooperative
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.