Immigrati
Immigrati
Cronaca

Donna nigeriana incinta e madre di neonata espulsa da centro accoglienza

Dovrà lasciare il CAS di Matera. Proteste contro il Decreto sicurezza

Una giovane donna nigeriana, madre di una figlia di un anno e incinta, è stata espulsa dal Cas (centro di accoglienza straordinaria) di Matera. Non potrà più dimorare nel centro poiché è stata revocata l'accoglienza, per un provvedimento della Prefettura di Matera.

La Cgil Basilicata e l'Anci (Associazione nazionale dei Comuni) protestano per la decisione della Prefettura e la attribuiscono alle conseguenze del Decreto sicurezza.

La donna ha chiesto asilo politico già dal 2016.

''Ennesimo esempio delle conseguenze nefaste del decreto sicurezza e delle circolari del Ministero dell'Interno'', sostiene Salvatore Adduce, presidente dell'Anci lucana. ''Persino le Prefetture della Basilicata che in questi anni si sono sempre distinte per la capacità di governare il fenomeno migratorio con spirito umanitario e nel rispetto della legge, in una linea di grande collaborazione con i Comuni - aggiunge Adduce - si trovano in una situazione imbarazzante".

Secondo l'Anci lucana, poiché la richiesta di asilo è del 2016, ''per questo caso si deve applicare la vecchia normativa - dice Adduce - che prevede per la giovane mamma nigeriana e per i figli l'inserimento in via prioritaria in uno Sprar (oggi Siproimi) che consenta alla donna di intraprendere quel virtuoso percorso sociale e lavorativo nel territorio italiano. Il suo, infatti, è uno stato di estrema ''vulnerabilità soggettiva'' essendo diventata madre di una bimba nata in Italia. Pochi giorni dopo questo riconoscimento è invece scattato il provvedimento di revoca dell'accoglienza con l'obbligo di lasciare la struttura che la ospitava entro dieci giorni''.

Per questa ragione l'Anci ha chiesto un incontro urgente alla Prefettura di Matera ''per valutare questa situazione e più in generale i gravi problemi generati dal decreto sicurezza''.
  • Accoglienza immigrati
  • Prefettura
  • Migranti
Altri contenuti a tema
La città di Matera ricorda il 21 settembre 1943 La città di Matera ricorda il 21 settembre 1943 Cerimonie per il 78esimo anniversario dell’insurrezione di Matera
Profughi afghani accolti in provincia di Matera Profughi afghani accolti in provincia di Matera Ospitalità a una famiglia e a tre ragazzi
Casino (FI) “Comune di Matera non risponde alle interrogazioni” Casino (FI) “Comune di Matera non risponde alle interrogazioni” Il consigliere di Forza Italia si rivolge al Prefetto
Prefettura: Maria Rita Iaculli è la nuova vicaria Prefettura: Maria Rita Iaculli è la nuova vicaria Incarico affidato da Argentieri
Più controlli su spostamenti e sulla 'movida' serale Più controlli su spostamenti e sulla 'movida' serale Riunione in Prefettura del comitato per la sicurezza pubblica
Prefettura e Provincia a confronto con parti sociali Prefettura e Provincia a confronto con parti sociali Per la sicurezza sul lavoro con i protocolli anti-Covid19
Istituzioni: cambia il prefetto a Matera Istituzioni: cambia il prefetto a Matera Decisione del Consiglio dei ministri. Inoltre è stato sciolto il consiglio di Scanzano
"70 anni d'immigrazione", se ne discute il 9 e 10 novembre in Belgio "70 anni d'immigrazione", se ne discute il 9 e 10 novembre in Belgio Manifestazione promossa dalla Federazione dei Lucani in Belgio
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.