coronavirus
coronavirus
Enti locali

Coronavirus: dubbi sul tracciamento dei contatti in Basilicata

Interrogazione di Cifarelli (Pd) dopo un servizio di Report

Il tracciamento dei contatti dei positivi al Sars Cov2 (coronavirus) è davvero al 100 per cento come la Regione Basilicata comunica ogni settimana al Ministero della Salute? Secondo un servizio giornalistico trasmesso ieri nel programma "Report" di RaiTre questa percentuale non è veritiera. Sono state intervistate, infatti, persone positive con cui l'azienda sanitaria di Potenza non si è messa in contatto per risalire alla catena dei "contatti stretti".

Nello stesso programma il coordinatore della task force regionale, Ernesto Esposito, conferma che il tracciamento è completo, secondo quanto viene comunicato dalle aziende sanitarie.

Su questo caso il capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Roberto Cifarelli, ha presentato un'interrogazione. "Dalla visione del programma - afferma - emerge un quadro preoccupante su come la Regione Basilicata e le Aziende sanitarie raccolgono i dati e tracciano i contatti dei positivi al Covid19 e dalle interviste effettuate si rilevano preoccupanti aspetti di disorganizzazione logistica e di approssimazione tecnica nella raccolta e nel trattamento dei dati. E soprattutto emerge in maniera chiara che il dottor Esposito, capo della task force regionale, ed i vertici delle Aziende Sanitarie nelle interviste realizzate non hanno saputo dare risposte esaustive".

L'interrogazione è finalizzata a "conoscere se corrispondono al vero le criticità denunciate dal programma Report e quali iniziative intenda intraprendere l'Assessore regionale insieme al Presidente Bardi per verificare la trasparenza e la coerenza delle procedure utilizzate dalle Aziende Sanitarie territoriali e dagli uffici del Dipartimento preposti alla gestione dell'emergenza Covid19. Ora, al fine di comprendere quanto il virus circoli liberamente in Basilicata, è fondamentale conoscere, ad oggi, i dati reali relativi alla percentuale di tracciamento dei contatti di tutti coloro che sono riscontrati positivi al virus". Se quanto denunciato da Report fosse confermato, oltre ad essere di fronte ad una figuraccia nazionale, mi sembrerebbe chiaro che non vi sia il controllo della situazione nei rapporti tra task force e strutture territoriali. Ne conseguirebbe l'esigenza da parte del capo della task force nonché direttore Generale del Dipartimento della Salute di rassegnare le dimissioni dall'incarico, conclude Cifarelli.
  • Roberto Cifarelli
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Conclusi i tamponi rapidi Covid, la scuola può ripartire Conclusi i tamponi rapidi Covid, la scuola può ripartire Trovati solo due positivi
Covid: vaccini, controlli dei Nas all’ospedale di Matera Covid: vaccini, controlli dei Nas all’ospedale di Matera Verificata la sicurezza dello stoccaggio
Covid: terza fase di 'screening' per le scuole Covid: terza fase di 'screening' per le scuole Da domani al 10 gennaio sono 6mila i test previsti
Covid, iniziate le vaccinazioni all'ospedale di Matera Covid, iniziate le vaccinazioni all'ospedale di Matera Aggiornamento sul bollettino sanitario della Basilicata
Coronavirus, arrivate a Matera le prime dosi del vaccino Coronavirus, arrivate a Matera le prime dosi del vaccino Si comincia dagli operatori sanitari dell'ospedale
Coronavirus, all'ospedale da campo di Matera si faranno tamponi e vaccini Coronavirus, all'ospedale da campo di Matera si faranno tamponi e vaccini Lo comunica il presidente della Regione Bardi
Covid, a rischio indennità malattia di inizio e fine quarantena Covid, a rischio indennità malattia di inizio e fine quarantena L’allarme lanciato dai medici di base
Università, completato il monitoraggio sanitario Università, completato il monitoraggio sanitario Effettuati test antigenici nelle sedi di Matera e Potenza
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.