app io
app io
Vita di città

Il Comune sbarca sull'app dei servizi pubblici “io”

Il vicesindaco Acito: “Prosegue il processo di innovazione"

"Se oggi i cittadini hanno l'abitudine di comprare on line un libro, ordinare una pizza o prenotare una camera d'albergo, allo stesso modo e con la stessa facilità deve essere possibile comunicare con il Comune e usufruire dei servizi pubblici". Ad affermarlo è il vicesindaco con delega all'Innovazione, Alberto Acito.
Da oggi, infatti, il Comune di Matera è presente su "IO", l'app della Presidenza del Consiglio che porta sugli smartphone i servizi della Pubblica Amministrazione locale e nazionale. Il primo servizio attivato riguarda il rilascio dei certificati anagrafici, che va ad integrarsi con l'attività già disponibile sul sito web del Comune.
Nelle prossime settimane l'app "IO" offrirà agli utenti materani una serie di nuove possibilità: iscrivere i bambini all'asilo, effettuare pagamenti della mensa o del trasporto scolastico, contravvenzioni e tributi locali, ricevere avvisi Tari o di scadenza della carta di identità.

La piattaforma dei servizi pubblici è scaricabile gratuitamente sul proprio smartphone dagli store Android e Apple. Per iniziare a utilizzare "IO", è sufficiente registrarsi con le credenziali Spid o, in alternativa, con la Carta d'identità elettronica.

"L'Amministrazione comunale sta lavorando per permettere a tutti i cittadini di avere un nuovo e unico punto di accesso telematico ai servizi, alle informazioni e alle comunicazioni della Pubblica amministrazione – spiega Acito -. Abbiamo conseguito questo primo obiettivo in anticipo rispetto ai tempi stabiliti nel decreto Semplificazione e Innovazione digitale, ed oggi Matera è il primo Comune della Basilicata ad aver avviato la migrazione dei servizi online sull'applicazione 'IO'. Quello che stiamo cercando di realizzare è un cambiamento nei rapporti tra cittadino e PA, incentrato su tre aspetti chiave: semplicità, rapidità e trasparenza. L'obiettivo finale è avvicinare il cittadino all'Amministrazione, rendendo semplici meccanismi che spesso si rivelano ancora complessi e macchinosi".
"Al tempo stesso – prosegue il vicesindaco - è anche il Comune ad ottenere benefici importanti: l'Ente può sfruttare la piattaforma 'IO' per l'invio di notifiche e messaggi ai cittadini, transazioni economiche, invio e richiesta di documenti dell'utente".

Il processo di modernizzazione e di crescita, tuttavia, non trascura la possibilità di accedere facilmente ai servizi comunali anche attraverso canali e modalità non digitali: "Tra alcuni giorni, grazie ad apposite convenzioni – afferma Acito – i cittadini potranno accedere ai servizi del Comune anche recandosi alle edicole e ai Caf".
Nella giornata odierna, l'app IO risulta in fase di aggiornamento, pertanto i servizi di tutte le Amministrazioni torneranno disponibili non appena saranno state espletate le scadenze alle quali i Comuni sono tenuti.

L'assessorato all'Innovazione informa, infine, che nel corso dei trenta giorni di attivazione del servizio di anagrafe on line sono stati scaricati oltre 214 certificati, 197 dei quali in esenzione.
  • Comune di Matera
  • Tecnologia
Altri contenuti a tema
Cantieri pubblici, mappa interattiva del Comune Cantieri pubblici, mappa interattiva del Comune Una guida ai lavori in corso d’opera della città
Firmato il patto per il turismo "E-Matera" Firmato il patto per il turismo "E-Matera" Per valorizzare il patrimonio in un'ottica sostenibile
Matera presenta i “Monumentali racconti” Matera presenta i “Monumentali racconti” Un progetto di arte pubblica per trasmettere la memoria della città
Certificati anagrafici, da oggi si può al pc o con app Certificati anagrafici, da oggi si può al pc o con app Primo passo per i nuovi servizi ai cittadini
Copia della Costituzione e bandiera per i nuovi italiani Copia della Costituzione e bandiera per i nuovi italiani Il benvenuto ai nuovi residenti che giurano a Matera
Il Comune cerca due dirigenti Il Comune cerca due dirigenti Per coprire i settori Opere pubbliche e Manutenzione urbana
Da spazi vuoti a realtà culturali e sociali Da spazi vuoti a realtà culturali e sociali Il Comune aderisce al network della “Fondazione Riusiamo l’Italia”.
Il Comune lancia “Idee per il G20” Il Comune lancia “Idee per il G20” Proposte per rendere i cittadini protagonisti dell’evento
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.