Calzoncelli ai ceci
Calzoncelli ai ceci
Territorio

Leccornie lucane: i dolci tipici natalizi della nostra terra

Le ricette tradizionali del periodo natalizio

Non è Natale in Basilicata senza i suoi tradizionali calzoncelli ai ceci e le sue fragranti canestrelle. Impossibile dire di no ai dolci natalizi lucani, pertanto la dieta dovrà aspettare.
Vediamo come si preparano:

Calzoncelli ai ceci e canestrelle
Ingredienti per l'impasto:
- 400gr farina di semola di grano duro
- 60gr zucchero
- 1 uovo
- 50gr olio extravergine di oliva
- 50gr vino bianco
- 50gr succo di arancia
- 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Per il ripieno ai ceci:
- 100gr ceci
- 50gr zucchero
- 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
- 1 cucchiaio di ficotto lucano
- cannella
- 40gr succo di arancia
- 2 cucchiaini di cacao amaro in polvere
Per guarnire: zucchero a velo o Ficotto lucano
Preparazione: Lessare i ceci - dopo averli tenuti a bagno una notte - e una volta cotti, passarli in un mixer o passaverdure insieme a tutti gli ingredienti per il ripieno, fino a formare un composto denso. Passare all'impasto: unire la farina con olio, zucchero, uovo, succo d'arancia, estratto di vaniglia e vino bianco, e mescolare fino a creare un impasto liscio e omogeneo. Coprire e lasciare riposare l'impasto per una mezz'oretta. Con la macchina per la pasta, tirare delle sfoglie molto sottili da tagliare poi a strisce larghe 8-10 cm. Su un lato lungo della striscia, ad intervalli regolari di 3-4 cm, posare un cucchiaino di ripieno. Ripiegare l'altro lato della striscia sull'impasto e con una rotella smerlata, creare dei semicerchi attorno al ripieno.
L'impasto delle canestrelle è uguale a quello dei calzoncelli: per realizzarle occorre tirare delle sfoglie molto sottili lunghe circa 30 cm e tagliare in fasce larghe 3 cm. Ogni 3 cm pizzicare insieme i due lembi di pasta e arrotolare la striscia saldandola con altri pizzichi nel centro e nella parte finale, formando come dei fiori.
Dopodiché scaldare mezzo litro di olio per friggere le canestrelle e poi i calzoncelli, e una volta dorate adagiarle sulla carta da cucina, che assorbirà l'olio in eccesso.
Infine guarnire con zucchero a velo e ficotto lucano.

E voi, avete già degustato queste prelibatezze a tavola?
  • Enogastronomia
  • Natale
Altri contenuti a tema
C’è anche uno studente lucano tra i 40 più talentuosi d’Italia C’è anche uno studente lucano tra i 40 più talentuosi d’Italia Il premio? Una settimana di formazione con Rettore Gualtiero Marchesi
1 Il prossimo fine settimana a Matera arriva il Festival dello Street Food Il prossimo fine settimana a Matera arriva il Festival dello Street Food Oltre cento proposte gastronomiche provenienti da tutta Italia riempiranno piazza Matteotti da venerdì a domenica
Quattro giovani talenti della gastronomia dell’alberghiero di Matera protagonisti alla BIT Quattro giovani talenti della gastronomia dell’alberghiero di Matera protagonisti alla BIT Merito di un dolce che conquista la giuria
12 puntate per raccontare l’evoluzione dei nostri piatti tipici   12 puntate per raccontare l’evoluzione dei nostri piatti tipici   L’Amministrazione Comunale autorizza le riprese alla Società di Produzione “Andrisani LTD” di Londra
Arriva la XX° del concorso gastronomico “La luce e il cibo” Arriva la XX° del concorso gastronomico “La luce e il cibo” Protagonista l’Associazione Cuochi Materani
Nella Guida Michelin 2017 ben 4 riconoscimenti per Matera Nella Guida Michelin 2017 ben 4 riconoscimenti per Matera Si rafforza il “mangiare bene mangiare lucano”
Curiosità legate al Capodanno e ai costumi a tavola Curiosità legate al Capodanno e ai costumi a tavola Quando stupire è la vostra parola d’ordine
Il Galateo in tavola Il Galateo in tavola Consigli su come accogliere gli ospiti.
© 2001-2017 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.